Formazione 4 Settembre 2017 15:09

Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia

Il fatidico giorno del test nazionale per la facoltà di Medicina e Chirurgia è arrivato: il 5 settembre infatti, 66.907 ragazzi proveranno a superare la temutissima prova d’ingresso

Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia

Quest’anno, la lotta sarà ancora più dura. I posti disponibili per iscriversi alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, infatti, sono 9100 a livello nazionale: 124 in meno rispetto al 2016 e oltre 400 riguardo al 2015. Questo vuol dire che solo 1 candidato su 7 riuscirà ad immatricolarsi (sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è possibile consultare l’elenco della suddivisione dei posti per i singoli atenei).

LEGGI ANCHE AL VIA I TEST PER L’ACCESSO A MEDICINA: SOLO UN CANDIDATO SU SETTE CE LA FARÀ. ECCO TUTTI I NUMERI

L’aumento del numero dei candidati, accompagnato dalla diminuzione dei posti disponibili, rende la prova decisamente ardua.  E più si avvicina il momento, più sale “l’ansia da esame”: notti in bianco, insicurezze, difficoltà di concentrazione, problemi di memoria, paura di aver studiato poco. Come vincere la tensione? Ecco qualche “prezioso” consiglio consultabile al sito www.numerochiuso.info, lo sportello virtuale per chiarire i dubbi e dare supporto in vista di una prova che si preannuncia sempre più selettiva.

  • Per non arrivare alla prova in balìa di stress e ansia, sì alle simulazioni online e ai gruppi di studio per ripassare insieme: sono un’occasione per confrontarsi, chiarire le ultime incertezze e mettersi alla prova
  • Il giorno del test, occhi aperti su scheda anagrafica e modulo delle risposte; la mancata compilazione della prima, come è successo lo scorso anno, porta all’annullamento delle prove
  • Ѐ opportuno prestare attenzione anche al foglio delle risposte che può essere invalidato in caso di segni o scarabocchi. Il suggerimento è prendere appunti su un foglio di brutta e inserire solo alla fine le soluzioni sul modulo originale.
  • Ѐ raccomandabile leggere brevemente l’intero questionario (due minuti) e rispondere prima ai quesiti che si conoscono per poi dedicarsi a quelli più insidiosi
  • Attenzione a violazioni ed anomalie

Le più frequenti riscontrate in sede d’esame negli anni scorsi sono state: utilizzo di smartphone, tempi di consegna non rispettati, violazione dell’anonimato dei partecipanti e dell’obbligo di segretezza circa il contenuto delle domande. Infrazioni che hanno convinto molti universitari che non avevano superato il test a muoversi legalmente per portare avanti il sogno di diventare medici.

VAI ALLA GALLERY SUL SITO WWW.NUMEROCHIUSO.INFO

Cosa fare, infatti, se si riscontrano irregolarità tali da pregiudicare l’esito del test d’ammissione? www.numerochiuso.info corre in aiuto di tutti gli aspiranti medici: l’obiettivo del portale è raccogliere segnalazioni su eventuali trasgressioni o inadempienze, garantire supporto e fornire informazioni su come tutelarsi.

Attiva anche una pagina Facebook che riunisce gli studenti contrari al numero chiuso per le facoltà medico-sanitarie: è stata anche lanciata una campagna social attraverso l’hashtag #AccessoNegato.

Che dire di più?  Mantenere la calma, fare un respiro profondo e liberarsi dai pensieri inutili: massima concentrazione e buona fortuna a tutti.

 

Articoli correlati
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
Recovery Plan, Carbone (Fials): «Nove miliardi alla sanità una presa in giro, ne servono almeno 35-40. Abolire il numero chiuso»
Il Segretario generale del sindacato Fials tuona contro la bozza del Recovery Plan e chiede più risorse per la sanità. Poi contesta la discriminante sulle indennità tra professioni sanitarie nella Legge di Bilancio: «Non riempiamoci la bocca continuando a chiamarli eroi e poi materialmente li discriminiamo»
Posticipare l’orario di ingresso a scuola: il rendimento degli studenti ci guadagna
Dormire di più aumenta il livello di attenzione e migliora le prestazioni scolastiche. È quanto ha dimostrato lo studio pilota coordinato dal Dipartimento di Psicologia della Sapienza Università di Roma e pubblicato sulla rivista Nature and Science of Sleep
Carenza medici: in Legge di Bilancio ripescaggio per esclusi al test che hanno fatto ricorso
Presentato l’emendamento a firma dell’onorevole Vito De Filippo: con il provvedimento potranno entrare alla Facoltà di Medicina i candidati che hanno presentato ricorso al Tar. Consulcesi: «C’è tempo solo fino all’11 dicembre per l’azione legale»
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...