Formazione 29 Settembre 2017

«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli

Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»

Immagine articolo

«Credo che il numero chiuso oggi debba essere rivisto tramite un provvedimento legislativo. Non è ammissibile che alcuni studenti possano accedere solo attraverso ricorsi amministrativi, spesso sulla base di fattori burocratici anche semplici ma che non fanno bene alla nostra università e non fanno bene all’Italia stessa». Il Senatore Antonio De Poli commenta in questo modo a Sanità Informazione la presentazione di un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie, indirizzata al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli. «Si chiede al Ministro se non reputi opportuna l’introduzione di un sistema selettivo maggiormente equilibrato e, per il presente anno accademico, l’emanazione di un provvedimento finalizzato all’allargamento della platea degli studenti che si potranno iscrivere ai corsi di laurea ad accesso programmato, quantomeno per quanti adiranno gli organi della Giustizia Amministrativa a tale scopo», si legge nell’interrogazione a risposta scritta presentata lo scorso 8 settembre.

«Stiamo aspettando la risposta del Ministro ma vista la sua storia credo che ci sia un’impronta positiva – continua il Senatore -. Questa è la scommessa del nostro futuro. Abbiamo sempre meno medici e abbiamo sempre più bisogno di medici e di infermieri. Oggi più che mai dobbiamo quindi prevedere una scuola e un’università aperte, anche usufruendo di modalità e forme di formazione diverse che oggi i sistemi telematici ci offrono: i computer o altre modalità simili, che fanno parte della normale vita di tutti i giorni, potrebbero garantire la formazione di tutti i ragazzi che vogliono intraprendere un percorso di laurea importante come quello in medicina».

Per il Senatore, il tema deve essere quindi risolto dalle istituzioni, e non dai tribunali come invece sta avvenendo, tramite un puntuale e strategico intervento legislativo: «L’interrogazione è stata condivisa da colleghi di tutto l’arco parlamentare, in maniera quindi trasversale. Dobbiamo rivedere la normativa». Oltre al Senatore De Poli (Gruppo misto – UDC), hanno firmato l’interrogazione Lucio Malan (FI), Franco Conte (AP), Vittorio Zizza (GAL), Luigi Perrone (GAL), Serenella Fuksia (FL), Ignazio Angioni (PD), Alessandra Bencini (Gruppo misto – Italia dei Valori), Giuseppe Esposito (Gruppo misto – UDC), Lucio Barani (ALA), Hans Berger (Aut – PSI – MAIE) ed Enrico Piccinelli (FI).

Tra i motivi che hanno spinto i Senatori a voler far luce sul tema del numero chiuso, «l’eterogeneità delle modalità effettive di svolgimento delle prove nei vari atenei – si legge nell’interrogazione – che spesso non ha garantito la correttezza e la trasparenza delle procedure, determinando un aumento elevato di denunce di irregolarità». Viene inoltre evidenziata la decisione del Tar del Lazio di accogliere il ricorso contro la decisione dell’Università Statale di Milano di introdurre il meccanismo del numero chiuso per le facoltà di lettere, filosofia, storia, beni culturali e geografia. «C’è un bisogno importante nel settore sanitario che va colmato per la salute di ognuno di noi. E credo che questa sia una richiesta fondamentale», ha concluso il Senatore De Poli.

Articoli correlati
CAR-T, Franco Locatelli (Bambin Gesù): «Prossima sfida estendere questa terapia alle neoplasie solide»
A Roma convegno per fare il punto sulla rivoluzionaria tecnica che consente di guarire linfomi e leucemie. Il senatore De Poli: «Serve sinergia creando dei protocolli d’intesa tra tutte le regioni. Oggi solo alcune regioni hanno questa sperimentazione, quindi il più presto possibile l’Aifa deve dare il suo parere positivo per poter mettere in rete tutte le regioni italiane»
A Modena il primo Congresso nazionale degli studenti di Medicina: «Così promuoviamo la ricerca»
Luca e Valeria, del comitato organizzativo del Congresso MoReMED, sul test di ingresso: «Siano valutati conoscenze scientifiche e percorso di studio precedente». E sull’imbuto formativo: «Se si abbassa l’importo dei contratti per le scuole di specializzazione, ci sarebbero risorse per aumentare il numero di posti»
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...