Formazione 3 febbraio 2015

Scuole di specializzazione, decreto firmato. Percorsi più brevi, tirocinio in corsia

I dubbi di Federspecializzandi: “Manca chiarezza sul grado di responsabilità del medico nel nuovo contesto lavorativo”

Immagine articolo

’ stato firmato nei giorni scorsi, dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, il decreto di riordino delle Scuole di specializzazione in Medicina. Tanto per cominciare, in media le scuole dureranno un anno in meno.

La durata di 6 anni dei percorsi di studio per diventare chirurghi generali o neurochirurghi, ad esempio, da oggi sarà infatti di un quinquennio, mentre la formazione in scuole come Geriatria, Dermatologia, Oftalmologia durerà 4 anni anziché 5. Una riduzione che interessa oltre 30 Scuole sulle 55. Inoltre, cinque scuole verranno accorpate, e due (Medicina aeronautica e spaziale e Odontoiatria clinica generale) soppresse.

“Si tratta di un provvedimento atteso – sottolinea la Giannini – che consentirà ai nostri giovani medici di specializzarsi in anticipo e di entrare prima nella professione. Le novità introdotte avranno l’effetto, fra l’altro, di incrementare le borse messe a disposizione dal Ministero, che per quest’anno saranno circa 700 in più. Ora il Miur è al lavoro sul secondo bando di concorso nazionale per l’ingresso nelle Scuole – conclude il ministro – e alle università chiedo di rivedere a tempo di record gli ordinamenti”.

Il decreto, inoltre, stabilisce che almeno il 70% della formazione dovrà essere dedicato allo svolgimento di attività professionalizzanti. Gli specializzandi potranno svolgere il tirocinio, oltre che nei policlinici universitari, anche direttamente nelle corsie degli ospedali, ma sempre con il controllo degli atenei e attraverso un meccanismo rigoroso di accreditamento secondo specifici parametri valutativi. In questo modo, secondo il Ministero “gli specializzandi assumeranno una progressiva responsabilità durante il periodo di formazione, soprattutto nell’ultimo anno di corso”.

Qualche perplessità viene invece espressa da Federspecializzandi, che in una nota ha sottolineato la mancata chiarezza circa “il grado di responsabilità professionale assunto dal medico in formazione specialistica nel nuovo contesto lavorativo, non essendo specificato se la figura dello specializzando resti ancora ‘non sostitutiva’ del medico strutturato. Riguardo all’aspetto retributivo – conclude Federspecializzandi – il fatto che gli oneri siano a carico delle Regioni e Province Autonome, con cessazione della retribuzione a mezzo di borsa di studio prevista dal contratto di formazione specialistica, rischia di aggravare il blocco del turn over nelle assunzioni. Inoltre gli specializzandi degli ultimi anni andrebbero a supplire carenze di organico, non rendendo necessaria l’assunzione di personale strutturato”.

E dopo la firma del ministro Giannini ora la palla passa al ministro Lorenzin.

Articoli correlati
Carenza medici, ministero Salute chiede dati a Regioni. Grillo: «Al lavoro per modifiche rapide già in legge di Stabilità»
«Si tratta di una prima importante fase di ricognizione per mettere a fuoco le dimensioni del problema a livello territoriale» così la guida del dicastero
Ex specializzandi, transazione all’esame finale. Aiello (NCD): «In tempi brevi si arriverà a soluzione»
Sanità Informazione ha intervistato il primo firmatario (insieme ad altri 20 senatori) del Disegno di legge unificato che propone un accordo transattivo per chi ha frequentato una scuola post-laurea in medicina tra il 1978 e il 2006. Nel frattempo, altri 18 milioni di euro consegnati da Consulcesi ai camici bianchi di Napoli e provincia
Specializzazioni, online le graduatorie di un concorso che non quadra
Arrivano le tanto attese graduatorie delle Scuole di Specializzazione in Medicina che determinano chi, tra gli oltre 13mila candidati, può proseguire il suo percorso. Report dei giovani medici di SIGM e CNAS sulle criticità riscontrate e proposte al Miur per riorganizzare la prova
Giovani medici, Silenzi: «Sta arrivando il concorso. Miglioriamo procedure altrimenti raffica di ricorsi» 
Intervista al Segretario SIGM Andrea Silenzi: «Fuga di cervelli all’estero allarmante, sbloccare il turn over per giovani e precari»
Scuole di Specializzazione, via libera al riordino anche da parte del ministro Lorenzin
Formazione sul campo e nuovi contratti, la soddisfazione del SIGM: “Finalmente allineati all’Europa”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...