Formazione 22 Giugno 2016 15:42

«Un “TripAdvisor” della sanità per i pazienti. Così rendiamo trasparente la formazione dei medici»

È la proposta di Claudia Uccelli (Pazienti.it): «Medico adeguatamente formato è garanzia per i cittadini»

Formazione e trasparenza. È quel che i pazienti chiedono oggi ai medici. Una formazione continua vera, un aggiornamento costante alle ultime scoperte e innovazioni in campo sanitario. Ma anche una maggiore trasparenza da parte dei camici bianchi e dello Stato nel comunicare ai cittadini l’effettivo livello di formazione e aggiornamento raggiunto dagli operatori sanitari. Un medico pienamente formato è quel che chiede anche il portale Pazienti.it, punto di riferimento in Italia per quanto riguarda tutto ciò che interessa il mondo medico/sanitario visto dagli occhi dei cittadini. Sanità informazione ha parlato con Claudia Uccelli, CEO di Pazienti.it.


«I pazienti richiedono sempre più informazioni circa specialisti e professionisti sanitari, tant’ è che arrivano addirittura a chiedere il curriculum del medico che stanno cercando. Diventa dunque fondamentale riuscire a dare quante più informazioni possibili riguardo l’esperienza, il curriculum e la formazione dei professionisti sanitari».

Un medico adeguatamente formato e che è in regola con l’obbligo ECM è anche una garanzia in più proprio per i pazienti.

«Certamente, è una garanzia in più ed è un diritto di tutti i pazienti avere queste informazioni ben visibili e fruibili da qualsiasi tipo di dispositivo. Diventa secondo me una cosa fondamentale e tutti gli stakeholder digitali e non dovranno lavorare per andare incontro alle richieste dei pazienti».

Dalla FNOMCeO arriva una proposta concreta per una maggiore trasparenza: tutti i medici che sono in regola con l’accreditamento ECM potrebbero esporre i loro crediti in bacheca e negli studi e negli ambulatori. Questa trasparenza è una proposta che potreste appoggiare?

«Assolutamente sì, non solo l’appoggiamo, ma stiamo anche valutando di rendere disponibile dei sistemi di ranking dove al medico viene attribuito un punteggio sulla base della formazione fatta».

Ci può spiegare meglio come funzionerebbe questo ranking?

«Ormai i pazienti cercano sempre più spesso i feedback di altri pazienti sui medici. Quindi si hanno delle opinioni, delle recensioni e con il sistema di stelle da 1 a 5 il medico viene valutato sulla base degli aggiornamenti che fa».

Una sorta di Tripadvisor?

«Esatto, ma con informazioni certificate».

Articoli correlati
Elezioni, maggioranza al centrodestra e Meloni verso Palazzo Chigi. Ecco il programma sanità della coalizione
Oltre il 44% per il centrodestra, con Fdi primo partito al 26,15. Staccato il centrosinistra al 26,3%, M5S regge con il 15,5%. Tra le proposte di Fratelli d’Italia una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid e la creazione di una Autorità Garante della Salute. Cambiamenti attesi anche per la riforma della sanità territoriale
di Francesco Torre
Obbligo ECM, partite le lettere del Cogeaps. Monaco: «Ora tocca agli Ordini prendere provvedimenti»
Intervista al presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie. Rischio sanzioni e mancata copertura assicurativa per chi non è in regola
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi