Giovani 20 Settembre 2017

Test Medicina, pubblicati i punteggi anonimi. I più bravi a Padova, Milano e Bologna

L’87,26% dei candidati è risultato idoneo, ottenendo il punteggio minimo di 20. È di 44,68 il risultato medio degli aspiranti medici, ma secondo le proiezioni si deve aver ottenuto almeno 60 punti per sperare in un posto in facoltà

Erano 60.038 i candidati al test di medicina; quasi 7mila ragazzi hanno quindi rinunciato in partenza, non presentandosi il giorno del test, visto che si erano iscritti in 66907. 52.389 studenti, l’87,26% del totale, hanno superato la soglia minima dei 20 punti necessari per essere idonei e concorrere ai posti disponibili. Il punteggio medio nazionale tra coloro che sono risultati idonei è di 44,68, con l’ateneo di Pavia che ottiene il punteggio medio più elevato (49,81). I più bravi hanno fatto il test a Padova, dove il 93,61% dei candidati è risultata idoneo, ma lo studente che ha totalizzato il punteggio più alto in Italia è di Milano: ha conseguito 88,5 e ha sbagliato solamente una domanda di cultura generale. I primi 100 candidati sono concentrati in 26 atenei. Quelli che hanno avuto più candidate e candidati tra i primi 100 sono Bologna (19), Padova (17) e Milano (15).

Sono i dati diffusi dal Ministero dell’Istruzione, comunicando la pubblicazione in forma anonima dei risultati del test di medicina nell’area riservata ad ogni iscritto sul sito www.universitaly.it. Sono subito iniziati allora i confronti con i risultati degli anni passati: i punteggi medi dell’edizione 2017 sono più bassi degli anni scorsi; un anno fa ben 9 ragazzi erano riusciti a rispondere correttamente a tutte le domande, e il punteggio medio su scala nazionale era 48,36, quasi 4 punti in più rispetto a quest’anno. Difficile dire se questi dati siano legati ad una maggiore difficoltà del test o ad una minore preparazione dei candidati.

Gli studenti hanno poi iniziato a discutere su forum, blog e gruppi Facebook, di stime di punteggi minimi per accaparrarsi la possibilità di immatricolarsi alla facoltà di medicina: risultare idonei è infatti condizione necessaria ma non sufficiente per concorrere ai primi posti della graduatoria. Le proiezioni suggeriscono un punteggio minimo intorno a 60 punti, che tuttavia potrà variare in base al numero dei posti disponibili e dei candidati iscritti di ogni ateneo. Tanto per avere dei dati di riferimento, va ricordato che nel 2016 l’ultimo candidato che è riuscito ad entrare a Milano Bicocca aveva ottenuto 75,6 punti, mentre a Catanzaro era bastato totalizzare 63,3 punti.

Le prossime date che gli aspiranti medici e odontoiatri devono ora segnare sul calendario sono il 29 settembre, quando verranno pubblicati i risultati nominali, e il 3 ottobre, giorno della pubblicazione della graduatoria nazionale di merito nominativa, che chiarirà definitivamente ad ogni candidato se ha ottenuto il posto, se risulta prenotato o in attesa, caso in cui dovrà attendere gli scorrimenti della graduatoria. Il primo di questi è previsto per il 4 ottobre, dopo di che la graduatoria verrà aggiornata settimanalmente ogni martedì.

Articoli correlati
Numero chiuso Medicina, la rabbia dei candidati: «Cellulari, penne non ritirate e auricolari. Questa non è meritocrazia»
Da Nord a Sud Sanità Informazione ha raccolto diverse segnalazioni di irregolarità da parte di alcuni studenti: «Con questi atteggiamenti si recuperano punti che sono fondamentali per noi che lottiamo per pochi decimi»
«Sono un infermiere e ho lottato contro il Covid-19 a Milano. Ma ora sogno di diventare medico»
Dalle corsie dell’Istituto geriatrico Redaelli alle aule della Statale per il test di Medicina: «Sono curioso ed appassionato della materia, avevo deciso prima del Covid»
di Federica Bosco
Test medicina, caos codici e irregolarità: «Rischio prove nulle in 2 università su 3»
Secondo quanto riporta Consulcesi, sarebbero «ben 23 atenei su 37 ad essere implicati in illeciti e anomalie»
Test di ingresso alle facoltà a numero chiuso, studenti e università: «No alle crocette»
Consapevoli della necessità di un filtro, c'è chi propone lo sbarramento alla fine del primo o del secondo anno e chi protende per la 'selezione naturale'
«Io, affetto da diabete dall’età di due anni, diventerò diabetologo pediatrico». La storia di un aspirante medico
Il ragazzo racconta ai nostri microfoni la sua storia e la determinazione nell’affrontare il test di Medicina: «Voglio aiutare i bambini che sono nella mia stessa situazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto