Formazione 19 Febbraio 2019

Bambini plusdotati, ecco perché sono più bravi e veloci: il loro cervello ottimizza le risorse

Anna Maria Roncoroni (Aistap): «Non sono maggiormente esposti a disturbi psicopatologici, ma hanno bisogno di un percorso di apprendimento avanzato, studiato su misura. Attenzione a non soffocarli con pressioni o aspettative eccessive»

di Isabella Faggiano

«Il loro cervello mira diritto all’obiettivo: sceglie la strada più corta e ottimizza tempi e risorse. È per questo che gli individui plusdotati sono più bravi e più veloci dei loro coetanei». È Anna Maria Roncoroni, psicologa specializzata in plusdotazione e presidente Aistap, Associazione dedita agli studenti dotati di elevate capacità cognitive o di un talento in un ambito specifico, a svelare i segreti celati tra la materia grigia di questi bambini prodigio.

Anche se, oggi, attraverso l’impiego di tecnologie diagnostiche di ultima generazione, questi meccanismi cerebrali, finora nascosti, sono stati evidenziati e analizzati. «Grazie alle più recenti ricerche scientifiche, attualmente, è possibile parlare di neurodiversità – ha detto Roncoroni -. Utilizzando la tomografia a emissione di positroni (la Pet, una tecnica diagnostica medica di medicina nucleare, utilizzata per la produzione di bioimmagini, ndr) gli studiosi hanno dimostrato che durante lo svolgimento di un compito un soggetto plusdotato, rispetto ad coetaneo normodotato, ottimizza l’utilizzo del cervello. Un’ottimizzazione che gli permette di essere più rapido e più bravo. In altre parole, chi è plusdotato attiva solo le aree deputate alla risoluzione di quel determinato compito, tralasciando l’utilizzo di tutte le altre parti del cervello. La stessa differenza – ha sottolineato la psicologa – che è stata notata anche tra novizie ed esperti durante una partita a scacchi».

Ma non è tutto: chi è plusdotato comincia ad ottimizzare le sue risorse anche durante le fasi preliminari di un esercizio. «Un altro studio, effettuato con l’ausilio dell’elettroencefalogramma – ha continuato la presidente Aistap – ha evidenziato come, già nella fase di preparazione ad un compito di memorizzazione, il soggetto plusdotato attivi aree differenti rispetto ai coetanei normodotati. Nello stadio di memorizzazione vi è, poi, nuovamente un’ottimizzazione delle funzioni cerebrali ed una migliore sincronizzazione tra i due emisferi».

Superdoti che, nel mondo, riguardano una percentuale della popolazione variabile da 2 al 5%. «La plusdotazione – ha spiegato Roncoroni – può manifestarsi con delle capacità cognitive molto superiori alla media, oppure con uno spiccato talento in ambiti artistici o sportivi». Ma, aldilà della specifica dote, come facciamo a renderci conto che siamo di fronte ad un bambino plusdotato? «Le curve di sviluppo sono molto differenti da individuo ad individuo – ha specificato la presidente Aistap -. Ma già durante gli anni della scuola materna e, a volte, anche prima, si possono notare delle caratteristiche peculiari. Si tratta di bambini molto curiosi, che imparano a parlare presto e, a volte, anche a leggere presto. Ma ciò che sorprende più di ogni altra cosa è la loro capacità di ragionare in astratto molto precocemente, ponendosi delle domande che non sono abituali per la loro età anagrafica, ma piuttosto adatte alle conversazioni tra giovani o adulti. Ed è soprattutto quest’ultimo aspetto a creare una maggiore distanza tra i bambini plusdotati e gli altri coetanei con i quali, spesso, si hanno delle difficoltà comunicative».

Problematiche che, comunque, non espongono i soggetti plusdotati ad un rischio maggiore di sviluppare disagi psicologici: «Non c’è alcuna differenza tra loro e la popolazione normale, rispetto alla possibilità di incorre nel corso della vita in disturbi psicopatologici – ha specificato l’esperta – . È solo nell’ambito dell’apprendimento che avrebbero bisogno di poter contare su percorsi scolastici specifici, più avanzati e adeguati al singolo individuo, non standardizzato, così come, purtroppo, ancora oggi non avviene in Italia».

Ma il cambiamento potrebbe essere vicino: «Anche nel nostro Paese si è finalmente mosso qualcosa. Alla fine dello scorso anno si è aperto un tavolo di lavoro al Miur, di cui faccio parte anche io – ha detto Roncoroni – dedicato agli studenti plusdotati e di talento. L’obiettivo è quello di stilare delle linee guida che possano preparare i docenti e le famiglie a sostenere i plusdotati nel loro percorso di apprendimento». Nel mondo sono già stati sperimentati validi modelli – come il metodo Renzulli (ideato da Joseph Renzulli, il guru della plusdotazione, inserito dall’American Psychological Association tra i 25 psicologi più influenti del Pianeta) o quello di Joan Freeman – che hanno mostrato la loro efficacia. «Ma prima di ogni teoria o pratica – ha detto la presidente Aistap – non dimentichiamoci che di fronte a noi abbiamo bambini o ragazzi. L’importante è non avere troppe aspettative, ma lavorare sul qui ed ora, perché le pressioni eccessive possono portare ad un momento di collasso in cui lo studente, invece di essere brillante, crollerà e non reggerà più la pressione di genitori e insegnati. Che siano plusdotati o normodotati – ha concluso la psicologa – il loro bisogno di avere del tempo libero resta invariato».

Articoli correlati
Scuola, con il Covid a rischio l’apprendimento dei più piccoli. Morsanuto (Unicusano): «Negato sviluppo sociale, linguistico e cognitivo»
Per la prima volta lo studio “Emozioni in quarantena” dell’Unicusano mostra come i bambini fra i tre e i sei anni abbiano vissuto il lockdown e l’importanza di ripensare le tradizionali tecniche di insegnamento. Ai bimbi, infatti, è stato negato lo sviluppo sociale, linguistico e cognitivo
Bambini post lockdown, lo studio promosso da SIMPE invita all’ottimismo
La survey ha raccolto le risposte di 271 famiglie italiane con figli dai 3 ai 16 anni. E i risultati sono stati sorprendenti
Quali meccanismi ci fanno sentire responsabili delle nostre azioni? La risposta in uno studio italiano
Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, ha esplorato i meccanismi neuronali che consentono di sentirci responsabili delle nostre azioni. Lo studio è appena stato pubblicato su Science Advances
“Scuola e giochi in corsia”: al via il progetto di AIEOP e Amgen per aiutare i piccoli pazienti oncoematologici
L’iniziativa, che coinvolge già 9 ospedali in Italia, ha come obiettivo una sempre maggiore umanizzazione delle cure ed una presa in carico del paziente a 360 gradi
Giovani e disturbo post-traumatico da pandemia, Starace: «Gli ostacoli si possono affrontare e superare. Ecco come»
Ansia, preoccupazione e irritazione. I mesi di lockdown hanno impattato sulla vita di bambini e adolescenti. Come tornare a una pseudonormalità? «Parlarne, concretizzare gli elementi che determinano i disturbi e ricreare una routine definendo priorità e precisi spazi per ciascuna attività, anche fisica». Così lo psichiatra Fabrizio Starace
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»