Formazione 21 Settembre 2020 06:47

Scuola di chirurgia robotica, al via il primo corso dell’Università Statale all’Ospedale San Paolo di Milano

Il professor Paolo Pietro Bianchi direttore della Chirurgia 1: «Precisione e sicurezza con un sistema a doppia consolle, molto simile a quello delle scuole guida. Il chirurgo senior è in grado di bloccare o attivare gli strumenti che il chirurgo più giovane sta utilizzando in ogni momento dell’intervento»

di Federica Bosco

Con il nuovo anno accademico prende il via all’Ospedale San Paolo il primo corso di chirurgia robotica dell’Università Statale di Milano. L’obiettivo è quello di sviluppare un percorso formativo altamente innovativo attraverso l’utilizzo di un Sistema Robotico di ultima generazione. Il corso, diretto dal prof. Enrico Opocher, Direttore del Dipartimento di Chirurgia dell’ASST Santi Paolo e Carlo, si allinea alle esigenze formative e chirurgiche più avanzate del mondo.

UN ROBOT A VISIONE TRIDIMENSIONALE SIMILE AD UNA GRANDE CONSOLE PER VIDEOGIOCHI

«Il robot è una macchina che si collega a degli strumenti introdotti all’interno della cavità addominale – spiega il professor Paolo Pietro Bianchi, direttore della Chirurgia 1 dell’Ospedale San Paolo a cui è affidato il corso – strumenti che hanno una mobilità superiore a quella della mano, il sistema di visione è ad alta definizione e tridimensionale, il chirurgo lavora al robot con tre bracci, due di manovra e uno che funziona da retrattore, che consente di avere sempre la miglior visione possibile. Il chirurgo sta seduto davanti ad un enorme microscopio che assomiglia ad una console per videogiochi di grandi dimensioni, manovra due manopole che si chiamano master che sono proprio come i joystick, e che muovono direttamente i bracci robotici. È importante che al tavolo operatorio ci sia un aiuto, un esperto della robotica che sia in grado di controllare gli agganci del robot al sistema di valvole e poi abbia la possibilità di introdurre degli strumenti laparoscopici che aiutino il chirurgo operatore».

CHIRURGIA MININVASIVA A DOPPIA SICUREZZA

«I vantaggi clinici sono molteplici: è possibile proporre una chirurgia mininvasiva sulla incisione e all’interno della cavità addominale. L’altro aspetto importante che stiamo sviluppando con l’Università di Milano è quello della didattica».

«La chirurgia robotica è dotata di un sistema a doppia console che è molto simile a quello delle scuole guida con doppi volanti e doppi pedali, per cui il chirurgo senior esperto è in grado di bloccare o attivare gli strumenti che il chirurgo più giovane sta utilizzando in ogni momento dell’intervento per garantire la sicurezza e soprattutto quando il chirurgo più giovane sta operando è in grado di tracciare la via da seguire, l’occhio dove posizionare lo strumento e quant’altro. Quindi il vantaggio enorme di questa tecnologia e gli sviluppi futuri sono legati alla possibilità di avere una piattaforma digitale».

UN PROGETTO FINANZIATO DA REGIONE LOMBARDIA PER 700MILA EURO

Il progetto, che sarà finanziato per 700mila euro dalla Regione Lombardia, vedrà l’Università Statale impegnata a sostenere il costo del personale e ad allestire la sala operatoria integrata con doppia console a cui saranno collegate le aule didattiche per la live surgery e il simulatore robotico.

STUDENTI SELEZIONATI

Al corso riservato ad un numero ristretto di studenti, potranno accedere i più meritevoli: «Mi è stato proposto di partecipare al corso di chirurgia robotica all’Ospedale San Paolo e ritengo sia una gran fortuna potersi confrontare e imparare una tecnologia all’avanguardia sin dai primi anni di specialità – racconta Francesco Toti, specializzando al primo anno –. E’ molto affascinante e interessante cimentarsi con un sistema innovativo e poter trasferire le competenze digitali acquisite in altri campi anche ludici in un campo complesso come la chirurgia e il fatto di poter manovrare ogni singolo braccio e avere un campo operatorio molto stabile e interessante».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Primi due treni Covid free sulla tratta Milano-Roma: come funziona il servizio di FS e CRI?
Partito lo scorso 16 aprile il treno Covid free ha già conquistato i viaggiatori. Liebschner (CRI): «Così si viaggia in sicurezza e si monitora la salute della popolazione»
di Federica Bosco
Giornata della salute della donna, a Milano c’è un ospedale tutto al femminile
L'ospedale Macedonio Melloni è dedicato alla salute della donna. Realizzato sul modello di Boston, offre percorsi di cura dall’adolescenza alla senescenza. Marisa Errico (direttore medico): «La donna viene presa in carico da un’equipe che la seguirà in un percorso di cura a 360 gradi»
di Federica Bosco
Inaugurato il primo drive through vaccinale d’Italia a Milano, poche ore prima della sospensione di AstraZeneca
300 somministrazioni nella prima giornata ad insegnanti e personale scolastico, ma poche ore dopo lo stop precauzionale di Aifa ad AstraZeneca ha fermato la macchina operativa messa a punto da Esercito e ASST Santi Paolo e Carlo
di Federica Bosco
Lombardia, al via il primo progetto pilota per vaccinare i lavoratori in azienda
Siglato l’accordo con Confindustria, Confapi e Anma. A somministrare le dosi saranno i medici competenti
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 maggio, sono 158.337.422 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.293.153 i decessi. Ad oggi, oltre 1,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco