Formazione 26 agosto 2014

Scuole di specializzazione: la carica dei 5000 a caccia del futuro

Pubblicato il bando, c’è tempo fino al 30 settembre per accedere ai test. Tra le novità: finanziate più borse del previsto e prova su scala nazionale

Con un’estate ormai – quasi – alle spalle, è tempo per gli studenti italiani di tornare a concentrarsi sul proprio percorso formativo. Qualcuno, in realtà, non ha mai alzato la testa dai libri, rinunciando anche a quelle poche settimane di mare a disposizione per non farsi trovare impreparati in vista dei test di ammissione all’università.

Si tratta di una procedura che ancora genera polemiche (basti pensare alle recenti sentenze che hanno permesso la riammissione e il risarcimento per ragazzi ingiustamente esclusi, oppure alla proposta del ministro Giannini di abolirlo), ma che rappresenta una tappa cruciale per molti studenti. Ciò è vero in particolar modo per i futuri medici.

Le borse di studio messe a disposizione quest’anno per i laureati che vogliono entrare in una scuola di specializzazione medica sono 5.504. Quelle finanziate dallo Stato sono passate dalle 3.300 previste in un primo momento a 5mila grazie ad uno specifico intervento normativo che ha permesso lo stanziamento di un maggior numero di risorse. Il costo delle altre è stato coperto in parte dalle Regioni (471), in parte da altri enti (33).

Il bando è stato pubblicato lo scorso 8 agosto e riguarda tutti gli studenti che abbiano conseguito la laurea in Medicina entro il 30 settembre 2014. I candidati possono iscriversi attraverso il portale www.universitaly.it a partire dal primo settembre e fino alle 15 dell’ultimo giorno del mese.
Una volta consegnate le domande si procederà alla prova vera e propria. Questa è divisa in due parti: la prima, comune a tutti gli atenei italiani, avrà luogo alle 11 del 28 ottobre. La seconda, diversa a seconda della scuola, avverrà il 29 ottobre per l’Area Medica, il 30 per l’Area Chirurgica e il 31 per l’Area dei Servizi Clinici.
Il test sarà identico per tutte le scuole post-laurea italiane. Quest’anno, infatti, la prova di ammissione sarà nazionale e non locale. I candidati avranno a disposizione un computer senza tastiera e sprovvisto di connessione internet e dovranno rispondere a 110 quesiti a risposta multipla. Il punteggio che ne deriverà andrà sommato a quello relativo ai titoli. L’inizio delle attività didattiche è previsto per il 10 dicembre 2014.

“Sono molto soddisfatta – ha spiegato il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini – perché siamo arrivati alla pubblicazione di questo bando con un numero importante di contratti a disposizione dei giovani medici decisamente superiore alla previsione iniziale. Stiamo offrendo loro maggiori opportunità di ingresso nelle Scuole”.

Articoli correlati
Specializzazioni, parla il Miur: pronti per il bando, ma attendiamo accreditamenti Ministero della Salute
«Procedura di accreditamento in fase conclusiva» rassicura il Miur. Nel frattempo in corso di perfezionamento l’iter di approvazione del Regolamento per semplificare l’apparato del concorso di ammissione
Scuole di specializzazione: arrivano regolamento, polemiche e ricorsi
Giovani medici, associazioni e sindacati contro il testo del Miur. Consulcesi: «Lettera aperta al ministro Giannini»
Specializzati di ieri e di domani. Per il Governo è il momento della soluzione definitiva
Intervista esclusiva a Federico Gelli, Responsabile Sanità per il Partito Democratico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...