Formazione 25 Agosto 2015

Numero chiuso, ecco come affrontare i test di Medicina

In 60mila alla prova dell’8 settembre, il 4 c’è l’esame per le professioni sanitarieGuida di Sanità informazione per prepararsi al meglio e per rimediare agli errori

Immagine articolo

Per i giovani aspiranti medici italiani l’estate sta finendo o, forse, non è mai davvero iniziata. Si torna alle sudate carte dopo una breve parentesi di spensieratezza: dal rush finale dell’esame di maturità, infatti, il pensiero è passato subito ai difficili Test di Accesso alla facoltà di Medicina, l’ostacolo che separa gli aspiranti dottori dall’indossare finalmente quel tanto sognato camice bianco.


Un ostacolo che in 60.639 (il numero dei pre-iscritti) proveranno a superare, ma solo in 9.513 (il numero dei posti disponibili) ci riusciranno.

In tutte le sedi universitarie italiane l’appuntamento, fissato dal Miur, è per martedì 8 settembre alle ore 11.00 per le prove di accesso a Medicina, Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana, per mercoledì 16 settembre per Medicina e Chirurgia in lingua inglese, mentre venerdì 4 settembre è il giorno per i candidati alle Professioni sanitarie.

Ad ogni candidato a Medicina verrà fornito un plico contenente una scheda anagrafica, una scheda recante i quesiti, e un modulo su cui apporre le risposte. Dopodiché, la partita si giocherà in 100 minuti. Questo è infatti il tempo massimo che avranno a disposizione i candidati per rispondere ai 60 quesiti di cui si compone il Test. 60 quesiti che quest’anno saranno suddivisi in questo modo: 2 di Cultura Generale, 20 di Ragionamento Logico, 18 di Biologia, 12 di Chimica, 8 di Fisica e Matematica. Tutti i quesiti saranno a risposta multipla, e avranno 5 opzioni di risposta tra cui il candidato dovrà individuare quella esatta. Come ci si allena ai Test? In ogni libreria fioriscono i manuali e le pubblicazioni con simulazioni ed esercizi, oppure si può dare un’occhiata al sito studenti.it che mette a disposizione degli studenti le simulazioni delle prove e i quiz degli anni scorsi: un utile strumento per permettere ai candidati di esercitarsi online in attesa del test.

Vari i diktat del Ministero per quanto riguarda lo svolgimento della prova: i giovani studenti dovranno ricordarsi di portare con sé una penna nera, e di lasciare a casa cellulari, smartphone, palmari, tablet, pena l’annullamento della prova. Inoltre, solo una volta potranno concedersi un ripensamento: è infatti consentito correggere non più di una risposta.

Il test verrà poi valutato secondo questi criteri: 1,5 punti per ogni risposta esatta; meno 0,4 (-0,4) punti per ogni risposta sbagliata; 0 punti per ogni risposta non data, per un massimo punteggio ottenibile di 90 punti. Il Miur, tuttavia,  ha fissato a 20 punti la soglia minima di sufficienza, necessaria per entrare in graduatoria. Finito il test, si tira il fiato fino al 22 settembre, data in cui il Miur pubblicherà i risultati, e poi di nuovo fino al 7 ottobre, quando saranno pubblicate le graduatorie ufficiali. In quelle settimane è probabile aspettarsi, come tutti gli anni, la denuncia di piccole e grandi irregolarità e situazioni giocate sul filo dei regolamenti. E a supporto degli aspiranti medici che si sentiranno danneggiati ci saranno i possibili ricorsi legali presentati da chi tutela i giovani camici bianchi. Da quel momento in poi, per più di novemila ragazzi ci sarà il vero fischio d’inizio; per tutti gli altri… appuntamento al prossimo giro.

Articoli correlati
Test Specializzazioni, speranze e paure dei giovani medici: «Molti di noi andranno via dall’Italia»
All’uscita dal test di ingresso alle Scuole di specializzazioni mediche gli studenti commentano la prova appena affrontata. Tra chi vuole rimanere in Italia e chi sogna una carriera all’estero, l’entusiasmo per il futuro non viene minato dall’assenza del numero definitivo di borse finanziate
Aumento posti Medicina, il Segretariato Italiano Studenti in Medicina: «Preoccupati per qualità formazione»
«Ad oggi, ribadiamo che l’accesso a Medicina deve seguire il modello a numero programmato e l’abilitazione alla professione medica deve integrarsi perfettamente al percorso universitario dello studente». Così Manfredi Greco, presidente SISM
Numero chiuso, 1800 posti in più per Medicina. Ecco tutte le novità e la suddivisione per ateneo
Il Miur ha comunicato i posti disponibili per le immatricolazioni ai corsi di laurea a numero chiuso e la suddivisione per ateneo. Per medicina un incremento del 18%: si passa dai 9.779 dello scorso anno agli 11.568 di quest'anno. Bussetti: «Con l'aumento dei posti promesse mantenute. A questo corrisponda anche un incremento delle borse di specializzazione mediche»
Carenza medici, Coletto (Sott. Salute): «Siamo i più lenti a inserire specializzandi, adeguarsi all’Europa. Intervenire anche sul numero chiuso»
Il Sottosegretario alla Salute commenta il problema della carenza di specialisti che sta assumendo dimensioni sempre più importanti: «C’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte, con Dl Calabria prima risposta»
Aumento posti a Medicina, Anelli (FNOMCeO) chiede l’intervento di Conte: «Mancano specialisti. In 5 anni 21mila laureati fermati da imbuto formativo»
Il Presidente della Federazione è amareggiato: «Chi spiegherà a 10.000 medici che le loro speranze sono state infrante da un Ministro della Repubblica che non ha capito cosa bisognava fare? E chi lo farà tra cinque anni, quando, per l’esito di vecchi ricorsi e di nuovi aumenti negli accessi, saranno diventati più di 21.000?»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...