Formazione 3 Ottobre 2017 13:22

Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale

Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa

Mentre il MIUR pubblica la graduatoria unica nazionale in base ai risultati del test per l’accesso alla facoltà di medicina, centinaia di aspiranti camici bianchi già sono sul piede di guerra e annunciano una valanga di ricorsi: da Milano a Cagliari, infatti, nessuna sede in cui si è svolto il test sembra essere esente dalle denunce di irregolarità.

Da settimane, il portale web www.numerochiuso.info riceve centinaia di segnalazioni da parte degli studenti: rispetto al 2016, le irregolarità denunciate sono aumentate del 75%, dato davanti al quale le istituzioni non sono rimaste sorde: il Senatore Questore UDC Antonio De Poli ha infatti presentato un’apposita interrogazione parlamentare rivolta al Ministro dell’Istruzione. «È necessaria l’introduzione di un sistema selettivo maggiormente equilibrato» sostiene De Poli, che propone l’emanazione di un provvedimento finalizzato all’allargamento della platea degli studenti che si potranno iscrivere ai corsi di laurea ad accesso programmato, quantomeno per coloro i quali, inevitabilmente, si rivolgeranno ai Tar di tutta Italia. L’interrogazione ha già raccolto il sostegno di altri 11 senatori rappresentanti dei diversi partiti politici.

LEGGI L’INTERVISTA AL SENATORE DE POLI

«Bene l’iniziativa del senatore De Poli, da tempo auspichiamo si possa aprire un tavolo di confronto con il Ministero dell’Istruzione e con il Ministro, con l’intento di contribuire a migliorare le condizioni d’esame per i giovani candidati». È quanto dichiarano i responsabili del portale dedicato al numero chiuso. «L’obiettivo è quello di trovare una soluzione normativa che possa sanare l’annosa questione delle irregolarità e al contempo arginare la carenza di operatori sanitari che si prospetta nel prossimo futuro», concludono.

Intanto, per far sentire la voce degli studenti contrari al numero chiuso per le facoltà medico-sanitarie, è stata lanciata una campagna social attraverso l’hashtag #AccessoNegato. Inoltre, sono a disposizione oltre 1000 consulenti consultabili gratuitamente attraverso il numero verde 800.122.777 e sul sito www.numerochiuso.info.

Articoli correlati
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
Numero chiuso, come cambierà l’accesso all’università. La maggioranza chiede un aumento dei posti del 10%
Nella risoluzione approvata in commissione Cultura alla Camera, che farà da cornice alla riforma, i deputati chiedono di rendere disponibili corsi di preparazione preliminari gratuiti. E nel lungo periodo si punta a un rapporto di uno a uno tra gli accessi alla facoltà di medicina e gli ulteriori percorsi di formazione post lauream
di Francesco Torre
Cambia il test di Medicina ma resta il numero chiuso. La ministra Messa: addio a cultura generale e arriva il TOLC
In un'intervista al Corriere della Sera la ministra dell'Università ha parlato di un cambiamento nelle modalità del test di Medicina: si saluterà il "concorsone" in virtù di un esame TOLC, come succede a Ingegneria, con più risultati comparabili e più possibilità a partire già dal quarto anno di liceo
Numero chiuso a Medicina, Consulcesi: «Da imbuto a “voragine” formativa, abbiamo bisogno di più laureati»
Tra 5 anni, si avranno 20mila posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli
Anche il CNEL contro il “numero chiuso” a Medicina, al Senato proposta di legge su orientamento e accesso ai corsi
Il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro sottolinea: «L’attuale sistema di accesso alle cosiddette ‘Professioni mediche deve essere immediatamente abbandonato in favore di un sistema più rispettoso dei diritti costituzionali»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali