Formazione 22 Settembre 2015

Test Medicina, ecco la mappa delle irregolarità

Il dossier di Sanità informazione: etichette sbagliate, anonimato violato, studenti ammessi in ritardo e doppie penne. Ecco le denunce che potrebbero scatenare l’ennesima ondata di ricorsi

Immagine articolo

La bufera potrebbe scatenarsi il 2 ottobre, ma sui test di accesso a Medicina soffiano già venti di burrasca. Venerdì della prossima settimana verranno pubblicate le graduatorie nazionali. Nel frattempo l’attesa è ingannata da segnalazioni di anomalie e irregolarità che, giorno dopo giorno, diventano sempre più numerose.


Non siamo certo ai livelli del clamoroso pastrocchio dello scorso anno quando a Bari arrivò in aula già aperto il plico contenente i questionari e ci fu un incredibile ondata di ricorsi. Un bis non è proprio una eventualità da escludere stando a quanto ha raccolto in questo dossier Sanità informazione sia su portali e forum per gli studenti, sia basandosi sulle segnalazioni raccolte dallo sportello virtuale www.numerochiuso.info.

Cosa sarebbe successo? Si spazia su più fronti. L’irregolarità più diffusa riguarda l’apposizione errata dell’etichetta con i propri riferimenti sui compiti. Di casi se sono registrati a macchia di leopardo un po’ in tutta Italia. Stessa diffusione anche per un’altra anomalia piuttosto curiosa: durante la prova viene fornita una penna ad ogni candidato ed è l’unica che può essere usata. Invece, allo scadere del tempo, in molti ne hanno estratta un’altra dal taschino della giacca o dallo zaino per provare a completare i quiz in attesa che la commissione passasse tra i banchi per ritirare i fogli. A Foggia e Torino, invece, è stato consentito l’accesso alle aule ai ritardatari. Nella cittadina pugliese sono stati anche allertati i carabinieri che hanno redatto un verbale: la mamma di un altro candidato ha denunciato che tre ragazze sono state ammesse alla prova dopo la chiusura delle aule e senza superare il metal detector. A Palermo si sono sentiti squillare telefoni cellulari durante l’esecuzione del test e a Roma – all’università “Sapienza” – diversi studenti hanno visto e filmato un plico delle prove lasciato (chiuso ma incustodito) in un corridoio per circa 45 minuti. Tra i casi più eclatanti quello di Perugia dove non sarebbero state rispettate le procedure per l’anonimato. Secondo il consigliere regionale del M5S, Andrea Liberati, «la prova andrebbe ripetuta a garanzia degli studenti e a tutela dell’immagine dell’università di Perugia». Nell’ateneo umbro sarebbero 200 le aspiranti matricole coinvolte mentre in tutta Italia si parla di 5000 test irregolari. Quindi il 10% delle prove sarebbe a rischio annullamento.

Numeri da prendere con le molle in attesa delle graduatorie del 2 ottobre che verranno precedute dalla possibilità (da oggi) di visualizzare il proprio punteggio sul sito del Ministero, utilizzando la propria password. Dal 7 ottobre invece  sul sito www.accessoprogrammato.com verranno infatti resi noti gli esiti dei test: se il candidato legge “assegnato” accanto al proprio nome potrà immatricolarsi direttamente nella Università preferita (in base alla lista compilata in fase di iscrizione e presentazione della domanda); se c’è scritto “prenotato” significa che ce l’ha fatta, ma dovrà optare per una seconda scelta o attendere sperando in eventuali scivolamenti che lascino posti liberi nella prima preferenza; quando, infine, si legge “non idoneo” le porte della facoltà di Medicina sono sbarrate per l’anno scolastico 2015/2016.

A meno che non si voglia tentare la strada del ricorso, che sfruttando le falle del sistema del numero chiuso, ha permesso migliaia di iscrizioni in sovrannumero. Considerando le premesse, anche quest’anno se ne prevedono una infinità. Un chiaro segnale anche al Miur sulla necessità di rivedere il sistema d’accesso. Migliorare la prova è stato solo un palliativo mentre servirebbe una cura da cavallo.

Articoli correlati
A Modena il primo Congresso nazionale degli studenti di Medicina: «Così promuoviamo la ricerca»
Luca e Valeria, del comitato organizzativo del Congresso MoReMED, sul test di ingresso: «Siano valutati conoscenze scientifiche e percorso di studio precedente». E sull’imbuto formativo: «Se si abbassa l’importo dei contratti per le scuole di specializzazione, ci sarebbero risorse per aumentare il numero di posti»
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
Scuole specializzazione, Bonsignore (FNOMCeO): «No a deroghe su qualità formazione né a chiusure»
Una scuola su quattro rischierebbe l’accreditamento perché non rispetterebbe gli standard qualitativi previsti. Il coordinatore dell’Osservatorio giovani della FNOMCeO: «Le reti formative integrino università, ospedali e territorio». E sul numero chiuso: «Prova di accesso attuale non fa gran selezione. Dovrebbero essere valutate anche le motivazioni dei candidati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...