Formazione 30 Settembre 2019

Professioni sanitarie, Novelli: «Prossimo step è introduzione del master universitario»

Il rettore dell’ateneo Tor Vergata di Roma è intervenuto al Congresso ANTEL a Roma. «Credo sia giunto il momento che le professioni sanitarie guardino anche alla carriera universitaria perché sono in grado di farlo» sottolinea ai microfoni di Sanità Informazione

Professioni sanitarie, Novelli: «Prossimo step è introduzione del master universitario»

«La prossima sfida delle professioni sanitarie è quella di ottenere dei master universitari». L’auspicio arriva dal rettore dell’Università di Tor Vergata Giuseppe Novelli che ha aperto il Congresso dell’ANTEL, l’associazione italiana dei tecnici di laboratorio biomedico, ricordando il professore Francesco Lo Coco, luminare dell’ematologia italiana scomparso l’anno scorso. Novelli, che ha guidato l’Osservatorio per le professioni sanitarie, ha ricordato l’impegno svolto per la creazione dei master universitari per le professioni sanitarie e vede ormai possibile un impegno universitario per questi professionisti che, con la legge 3 del 2018, sono in gran parte confluiti nel maxi Ordine delle professioni sanitarie. «Bisogna cercare di venire incontro a queste nuove tecnologie», sottolinea a Sanità Informazione. «Il mercato del lavoro cambia continuamente, così come cambia il laboratorio biomedico oggi sempre più automatizzato».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE, INNOVAZIONE E COMMISSIONI D’ALBO: IL FUTURO DEI TECNICI DI LABORATORIO AL CENTRO DEL CONGRESSO ANTEL

Rettore, perché è importante istituire il dottorato per le professioni sanitarie?
«Perché la professionalità sta cambiando, il modo di lavorare in tutte le professioni sanitarie, dal laboratorio fino alla radiologia, è in continua evoluzione. La medicina di oggi è tutta un’altra cosa. Il corso di Laurea così com’è, con i sistemi rigidi di materie, vale ancora per affrontare il mondo? Secondo me c’è da fare qualcosa in più. Il dottorato di ricerca aiuta in questa direzione, ti forma, ti dà l’opportunità di acquisire un titolo riconosciuto in tutto il mondo, ti dà una possibilità, insieme al master che è diverso perché è professionalizzante domani mattina. Richiede un investimento ma è il massimo titolo universitario. Credo dunque sia giunto il momento che le professioni sanitarie guardino anche alla carriera universitaria perché sono in grado di farlo».

Lei ha parlato anche dei profili occupazionali delle professioni sanitarie. Quali sono le sfide per il futuro?
«L’esperimento delle lauree triennali delle professioni sanitarie è l’esempio più bello che l’Università italiana ha prodotto perché ti dà la possibilità di avere una laurea professionalizzante e tu domattina lavori se riesci a trovare un posto. Naturalmente il mercato del lavoro cambia in continuazione: il laboratorio analisi non è più il biologo o il tecnico che fa le analisi. Oggi ci sono macchine automatizzate, robotizzate. Questo cambia tutto. Allora bisogna cercare di venire incontro a queste tecnologie nuove. Sono tecnologie complesse come quella dell’analisi dei big data. Oggi mandano avanti tutto il laboratorio. Noi abbiamo bisogno di laureati che studiano e capiscono i big data. Ci vuole un professionista, io non saprei muovermi tra questa mole di dati. Servono professioni nuovi. Questo o ce l’hai nella laurea o lo devi acquisire».

Articoli correlati
Legge di Bilancio, incontro FIALS – FNO TSRM PSTRP: «Linee di azione comune per la pari dignità di tutti i professionisti sanitari»
«Continuare a negare nei fatti la pari dignità professionale mette a repentaglio l’indispensabile coesione del sistema» sottolinea in una nota la FNO TSRM PSTRP
Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»
Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, il CONAPS cambia pelle e diventa Fondazione. Bortone: «Lavoreremo alla formazione dei rappresentanti professionali»
Arrivato quasi alla conclusione l’iter della Legge 3 del 2018 che ha creato la Federazione delle 19 professioni sanitarie, Il CONAPS si dà una nuova mission. Il presidente Antonio Bortone: «Molte professioni sono già pronte per cambiare la fase ordinamentale, il perimetro delle competenze, assumere ruoli verticistici che a volte anche nel recente passato erano considerati inaccessibili»
Terapisti occupazionali, Casu (Aito): «Stress da Covid-19 non quantificabile, ma “occupazioni” significative alimentano benessere mentale»
Il presidente Aito: «Al nuovo direttivo auguro di riuscire a condurre la professione nel team di prevenzione, cura e riabilitazione e di creare rete con studenti, mondo universitario e società scientifiche»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli