Formazione 2 Dicembre 2014

OMCeO d’Europa, un italiano alla guida 

La FAD tra i temi caldi: “La qualità è fondamentale, ma per far rispettare l’obbligo meglio un sistema premiale che sanzionatorio”

Immagine articolo

Responsabilità professionale, formazione, eHealth. Sono tra le principali tematiche che affronta il CEOM, il Consiglio Europeo degli Ordini di Medici. E lo farà, per i prossimi tre anni, sotto l’egida di un italiano: Nicolino D’Autilia, a cui Consulcesi News – il periodico diffuso dalla grande realtà a tutela dei medici che, con oltre 450mila copie, si conferma quello a più alta tiratura tra i periodici in distribuzione – ha dedicato la copertina del suo terzo numero, uscito proprio in questi giorni.

D’Autilia, eletto presidente nel giugno scorso, il 5 dicembre presiederà a Roma i lavori del primo appuntamento istituzionale del suo mandato, che coincide con il semestre europeo a guida italiana. Un’occasione unica per riportare i temi caldi della sanità italiana al centro dell’agenda europea, in un’ottica di crescente internazionalità.

L’obbligo assicurativo ormai in vigore ed il problema della colpa grave impongono una riflessione sulla necessità di una tutela legale completa…
Il tema assicurativo è particolarmente sentito nei paesi mediterranei e la questione, a causa di un atteggiamento di chiusura da parte delle assicurazioni, resta critica per molti colleghi. Alcune categorie di medici sono particolarmente a rischio e spesso senza nessuna consapevolezza dei rischi insiti nella professione, sia dal punto civile che penale.

Altro tema importante a livello continentale è quello della formazione. L’obbligo degli ECM è stato confermato proprio di recente…
In Italia la formazione si sta sviluppando soprattutto “a distanza”, allineandosi sempre più con l’Europa e gli U.S.A.  La tipologia residenziale continua ad avere un certo successo, ma la maggior parte dei professionisti sceglie le piattaforme ad hoc. Credo che, per far rispettare l’obbligo, introdurre sanzioni non sia il massimo; meglio piuttosto prevedere dei fattori premianti, per avere anche maggiori garanzie di trasparenza.

La FAD si avvale delle nuove tecnologie, sempre più protagoniste anche in Italia. 
L’Italia si sta adeguando egregiamente a questa tendenza, con nuove piattaforme per la FAD che rispondono in pieno a quest’esigenza. Il prossimo passo sarà la previsione di un sistema di monitoraggio e di controllo dei processi formativi, per evitare di fornire un prodotto non adeguato.

Da pochi mesi in vigore anche l’obbligo di POS: anche in questo caso le nuove tecnologie, ed in particolare le App, possono venire in aiuto ai professionisti.
Sì, anche perché le banche sembrano restie a trovare un compromesso per abbattere le spese, utile soprattutto ai medici che offrono un servizio pubblico rispetto a chi esercita la libera professione. La tecnologia avanza, e può fornire alternative molto interessanti.

Articoli correlati
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
Realtà virtuale e sanità, Swain (EON Reality): «Così i professionisti provano nuove procedure senza rischi»
Il chairman dell’azienda californiana a Sanità Informazione: «La realtà virtuale consente di imparare interventi rari e familiarizzare con procedure complesse senza far correre ai pazienti alcun rischio, collegando professionisti di tutto il mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...