Formazione 30 Settembre 2019 09:48

Professioni sanitarie, Novelli: «Prossimo step è introduzione del master universitario»

Il rettore dell’ateneo Tor Vergata di Roma è intervenuto al Congresso ANTEL a Roma. «Credo sia giunto il momento che le professioni sanitarie guardino anche alla carriera universitaria perché sono in grado di farlo» sottolinea ai microfoni di Sanità Informazione

Professioni sanitarie, Novelli: «Prossimo step è introduzione del master universitario»

«La prossima sfida delle professioni sanitarie è quella di ottenere dei master universitari». L’auspicio arriva dal rettore dell’Università di Tor Vergata Giuseppe Novelli che ha aperto il Congresso dell’ANTEL, l’associazione italiana dei tecnici di laboratorio biomedico, ricordando il professore Francesco Lo Coco, luminare dell’ematologia italiana scomparso l’anno scorso. Novelli, che ha guidato l’Osservatorio per le professioni sanitarie, ha ricordato l’impegno svolto per la creazione dei master universitari per le professioni sanitarie e vede ormai possibile un impegno universitario per questi professionisti che, con la legge 3 del 2018, sono in gran parte confluiti nel maxi Ordine delle professioni sanitarie. «Bisogna cercare di venire incontro a queste nuove tecnologie», sottolinea a Sanità Informazione. «Il mercato del lavoro cambia continuamente, così come cambia il laboratorio biomedico oggi sempre più automatizzato».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE, INNOVAZIONE E COMMISSIONI D’ALBO: IL FUTURO DEI TECNICI DI LABORATORIO AL CENTRO DEL CONGRESSO ANTEL

Rettore, perché è importante istituire il dottorato per le professioni sanitarie?
«Perché la professionalità sta cambiando, il modo di lavorare in tutte le professioni sanitarie, dal laboratorio fino alla radiologia, è in continua evoluzione. La medicina di oggi è tutta un’altra cosa. Il corso di Laurea così com’è, con i sistemi rigidi di materie, vale ancora per affrontare il mondo? Secondo me c’è da fare qualcosa in più. Il dottorato di ricerca aiuta in questa direzione, ti forma, ti dà l’opportunità di acquisire un titolo riconosciuto in tutto il mondo, ti dà una possibilità, insieme al master che è diverso perché è professionalizzante domani mattina. Richiede un investimento ma è il massimo titolo universitario. Credo dunque sia giunto il momento che le professioni sanitarie guardino anche alla carriera universitaria perché sono in grado di farlo».

Lei ha parlato anche dei profili occupazionali delle professioni sanitarie. Quali sono le sfide per il futuro?
«L’esperimento delle lauree triennali delle professioni sanitarie è l’esempio più bello che l’Università italiana ha prodotto perché ti dà la possibilità di avere una laurea professionalizzante e tu domattina lavori se riesci a trovare un posto. Naturalmente il mercato del lavoro cambia in continuazione: il laboratorio analisi non è più il biologo o il tecnico che fa le analisi. Oggi ci sono macchine automatizzate, robotizzate. Questo cambia tutto. Allora bisogna cercare di venire incontro a queste tecnologie nuove. Sono tecnologie complesse come quella dell’analisi dei big data. Oggi mandano avanti tutto il laboratorio. Noi abbiamo bisogno di laureati che studiano e capiscono i big data. Ci vuole un professionista, io non saprei muovermi tra questa mole di dati. Servono professioni nuovi. Questo o ce l’hai nella laurea o lo devi acquisire».

Articoli correlati
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
Dietista di comunità, Tonelli (CAND): «Accanto a medici e pediatri di famiglia per prevenire e riabilitare»
Assistenza territoriale, il presidente della Commissione d’albo nazionale dei Dietisti: «Puntare sulla telenutrizione per assistere i pazienti che vivono in aree geograficamente più svantaggiate e inserire le prestazioni nutrizionali nei Livelli essenziali di assistenza (Lea)»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...