Formazione 22 giugno 2016

SPECIALE ECM – Lorenzin: «Trasparenza e innovazione. Così rilanciamo la formazione dei medici»

Il Ministro interviene all’evento Consulcesi: «Bisogna intervenire ammodernando i corsi ECM» e «informare i cittadini su livello qualità di medici e strutture come abbiamo fatto con la trasparenza del Programma Nazionale Esiti»

Trasparenza e innovazione. E’ su questi punti che si deve lavorare per migliorare la Formazione Continua in Medicina. A dirlo è il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha partecipato alla tavola rotonda al Ministero della Salute sul tema formazione, in cui è stato diffuso un dato preoccupante: circa la metà dei camici bianchi è in ritardo con l’obbligo ECM. Servono dunque soluzioni per migliorare il sistema e incentivare i medici a formarsi.

«Credo – è l’opinione del Ministro – che dobbiamo lavorare per rafforzare, dal punto di vista tecnologico, gli aspetti che riguardano il settore. Laddove ci sono delle carenze nel sistema e sono segnalate delle disfunzioni del percorso di formazione, bisogna intervenire e rafforzare le metodologie che vengono adottate e quindi ammodernare anche i corsi ECM. Si tratta – spiega Lorenzin – di un percorso che abbiamo inaugurato due anni fa. Spesso accadeva che il Ministero, con le nuove linee guida, andava verso una determinata direzione, nel tentativo di stare al passo con l’innovazione scientifica e tecnologica. Dall’altra parte, però, si proseguiva con dei modelli formativi ancorati a standard troppo tradizionali. Per questo motivo inviterei gli Ordini alle proprie attività di vigilanza e suggerirei di potenziare le forme di innovazione tecnologica per dare la possibilità ai medici, e non solo, di potersi formare in tempo reale anche rispetto alle innovazioni e alle ultime scoperte e metodologie di lavoro, quindi con la capacità di esportare la best practice». Secondo il ministro oggi è insomma «impossibile e inimmaginabile poter fare qualsiasi tipo di attività sanitaria senza una formazione costante. Lo è per l’alta specialità e lo è anche per la medicina generale. Non possiamo però permettere che ci sia qualcuno che pensi di non poter usufruire degli strumenti di formazione. È dunque un nostro compito potenziare l’offerta di questi strumenti di formazione, renderli più forti, più competitivi e più attrattivi, e quindi meno burocratici».

Per quanto riguarda invece un altro punto fondamentale sottolineato dal ministro Lorenzin, ovvero la trasparenza, questa rappresenta «un elemento di chiarezza sugli esiti, sulla quantità e sulla qualità delle erogazioni, tant’è vero che le norme che ho messo in campo negli ultimi due anni vanno tutte in questo senso». Si tratta, secondo Lorenzin , di un dato «importante, perché gli elementi di valutazione di una struttura ospedaliera o sanitaria non possono essere solo quelli quantitativi, cioè relativi ai costi, ma anche qualitativi, ovvero che riguardano il livello di aderenza ai livelli essenziali di assistenza e al Piano nazionale esiti. Anzi, il lavoro che stiamo facendo e che io ho chiesto esplicitamente all’Agenas è quello di aumentare il plafond degli esiti. Guardate – spiega il ministro alla platea – che gli esiti sono stati comunque un cambio di mentalità per molti: sapere che in un ospedale o una struttura il collo del femore viene trattato entro 12 o 48 ore oppure dopo 3 giorni fa la differenza. Fa la differenza per il cittadino perché sa che, in molti casi, è una differenza tra vivere e morire, ma fa differenza anche per la struttura che ha scritto, nero su bianco, online e in modo chiaro, se raggiunge i parametri di efficienza o meno. E questa, secondo me, è la migliore trasparenza possibile. Noi stiamo andando al di là delle norme verso una società sempre più digitalizzata – conclude Lorenzin – e quindi è sempre più facile che chi approda in uno studio voglia non solo vedere plasticamente sulla carta appesa al muro le qualifiche, ma anche ricercare il nome online».

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila