Formazione 11 Marzo 2019 11:41

Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina

Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test

Il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha pubblicato le date in cui si svolgeranno le prove d’accesso per i corsi di laurea a numero programmato dell’anno accademico 2019-2020. Si inizierà il 3 settembre con Medicina, seguita il giorno successivo dal test per Medicina Veterinaria. Dopo qualche giorno di pausa, le prove riprenderanno l’11 settembre per i corsi di laurea delle Professioni Sanitarie e, il 12, per Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua inglese. Infine, coloro che intendono immatricolarsi al corso di laurea magistrale delle Professioni Sanitarie dovranno attendere il 25 ottobre. Nelle prossime settimane verranno comunicati le modalità e i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili per le immatricolazioni.

Intanto continuano ad essere presentate proposte di legge volte al superamento dell’attuale sistema di selezione. L’ultima in ordine cronologico è del Movimento Cinque Stelle e prevede l’adozione del modello francese: primo anno aperto a tutti, quindi senza test di accesso, e l’ampliamento del 20% dei posti per le facoltà di Medicina e Chirurgia.

LEGGI ANCHE: RIFORMA NUMERO CHIUSO, GUICCIARDI (FEDERSPECIALIZZANDI): «MODELLO FRANCESE DA’ TROPPA DISCREZIONALITA’ AI PROFESSORI»

 

Articoli correlati
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Medicina, sentenza storica: riammessi gli studenti con riserva
Il Consiglio di Stato dà ragione a Consulcesi: «Posti inferiori al fabbisogno»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Specializzazione in Medicina, Consulcesi: «Bando in scadenza ma ancora dubbi su posti disponibili»
Da Consulcesi consigli a specializzandi: «Attenzione a regole del bando, seguite bene le istruzioni»
Doppia laurea, presto in Aula Ddl per superare il divieto del 1933. Perché si attende la riforma
Approvato in Commissione Cultura a Montecitorio, il testo unico consentirà anche agli specializzandi di conseguire master o dottorati di ricerca. Tuzi (M5S): «Assurdo vietare agli studenti di poter studiare». Liuzzi (ALS): «Con questa riforma lo specializzando si sente meno studente e più professionista»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM