Formazione 29 settembre 2017

«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli

Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»

Immagine articolo

«Credo che il numero chiuso oggi debba essere rivisto tramite un provvedimento legislativo. Non è ammissibile che alcuni studenti possano accedere solo attraverso ricorsi amministrativi, spesso sulla base di fattori burocratici anche semplici ma che non fanno bene alla nostra università e non fanno bene all’Italia stessa». Il Senatore Antonio De Poli commenta in questo modo a Sanità Informazione la presentazione di un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie, indirizzata al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli. «Si chiede al Ministro se non reputi opportuna l’introduzione di un sistema selettivo maggiormente equilibrato e, per il presente anno accademico, l’emanazione di un provvedimento finalizzato all’allargamento della platea degli studenti che si potranno iscrivere ai corsi di laurea ad accesso programmato, quantomeno per quanti adiranno gli organi della Giustizia Amministrativa a tale scopo», si legge nell’interrogazione a risposta scritta presentata lo scorso 8 settembre.

«Stiamo aspettando la risposta del Ministro ma vista la sua storia credo che ci sia un’impronta positiva – continua il Senatore -. Questa è la scommessa del nostro futuro. Abbiamo sempre meno medici e abbiamo sempre più bisogno di medici e di infermieri. Oggi più che mai dobbiamo quindi prevedere una scuola e un’università aperte, anche usufruendo di modalità e forme di formazione diverse che oggi i sistemi telematici ci offrono: i computer o altre modalità simili, che fanno parte della normale vita di tutti i giorni, potrebbero garantire la formazione di tutti i ragazzi che vogliono intraprendere un percorso di laurea importante come quello in medicina».

Per il Senatore, il tema deve essere quindi risolto dalle istituzioni, e non dai tribunali come invece sta avvenendo, tramite un puntuale e strategico intervento legislativo: «L’interrogazione è stata condivisa da colleghi di tutto l’arco parlamentare, in maniera quindi trasversale. Dobbiamo rivedere la normativa». Oltre al Senatore De Poli (Gruppo misto – UDC), hanno firmato l’interrogazione Lucio Malan (FI), Franco Conte (AP), Vittorio Zizza (GAL), Luigi Perrone (GAL), Serenella Fuksia (FL), Ignazio Angioni (PD), Alessandra Bencini (Gruppo misto – Italia dei Valori), Giuseppe Esposito (Gruppo misto – UDC), Lucio Barani (ALA), Hans Berger (Aut – PSI – MAIE) ed Enrico Piccinelli (FI).

Tra i motivi che hanno spinto i Senatori a voler far luce sul tema del numero chiuso, «l’eterogeneità delle modalità effettive di svolgimento delle prove nei vari atenei – si legge nell’interrogazione – che spesso non ha garantito la correttezza e la trasparenza delle procedure, determinando un aumento elevato di denunce di irregolarità». Viene inoltre evidenziata la decisione del Tar del Lazio di accogliere il ricorso contro la decisione dell’Università Statale di Milano di introdurre il meccanismo del numero chiuso per le facoltà di lettere, filosofia, storia, beni culturali e geografia. «C’è un bisogno importante nel settore sanitario che va colmato per la salute di ognuno di noi. E credo che questa sia una richiesta fondamentale», ha concluso il Senatore De Poli.

Articoli correlati
Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»
«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l'unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
De Poli (Udc): «Stile vita sano è centrale per prevenire malattie croniche»
«In tema di sanità siamo purtroppo abituati a leggere tante fake news, nella Rete. È importante, al contrario, per stare bene in salute e avere uno stile di vita sano tenersi informati affidandosi a fonti credibili e autorevoli». Lo afferma il senatore Questore Antonio De Poli che, stamane, a Palazzo Madama, è intervenuto nel corso […]
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
Numero chiuso, procede Ddl. Il no dei rettori: «Con abolizione crisi atenei». La proposta di Miccoli (Anvur): «Semestre formativo aperto a tutti»
Gaudio (Sapienza): «Pronti ad aumentare accessi ma una abolizione sarebbe non sostenibile per gli atenei». E spunta la proposta, a titolo personale, del presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca: «Test su materie comuni dopo tre mesi e, per chi non lo passa, la possibilità di usare quei CFU in altre facoltà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...