Formazione 29 settembre 2017

«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli

Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»

Immagine articolo

«Credo che il numero chiuso oggi debba essere rivisto tramite un provvedimento legislativo. Non è ammissibile che alcuni studenti possano accedere solo attraverso ricorsi amministrativi, spesso sulla base di fattori burocratici anche semplici ma che non fanno bene alla nostra università e non fanno bene all’Italia stessa». Il Senatore Antonio De Poli commenta in questo modo a Sanità Informazione la presentazione di un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie, indirizzata al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli. «Si chiede al Ministro se non reputi opportuna l’introduzione di un sistema selettivo maggiormente equilibrato e, per il presente anno accademico, l’emanazione di un provvedimento finalizzato all’allargamento della platea degli studenti che si potranno iscrivere ai corsi di laurea ad accesso programmato, quantomeno per quanti adiranno gli organi della Giustizia Amministrativa a tale scopo», si legge nell’interrogazione a risposta scritta presentata lo scorso 8 settembre.

«Stiamo aspettando la risposta del Ministro ma vista la sua storia credo che ci sia un’impronta positiva – continua il Senatore -. Questa è la scommessa del nostro futuro. Abbiamo sempre meno medici e abbiamo sempre più bisogno di medici e di infermieri. Oggi più che mai dobbiamo quindi prevedere una scuola e un’università aperte, anche usufruendo di modalità e forme di formazione diverse che oggi i sistemi telematici ci offrono: i computer o altre modalità simili, che fanno parte della normale vita di tutti i giorni, potrebbero garantire la formazione di tutti i ragazzi che vogliono intraprendere un percorso di laurea importante come quello in medicina».

Per il Senatore, il tema deve essere quindi risolto dalle istituzioni, e non dai tribunali come invece sta avvenendo, tramite un puntuale e strategico intervento legislativo: «L’interrogazione è stata condivisa da colleghi di tutto l’arco parlamentare, in maniera quindi trasversale. Dobbiamo rivedere la normativa». Oltre al Senatore De Poli (Gruppo misto – UDC), hanno firmato l’interrogazione Lucio Malan (FI), Franco Conte (AP), Vittorio Zizza (GAL), Luigi Perrone (GAL), Serenella Fuksia (FL), Ignazio Angioni (PD), Alessandra Bencini (Gruppo misto – Italia dei Valori), Giuseppe Esposito (Gruppo misto – UDC), Lucio Barani (ALA), Hans Berger (Aut – PSI – MAIE) ed Enrico Piccinelli (FI).

Tra i motivi che hanno spinto i Senatori a voler far luce sul tema del numero chiuso, «l’eterogeneità delle modalità effettive di svolgimento delle prove nei vari atenei – si legge nell’interrogazione – che spesso non ha garantito la correttezza e la trasparenza delle procedure, determinando un aumento elevato di denunce di irregolarità». Viene inoltre evidenziata la decisione del Tar del Lazio di accogliere il ricorso contro la decisione dell’Università Statale di Milano di introdurre il meccanismo del numero chiuso per le facoltà di lettere, filosofia, storia, beni culturali e geografia. «C’è un bisogno importante nel settore sanitario che va colmato per la salute di ognuno di noi. E credo che questa sia una richiesta fondamentale», ha concluso il Senatore De Poli.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Medici precari INPS, interrogazione di De Poli (Udc) a Di Maio e Grillo: «Non hanno ferie né malattie, profilo professionale umiliato»
Sono 900 i camici bianchi a partita Iva dell’Istituto di previdenza che vengono rinnovati di anno in anno. Nella stessa situazione anche 300 operatori sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila