Formazione 27 Luglio 2020 12:58

Scuole di specializzazione, pubblicato il decreto del MUR. Al via le iscrizioni (con alcune novità)

Eliminato il limite di tre scuole da indicare, mentre il medico già iscritto ad un corso post-laurea dovrà lasciare preventivamente la scuola prima dell’iscrizione al concorso. Cosa prevede il decreto del MUR

Scuole di specializzazione, pubblicato il decreto del MUR. Al via le iscrizioni (con alcune novità)

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca che disciplina le modalità di ammissione alla scuola di specializzazione in Medicina. Il documento contiene alcune modifiche rispetto al regolamento del 2017.

Tra le principali novità ci sono l’eliminazione del limite di tre scuole da indicare al momento dell’iscrizione a favore di una «massima possibilità di scelta» e la facoltà per i camici bianchi iscritti ai corsi di formazione specifica in Medicina Generale di partecipare al concorso «solo al termine del corso di formazione, fatta salva la possibilità di rinunciare al corso stesso, interrompendolo anticipatamente».

LE DATE

La data di inizio delle attività didattiche per i medici immatricolati nell’a.a. 2019/2020 alle scuole di specializzazione di area sanitaria è fissata per mercoledì 30 dicembre 2020. Ciascun candidato deve iscriversi al concorso esclusivamente in modalità on line accedendo al portale Universitaly.

La prima parte della procedura di iscrizione on line al concorso è attiva da martedì 28 luglio 2020 e si chiude alle 15.00 di giovedì 6 agosto 2020. La prova d’esame si svolge in modalità informatica ed è identica a livello nazionale. Essa consiste in una prova scritta che prevede la soluzione di 140 quesiti a risposta multipla, ciascuno dei quali con cinque possibili risposte.

L’elenco delle Istituzioni universitarie sedi di svolgimento della prova di ammissione verrà pubblicato entro martedì 1° settembre 2020 sul sito www.universitaly.it e i singoli candidati potranno prendere visione dell’Istituzione sede di assegnazione accedendo all’area riservata del sito. Le Istituzioni universitarie di assegnazione provvederanno, entro giovedì 3 settembre, a rendere note ai candidati loro assegnati all’interno dell’area riservata del sito www.universitaly.it) le informazioni relative allo specifico orario e luogo di presentazione per le procedure di riconoscimento e per lo svolgimento della prova per ognuno di essi.

La prova si svolgerà martedì 22 settembre 2020. In caso di modifica della data di svolgimento della prova sarà data comunicazione nella Gazzetta Ufficiale di venerdì 28 agosto 2020 oltre che nell’area personale di ogni candidato sul sito www.universitaly.it, che i candidati sono tenuti a consultare.

Lunedì 5 ottobre 2020 verrà invece pubblicata sulla pagina riservata di ciascun candidato sul sito www.universitaly.it la graduatoria unica di merito nominativa con l’indicazione del punteggio ottenuto e della posizione in graduatoria. I candidati saranno chiamati ad effettuare le proprie scelte di tipologia e di sede improrogabilmente a decorrere da lunedì 5 ottobre 2020, data di pubblicazione della graduatoria, a venerdì 9 ottobre 2020 ore 12.00.

L’assegnazione dei candidati alle relative scelte verrà pubblicata lunedì 12 ottobre 2020. L’assegnazione dei candidati alle Scuole segue, in rapporto alla loro posizione in graduatoria e alle scelte operate da chi li precede in graduatoria, l’ordine delle preferenze di tipologia e di sede da essi stessi indicato. Il candidato verrà assegnato alla sua prima preferenza disponibile (ovvero «alla sua migliore scelta possibile in ragione della posizione che ricopre in graduatoria, dell’ordine delle scelte che ha preventivamente effettuato durante la fase di scelta e della posizione e delle scelte dei candidati che lo precedono in graduatoria»). Una volta pubblicate le assegnazioni il candidato assegnato «deve inderogabilmente provvedere all’iscrizione alla Scuola di assegnazione a partire dal giorno immediatamente successivo a quello di assegnazione, quindi da martedì 13 ottobre 2020, e comunque entro e non oltre martedì 20 ottobre 2020 ore 12.00» a pena di decadenza; l’Università di assegnazione, «mediante l’area riservata sul sito www.universitaly.it, comunica al CINECA le iscrizioni a partire dallo stesso martedì 13 ottobre 2020 in cui iniziano le immatricolazioni e fino a venerdì 23 ottobre 2020»; il CINECA, infine, il giorno martedì 27 ottobre procederà «alla pubblicazione degli esiti delle immatricolazioni sulla pagina riservata di ogni candidato sul sito www.universitaly.it».

LE REAZIONI

«Le modifiche al regolamento che disciplina le modalità per l’ammissione dei medici alle scuole di specializzazione in medicina sono inaccettabili». Così Delia Epifani, responsabile nazionale dell’Area Formazione e Prospettive del Sindacato Medici Italiani.

«Si escludono dal concorso i corsisti di medicina generale, a meno che non rinuncino anticipatamente alla scelta di medicina generale, con la motivazione di non sprecare borse di studio. Non si comprende quale sia il motivo di questa imposizione che non riguarda specializzandi di altri settori medici. In questo modo si escludono dal concorso di medica generale, migliaia di corsisti, bloccando questa opportunità per almeno un anno».

«Per queste ragioni, ci batteremo per garantire a tutti l’accesso al concorso; sia per chi svolge il corso di medicina generale, sia per gli specializzandi. Il SMI valuterà tutte le azioni, comprese quelle legali, per assicurare questo diritto», conclude Epifani.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Il Test di ingresso a Medicina è illegittimo? «Nel bando c’è un errore clamoroso»
La denuncia dei legali: «Già negli scorsi anni i giudici amministrativi del Consiglio di Stato hanno accolto i ricorsi, ritenendo l’errato calcolo del fabbisogno elemento ostativo al diritto allo studio e causa della conseguente carenza di medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...