Formazione 20 Settembre 2017

Test Medicina, pubblicati i punteggi anonimi. I più bravi a Padova, Milano e Bologna

L’87,26% dei candidati è risultato idoneo, ottenendo il punteggio minimo di 20. È di 44,68 il risultato medio degli aspiranti medici, ma secondo le proiezioni si deve aver ottenuto almeno 60 punti per sperare in un posto in facoltà

Erano 60.038 i candidati al test di medicina; quasi 7mila ragazzi hanno quindi rinunciato in partenza, non presentandosi il giorno del test, visto che si erano iscritti in 66907. 52.389 studenti, l’87,26% del totale, hanno superato la soglia minima dei 20 punti necessari per essere idonei e concorrere ai posti disponibili. Il punteggio medio nazionale tra coloro che sono risultati idonei è di 44,68, con l’ateneo di Pavia che ottiene il punteggio medio più elevato (49,81). I più bravi hanno fatto il test a Padova, dove il 93,61% dei candidati è risultata idoneo, ma lo studente che ha totalizzato il punteggio più alto in Italia è di Milano: ha conseguito 88,5 e ha sbagliato solamente una domanda di cultura generale. I primi 100 candidati sono concentrati in 26 atenei. Quelli che hanno avuto più candidate e candidati tra i primi 100 sono Bologna (19), Padova (17) e Milano (15).

Sono i dati diffusi dal Ministero dell’Istruzione, comunicando la pubblicazione in forma anonima dei risultati del test di medicina nell’area riservata ad ogni iscritto sul sito www.universitaly.it. Sono subito iniziati allora i confronti con i risultati degli anni passati: i punteggi medi dell’edizione 2017 sono più bassi degli anni scorsi; un anno fa ben 9 ragazzi erano riusciti a rispondere correttamente a tutte le domande, e il punteggio medio su scala nazionale era 48,36, quasi 4 punti in più rispetto a quest’anno. Difficile dire se questi dati siano legati ad una maggiore difficoltà del test o ad una minore preparazione dei candidati.

Gli studenti hanno poi iniziato a discutere su forum, blog e gruppi Facebook, di stime di punteggi minimi per accaparrarsi la possibilità di immatricolarsi alla facoltà di medicina: risultare idonei è infatti condizione necessaria ma non sufficiente per concorrere ai primi posti della graduatoria. Le proiezioni suggeriscono un punteggio minimo intorno a 60 punti, che tuttavia potrà variare in base al numero dei posti disponibili e dei candidati iscritti di ogni ateneo. Tanto per avere dei dati di riferimento, va ricordato che nel 2016 l’ultimo candidato che è riuscito ad entrare a Milano Bicocca aveva ottenuto 75,6 punti, mentre a Catanzaro era bastato totalizzare 63,3 punti.

Le prossime date che gli aspiranti medici e odontoiatri devono ora segnare sul calendario sono il 29 settembre, quando verranno pubblicati i risultati nominali, e il 3 ottobre, giorno della pubblicazione della graduatoria nazionale di merito nominativa, che chiarirà definitivamente ad ogni candidato se ha ottenuto il posto, se risulta prenotato o in attesa, caso in cui dovrà attendere gli scorrimenti della graduatoria. Il primo di questi è previsto per il 4 ottobre, dopo di che la graduatoria verrà aggiornata settimanalmente ogni martedì.

Articoli correlati
Scuole di Specializzazione, il nuovo bando discriminati i medici stranieri. Scoppia la polemica
Il nuovo bando pubblicato dal MIUR ha infatti introdotto tra i requisiti per i medici stranieri il possesso del certificazione di lingua italiana C1
Scuole di specializzazione, il MIUR pubblica il bando 2018/2019
La prova unica nazionale per l’accesso si svolgerà il 2 luglio 2019. I termini per la presentazione delle domande di partecipazione vanno dal 9 maggio 2019 alle ore 15.00 del 21 maggio 2019
«Per i medici specialisti un contratto di formazione-lavoro». L’annuncio del ministro Giulia Grillo
«Aggiornare il Contratto di formazione specialistica» la nuova proposta del ministro Giulia Grillo che coinvolge anche il Miur. «In tanti Paesi europei è già così: per quale motivo i giovani medici italiani dovrebbero essere considerati eterni studenti?». La proposta è stata accolta positivamente dalla Federazione CIMO-FESMED, da Anaao Assomed e Anaao Giovani
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano