Formazione 25 agosto 2015

Numero chiuso, ecco come affrontare i test di Medicina

In 60mila alla prova dell’8 settembre, il 4 c’è l’esame per le professioni sanitarieGuida di Sanità informazione per prepararsi al meglio e per rimediare agli errori

Immagine articolo

Per i giovani aspiranti medici italiani l’estate sta finendo o, forse, non è mai davvero iniziata. Si torna alle sudate carte dopo una breve parentesi di spensieratezza: dal rush finale dell’esame di maturità, infatti, il pensiero è passato subito ai difficili Test di Accesso alla facoltà di Medicina, l’ostacolo che separa gli aspiranti dottori dall’indossare finalmente quel tanto sognato camice bianco.


Un ostacolo che in 60.639 (il numero dei pre-iscritti) proveranno a superare, ma solo in 9.513 (il numero dei posti disponibili) ci riusciranno.

In tutte le sedi universitarie italiane l’appuntamento, fissato dal Miur, è per martedì 8 settembre alle ore 11.00 per le prove di accesso a Medicina, Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana, per mercoledì 16 settembre per Medicina e Chirurgia in lingua inglese, mentre venerdì 4 settembre è il giorno per i candidati alle Professioni sanitarie.

Ad ogni candidato a Medicina verrà fornito un plico contenente una scheda anagrafica, una scheda recante i quesiti, e un modulo su cui apporre le risposte. Dopodiché, la partita si giocherà in 100 minuti. Questo è infatti il tempo massimo che avranno a disposizione i candidati per rispondere ai 60 quesiti di cui si compone il Test. 60 quesiti che quest’anno saranno suddivisi in questo modo: 2 di Cultura Generale, 20 di Ragionamento Logico, 18 di Biologia, 12 di Chimica, 8 di Fisica e Matematica. Tutti i quesiti saranno a risposta multipla, e avranno 5 opzioni di risposta tra cui il candidato dovrà individuare quella esatta. Come ci si allena ai Test? In ogni libreria fioriscono i manuali e le pubblicazioni con simulazioni ed esercizi, oppure si può dare un’occhiata al sito studenti.it che mette a disposizione degli studenti le simulazioni delle prove e i quiz degli anni scorsi: un utile strumento per permettere ai candidati di esercitarsi online in attesa del test.

Vari i diktat del Ministero per quanto riguarda lo svolgimento della prova: i giovani studenti dovranno ricordarsi di portare con sé una penna nera, e di lasciare a casa cellulari, smartphone, palmari, tablet, pena l’annullamento della prova. Inoltre, solo una volta potranno concedersi un ripensamento: è infatti consentito correggere non più di una risposta.

Il test verrà poi valutato secondo questi criteri: 1,5 punti per ogni risposta esatta; meno 0,4 (-0,4) punti per ogni risposta sbagliata; 0 punti per ogni risposta non data, per un massimo punteggio ottenibile di 90 punti. Il Miur, tuttavia,  ha fissato a 20 punti la soglia minima di sufficienza, necessaria per entrare in graduatoria. Finito il test, si tira il fiato fino al 22 settembre, data in cui il Miur pubblicherà i risultati, e poi di nuovo fino al 7 ottobre, quando saranno pubblicate le graduatorie ufficiali. In quelle settimane è probabile aspettarsi, come tutti gli anni, la denuncia di piccole e grandi irregolarità e situazioni giocate sul filo dei regolamenti. E a supporto degli aspiranti medici che si sentiranno danneggiati ci saranno i possibili ricorsi legali presentati da chi tutela i giovani camici bianchi. Da quel momento in poi, per più di novemila ragazzi ci sarà il vero fischio d’inizio; per tutti gli altri… appuntamento al prossimo giro.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...