Formazione 19 Novembre 2019

Numero Chiuso, Veltri (Consiglio di Stato): «Maturi i tempi per una modifica, medici sottodimensionati»

Dopo la sentenza che ha aperto le porte dei corsi di Medicina e Chirurgia a oltre 250 studenti ricorrenti, in Consiglio di Stato si ragiona sulla necessità di aggiornare l’accesso alla professione. Al momento, «dobbiamo applicare le norme esistenti» spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione, che nonostante ciò auspica «un ampliamento delle possibilità di accesso»

Immagine articolo

«Auspicare un ampliamento delle possibilità di accesso» degli studenti ai corsi di Medicina e Chirurgia, «considerate anche le carenze strutturali che oggi il sistema sanitario mostra di avere». Anche in Consiglio di Stato il Numero chiuso genera dubbi e riserve, come spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione. «Sono ancora contenziosi in corso per cui è prematuro esprimersi in queste materie. Certo, c’è un problema di carattere generale. Ne parlano ormai tutti quanti i giornali, i medici sono sicuramente in numero sottodimensionato rispetto alle reali esigenze».

Intervistato in occasione dell’Open Day della giustizia amministrativa, che ha accolto nelle stanze affrescate di Palazzo Spada studenti, formazioni sociali e imprese, Veltri ha ribadito il ruolo di garanzia del Consiglio di Stato. «Immagino siano maturi i tempi per una qualche modifica che consenta a una buona parte di questi ragazzi di poter accedere in maniera più agevole agli studi universitari. Dal nostro punto di vista, ovviamente non possiamo creare canali di accesso privilegiati, ma dobbiamo applicare le norme esistenti. Ogni caso è un caso di specie e non possiamo fare affermazioni di carattere generale, ma sicuramente auspicare un ampiamento delle possibilità di accesso, considerate anche le carenze strutturali che oggi il sistema sanitario mostra di avere».

Del resto, il quello che intercorre tra giustizia amministrativa e sanità è «una relazione di sinergia». Come ricordato dallo stesso Veltri durante il discorso di apertura, il contenzioso complessivo della sanità (Tar e CdS) si attesta sul 2% dei ricorsi totali. «Noi tuteliamo le persone che subiscono un’ingiustizia dal Sistema sanitario nazionale, – spiega ancora Veltri ai microfoni di Sanità Informazione – ma facendo questo in realtà stimoliamo la sanità a migliorare in un’azione sinergica che ritengo negli ultimi anni abbia dato dei notevoli effetti in termini di tempestività, efficienza delle prestazioni, ma soprattutto accessibilità delle prestazioni».

I dati, infatti, dimostrano come sono oltre duemila i ricorsi di primo e secondo grado arrivati al tavolo della giustizia amministrativa che riguardano il mondo della sanità. Le materie che maggiormente accendono il contenzioso sono in primo luogo gli appalti, con 620 ricorsi in primo grado e 159 in secondo; seguono tetti di spesa e farmacia. «Molte sentenze, di rilievo storico,  – conclude Giulio Veltri – hanno consentito l’accesso ai livelli essenziali di assistenza di persone che prima questo accesso non lo avevano. Quindi è sicuramente un rapporto positivo, denso di ottimi risultati».

LEGGI: NUMERO CHIUSO, ORDINANZA DEL CONSIGLIO DI STATO: RIAMMESSI CENTINAIA DI STUDENTI A MEDICINA

Articoli correlati
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
La via crucis dei candidati alla Facoltà di Medicina. La storia di Roberto: 7 test di ingresso in 4 mesi
Tantissimi giovani si iscrivono a più Università per avere maggiori chance di sconfiggere il numero chiuso. Cosa significa, al giorno d’oggi, provare a diventare medico? Su Sanità Informazione una storia che ne racchiude migliaia
Numero chiuso e ricorsi, come muoversi dopo la pubblicazione delle graduatorie?
Abbiamo posto all’avvocato Marco Tortorella (che da anni cura i ricorsi dei candidati che ritengono di essere stati ingiustamente esclusi dall’ingresso in facoltà) 8 domande. Ecco le sue risposte
Test d’ingresso all’Unicamillus, la voce dei ragazzi che non si arrendono
Centinaia di candidati che non sono entrati nelle università statali hanno preso parte alla prova di accesso ai corsi di laurea in Medicina e Professioni sanitarie
Numero chiuso, il giurista Tronca: «Bisogna cambiare rotta, il Paese ha bisogno di ben altro»
«Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Non dimentichiamoci delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...