Formazione 19 Novembre 2019 11:54

Numero Chiuso, Veltri (Consiglio di Stato): «Maturi i tempi per una modifica, medici sottodimensionati»

Dopo la sentenza che ha aperto le porte dei corsi di Medicina e Chirurgia a oltre 250 studenti ricorrenti, in Consiglio di Stato si ragiona sulla necessità di aggiornare l’accesso alla professione. Al momento, «dobbiamo applicare le norme esistenti» spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione, che nonostante ciò auspica «un ampliamento delle possibilità di accesso»

Numero Chiuso, Veltri (Consiglio di Stato): «Maturi i tempi per una modifica, medici sottodimensionati»

«Auspicare un ampliamento delle possibilità di accesso» degli studenti ai corsi di Medicina e Chirurgia, «considerate anche le carenze strutturali che oggi il sistema sanitario mostra di avere». Anche in Consiglio di Stato il Numero chiuso genera dubbi e riserve, come spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione. «Sono ancora contenziosi in corso per cui è prematuro esprimersi in queste materie. Certo, c’è un problema di carattere generale. Ne parlano ormai tutti quanti i giornali, i medici sono sicuramente in numero sottodimensionato rispetto alle reali esigenze».

Intervistato in occasione dell’Open Day della giustizia amministrativa, che ha accolto nelle stanze affrescate di Palazzo Spada studenti, formazioni sociali e imprese, Veltri ha ribadito il ruolo di garanzia del Consiglio di Stato. «Immagino siano maturi i tempi per una qualche modifica che consenta a una buona parte di questi ragazzi di poter accedere in maniera più agevole agli studi universitari. Dal nostro punto di vista, ovviamente non possiamo creare canali di accesso privilegiati, ma dobbiamo applicare le norme esistenti. Ogni caso è un caso di specie e non possiamo fare affermazioni di carattere generale, ma sicuramente auspicare un ampiamento delle possibilità di accesso, considerate anche le carenze strutturali che oggi il sistema sanitario mostra di avere».

Del resto, il quello che intercorre tra giustizia amministrativa e sanità è «una relazione di sinergia». Come ricordato dallo stesso Veltri durante il discorso di apertura, il contenzioso complessivo della sanità (Tar e CdS) si attesta sul 2% dei ricorsi totali. «Noi tuteliamo le persone che subiscono un’ingiustizia dal Sistema sanitario nazionale, – spiega ancora Veltri ai microfoni di Sanità Informazione – ma facendo questo in realtà stimoliamo la sanità a migliorare in un’azione sinergica che ritengo negli ultimi anni abbia dato dei notevoli effetti in termini di tempestività, efficienza delle prestazioni, ma soprattutto accessibilità delle prestazioni».

I dati, infatti, dimostrano come sono oltre duemila i ricorsi di primo e secondo grado arrivati al tavolo della giustizia amministrativa che riguardano il mondo della sanità. Le materie che maggiormente accendono il contenzioso sono in primo luogo gli appalti, con 620 ricorsi in primo grado e 159 in secondo; seguono tetti di spesa e farmacia. «Molte sentenze, di rilievo storico,  – conclude Giulio Veltri – hanno consentito l’accesso ai livelli essenziali di assistenza di persone che prima questo accesso non lo avevano. Quindi è sicuramente un rapporto positivo, denso di ottimi risultati».

LEGGI: NUMERO CHIUSO, ORDINANZA DEL CONSIGLIO DI STATO: RIAMMESSI CENTINAIA DI STUDENTI A MEDICINA

Articoli correlati
Idrossiclorochina, ecco la relazione che ha portato il Consiglio di Stato a riammettere l’uso off label del farmaco
Nella relazione elaborata da Alessandro Capucci, Luigi Cavanna e Paola Varese si sottolinea: «Decisione AIFA in forte contrasto con molti principi deontologici della professione medica e norme decisionali nell‘ambito dell‘incertezza, come il principio di precauzione»
Scuole di specializzazione di area sanitaria, Cds giudica “legittima” la graduatoria 19/20
Dopo mesi di attesa tutti i giovani medici sospesi hanno avuto una risposta. Il Consiglio di Stato ha giudicato legittima la graduatoria per le Scuole di specializzazione in area sanitaria
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
Recovery Plan, Carbone (Fials): «Nove miliardi alla sanità una presa in giro, ne servono almeno 35-40. Abolire il numero chiuso»
Il Segretario generale del sindacato Fials tuona contro la bozza del Recovery Plan e chiede più risorse per la sanità. Poi contesta la discriminante sulle indennità tra professioni sanitarie nella Legge di Bilancio: «Non riempiamoci la bocca continuando a chiamarli eroi e poi materialmente li discriminiamo»
Il Consiglio di Stato riabilita l’idrossiclorochina: «Incertezza su efficacia non giustifica sospensione»
La III Sezione di Palazzo Spada ha accolto in via cautelare il ricorso di un gruppo di medici perché «non ci sono ancora certezze consolidate». Non è invece oggetto di sospensione la decisione di AIFA di escludere la prescrizione off label dell’idrossiclorochina dal regime di rimborsabilità. Grande soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, fondatore Comitato di scopo per la cura tempestiva domiciliare del Covid-19, che aveva promosso il ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»