Formazione 22 settembre 2015

Test Medicina, ecco la mappa delle irregolarità

Il dossier di Sanità informazione: etichette sbagliate, anonimato violato, studenti ammessi in ritardo e doppie penne. Ecco le denunce che potrebbero scatenare l’ennesima ondata di ricorsi

Immagine articolo

La bufera potrebbe scatenarsi il 2 ottobre, ma sui test di accesso a Medicina soffiano già venti di burrasca. Venerdì della prossima settimana verranno pubblicate le graduatorie nazionali. Nel frattempo l’attesa è ingannata da segnalazioni di anomalie e irregolarità che, giorno dopo giorno, diventano sempre più numerose.


Non siamo certo ai livelli del clamoroso pastrocchio dello scorso anno quando a Bari arrivò in aula già aperto il plico contenente i questionari e ci fu un incredibile ondata di ricorsi. Un bis non è proprio una eventualità da escludere stando a quanto ha raccolto in questo dossier Sanità informazione sia su portali e forum per gli studenti, sia basandosi sulle segnalazioni raccolte dallo sportello virtuale www.numerochiuso.info.

Cosa sarebbe successo? Si spazia su più fronti. L’irregolarità più diffusa riguarda l’apposizione errata dell’etichetta con i propri riferimenti sui compiti. Di casi se sono registrati a macchia di leopardo un po’ in tutta Italia. Stessa diffusione anche per un’altra anomalia piuttosto curiosa: durante la prova viene fornita una penna ad ogni candidato ed è l’unica che può essere usata. Invece, allo scadere del tempo, in molti ne hanno estratta un’altra dal taschino della giacca o dallo zaino per provare a completare i quiz in attesa che la commissione passasse tra i banchi per ritirare i fogli. A Foggia e Torino, invece, è stato consentito l’accesso alle aule ai ritardatari. Nella cittadina pugliese sono stati anche allertati i carabinieri che hanno redatto un verbale: la mamma di un altro candidato ha denunciato che tre ragazze sono state ammesse alla prova dopo la chiusura delle aule e senza superare il metal detector. A Palermo si sono sentiti squillare telefoni cellulari durante l’esecuzione del test e a Roma – all’università “Sapienza” – diversi studenti hanno visto e filmato un plico delle prove lasciato (chiuso ma incustodito) in un corridoio per circa 45 minuti. Tra i casi più eclatanti quello di Perugia dove non sarebbero state rispettate le procedure per l’anonimato. Secondo il consigliere regionale del M5S, Andrea Liberati, «la prova andrebbe ripetuta a garanzia degli studenti e a tutela dell’immagine dell’università di Perugia». Nell’ateneo umbro sarebbero 200 le aspiranti matricole coinvolte mentre in tutta Italia si parla di 5000 test irregolari. Quindi il 10% delle prove sarebbe a rischio annullamento.

Numeri da prendere con le molle in attesa delle graduatorie del 2 ottobre che verranno precedute dalla possibilità (da oggi) di visualizzare il proprio punteggio sul sito del Ministero, utilizzando la propria password. Dal 7 ottobre invece  sul sito www.accessoprogrammato.com verranno infatti resi noti gli esiti dei test: se il candidato legge “assegnato” accanto al proprio nome potrà immatricolarsi direttamente nella Università preferita (in base alla lista compilata in fase di iscrizione e presentazione della domanda); se c’è scritto “prenotato” significa che ce l’ha fatta, ma dovrà optare per una seconda scelta o attendere sperando in eventuali scivolamenti che lascino posti liberi nella prima preferenza; quando, infine, si legge “non idoneo” le porte della facoltà di Medicina sono sbarrate per l’anno scolastico 2015/2016.

A meno che non si voglia tentare la strada del ricorso, che sfruttando le falle del sistema del numero chiuso, ha permesso migliaia di iscrizioni in sovrannumero. Considerando le premesse, anche quest’anno se ne prevedono una infinità. Un chiaro segnale anche al Miur sulla necessità di rivedere il sistema d’accesso. Migliorare la prova è stato solo un palliativo mentre servirebbe una cura da cavallo.

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test
Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d'accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d'ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Numero chiuso e imbuto formativo, sempre più difficile diventare medico. In 10 anni 10mila medici via dall’Italia
Mestiere “a rischio estinzione” per il network legale Consulcesi. Il Presidente Massimo Tortorella: «Ancora troppa incertezza sul destino degli studenti. Ci saranno più posti a disposizione? Si passerà a un sistema alla francese? Servono risposte certe subito». Atenei in crisi: dal 2008 a oggi i docenti sono scesi da 63.228 a 53.801
Riforma numero chiuso, Fioramonti (Viceministro Miur): «Medicina sia sbocco finale di un percorso integrato»
Il delegato all’Università di Viale Trastevere parla della riforma del test di accesso a Medicina: «La modalità su cui cominciamo a riflettere è quella di un primo anno o di un percorso iniziale integrato tra varie discipline così che la medicina non sia più un percorso isolato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...