Formazione 19 Novembre 2019

Numero Chiuso, Veltri (Consiglio di Stato): «Maturi i tempi per una modifica, medici sottodimensionati»

Dopo la sentenza che ha aperto le porte dei corsi di Medicina e Chirurgia a oltre 250 studenti ricorrenti, in Consiglio di Stato si ragiona sulla necessità di aggiornare l’accesso alla professione. Al momento, «dobbiamo applicare le norme esistenti» spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione, che nonostante ciò auspica «un ampliamento delle possibilità di accesso»

Immagine articolo

«Auspicare un ampliamento delle possibilità di accesso» degli studenti ai corsi di Medicina e Chirurgia, «considerate anche le carenze strutturali che oggi il sistema sanitario mostra di avere». Anche in Consiglio di Stato il Numero chiuso genera dubbi e riserve, come spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione. «Sono ancora contenziosi in corso per cui è prematuro esprimersi in queste materie. Certo, c’è un problema di carattere generale. Ne parlano ormai tutti quanti i giornali, i medici sono sicuramente in numero sottodimensionato rispetto alle reali esigenze».

Intervistato in occasione dell’Open Day della giustizia amministrativa, che ha accolto nelle stanze affrescate di Palazzo Spada studenti, formazioni sociali e imprese, Veltri ha ribadito il ruolo di garanzia del Consiglio di Stato. «Immagino siano maturi i tempi per una qualche modifica che consenta a una buona parte di questi ragazzi di poter accedere in maniera più agevole agli studi universitari. Dal nostro punto di vista, ovviamente non possiamo creare canali di accesso privilegiati, ma dobbiamo applicare le norme esistenti. Ogni caso è un caso di specie e non possiamo fare affermazioni di carattere generale, ma sicuramente auspicare un ampiamento delle possibilità di accesso, considerate anche le carenze strutturali che oggi il sistema sanitario mostra di avere».

Del resto, il quello che intercorre tra giustizia amministrativa e sanità è «una relazione di sinergia». Come ricordato dallo stesso Veltri durante il discorso di apertura, il contenzioso complessivo della sanità (Tar e CdS) si attesta sul 2% dei ricorsi totali. «Noi tuteliamo le persone che subiscono un’ingiustizia dal Sistema sanitario nazionale, – spiega ancora Veltri ai microfoni di Sanità Informazione – ma facendo questo in realtà stimoliamo la sanità a migliorare in un’azione sinergica che ritengo negli ultimi anni abbia dato dei notevoli effetti in termini di tempestività, efficienza delle prestazioni, ma soprattutto accessibilità delle prestazioni».

I dati, infatti, dimostrano come sono oltre duemila i ricorsi di primo e secondo grado arrivati al tavolo della giustizia amministrativa che riguardano il mondo della sanità. Le materie che maggiormente accendono il contenzioso sono in primo luogo gli appalti, con 620 ricorsi in primo grado e 159 in secondo; seguono tetti di spesa e farmacia. «Molte sentenze, di rilievo storico,  – conclude Giulio Veltri – hanno consentito l’accesso ai livelli essenziali di assistenza di persone che prima questo accesso non lo avevano. Quindi è sicuramente un rapporto positivo, denso di ottimi risultati».

LEGGI: NUMERO CHIUSO, ORDINANZA DEL CONSIGLIO DI STATO: RIAMMESSI CENTINAIA DI STUDENTI A MEDICINA

Articoli correlati
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
Camilla, Francesca, Niccolò: le storie di chi ha vinto il ricorso contro il Numero Chiuso
Ben 250 studenti sono stati ammessi alla Facoltà di medicina dal Consiglio di Stato in seguito al ricorso del network legale Consulcesi: «Le politiche legate al numero chiuso in Italia non abbiano alcun senso, perché del tutto svincolate dai principi della meritocrazia» sottolinea uno dei vincitori
di Federica Bosco
Speranza in Consiglio di Stato: «Sentenze su ‘numero chiuso’? Giusto che ora intervenga il Parlamento»
Il Ministro, intervenuto al primo “Open Day della Giustizia Amministrativa” a Palazzo Spada, ha parlato di ‘numero chiuso’ a medicina dopo l’ordinanza che ha ammesso oltre 250 studenti tutelati dal network Consulcesi
di Giovanni Cedrone - Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...