Formazione 20 settembre 2017

Test Medicina, pubblicati i punteggi anonimi. I più bravi a Padova, Milano e Bologna

L’87,26% dei candidati è risultato idoneo, ottenendo il punteggio minimo di 20. È di 44,68 il risultato medio degli aspiranti medici, ma secondo le proiezioni si deve aver ottenuto almeno 60 punti per sperare in un posto in facoltà

Erano 60.038 i candidati al test di medicina; quasi 7mila ragazzi hanno quindi rinunciato in partenza, non presentandosi il giorno del test, visto che si erano iscritti in 66907. 52.389 studenti, l’87,26% del totale, hanno superato la soglia minima dei 20 punti necessari per essere idonei e concorrere ai posti disponibili. Il punteggio medio nazionale tra coloro che sono risultati idonei è di 44,68, con l’ateneo di Pavia che ottiene il punteggio medio più elevato (49,81). I più bravi hanno fatto il test a Padova, dove il 93,61% dei candidati è risultata idoneo, ma lo studente che ha totalizzato il punteggio più alto in Italia è di Milano: ha conseguito 88,5 e ha sbagliato solamente una domanda di cultura generale. I primi 100 candidati sono concentrati in 26 atenei. Quelli che hanno avuto più candidate e candidati tra i primi 100 sono Bologna (19), Padova (17) e Milano (15).

Sono i dati diffusi dal Ministero dell’Istruzione, comunicando la pubblicazione in forma anonima dei risultati del test di medicina nell’area riservata ad ogni iscritto sul sito www.universitaly.it. Sono subito iniziati allora i confronti con i risultati degli anni passati: i punteggi medi dell’edizione 2017 sono più bassi degli anni scorsi; un anno fa ben 9 ragazzi erano riusciti a rispondere correttamente a tutte le domande, e il punteggio medio su scala nazionale era 48,36, quasi 4 punti in più rispetto a quest’anno. Difficile dire se questi dati siano legati ad una maggiore difficoltà del test o ad una minore preparazione dei candidati.

Gli studenti hanno poi iniziato a discutere su forum, blog e gruppi Facebook, di stime di punteggi minimi per accaparrarsi la possibilità di immatricolarsi alla facoltà di medicina: risultare idonei è infatti condizione necessaria ma non sufficiente per concorrere ai primi posti della graduatoria. Le proiezioni suggeriscono un punteggio minimo intorno a 60 punti, che tuttavia potrà variare in base al numero dei posti disponibili e dei candidati iscritti di ogni ateneo. Tanto per avere dei dati di riferimento, va ricordato che nel 2016 l’ultimo candidato che è riuscito ad entrare a Milano Bicocca aveva ottenuto 75,6 punti, mentre a Catanzaro era bastato totalizzare 63,3 punti.

Le prossime date che gli aspiranti medici e odontoiatri devono ora segnare sul calendario sono il 29 settembre, quando verranno pubblicati i risultati nominali, e il 3 ottobre, giorno della pubblicazione della graduatoria nazionale di merito nominativa, che chiarirà definitivamente ad ogni candidato se ha ottenuto il posto, se risulta prenotato o in attesa, caso in cui dovrà attendere gli scorrimenti della graduatoria. Il primo di questi è previsto per il 4 ottobre, dopo di che la graduatoria verrà aggiornata settimanalmente ogni martedì.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Abolizione numero chiuso: è la volta buona. Tiramani (Lega): «C’è convergenza Lega-M5S. Avanti solo meritevoli»
Parla il Deputato che ha presentato la proposta di legge per cancellare i test di ingresso. Anche Grillo e Salvini per il superamento: «Il fatto che anche autorevoli esponenti di altri partiti come il PD la pensino in questo modo vuol dire che abbiamo colto nel segno»
Numero chiuso, cresce il fronte per l’abolizione. Grillo: «Rischiamo di perdere grandi medici, serve meccanismo meritocratico»
Il Ministro è intenzionato a rivedere le norme di accesso alla Facoltà di Medicina. E anche il vicepremier Salvini appoggia la proposta: «Non è possibile che migliaia di ragazzi italiani debbano scappare all’estero per studiare, specializzarsi e cominciare a lavorare in ospedale»
Test Medicina, i genitori contestano il numero chiuso: «Sia creato sbarramento durante il corso di studi»
Tanti i genitori degli aspiranti camici bianchi davanti l'Università Federico II di Napoli il giorno della prova. E c'è chi sottolinea: «Se un ragazzo è bravo deve avere la possibilità di poterlo dimostrare non in un test che dura poco più di un’ora»
di Isabella Faggiano
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...