Formazione 8 Settembre 2022 09:21

Meno cultura generale ai test di Medicina 2022: «Così vince la meritocrazia». Ma c’è qualche critica

La nuova formula ha raccolto consensi tra gli studenti: più domande di biologia, chimica, matematica e fisica premiano chi studia di più. Qualche critica da chi ha fatto il classico per il cambiamento ufficializzato solo a fine giugno

Meno cultura generale e logica ai test di Medicina 2022, con questa novità si sono dati appuntamento lo scorso 6 settembre gli aspiranti camici bianchi italiani.  Un cambiamento per dare più valore al merito e meno alla fortuna. Ma è stata una scelta giusta? Sanità Informazione l’ha chiesto ai candidati che si sono cimentati con i 60 quiz a Milano, Roma e Napoli.

«Era molto difficile, più dello scorso anno, in particolare biologia», hanno detto più voci al termine della prova sostenuta alla Statale di Milano, ma c’è chi ha rimarcato il fatto che «in questo modo si è potuto ragionare di più invece che essere in balia della dea bendata».

Prova meritocratica

Stessa lunghezza d’onda a Roma dove i candidati hanno riconosciuto nella nuova veste più attinenza al corso di studi. Nella maggioranza dei casi i pareri sono stati favorevoli; per tutti l’aver aumentato le domande di biologia, chimica, matematica e fisica ha reso giustizia a quanti hanno investito tempo e denaro per prepararsi meticolosamente al test, anche se non sono mancate le critiche.

Penalizzati gli studenti del classico?

A creare maggiori grattacapi agli studenti, chimica e biologia, al punto che qualcuno, con una preparazione da Classico, ha rimpianto i quesiti di cultura generale dello scorso anno. «Dal momento che si tratta di un test d’ingresso e le materie di studio si affronteranno poi all’Università, trovo più giusto dare spazio a logica e cultura generale per offrire una chance anche a chi non proviene dal liceo scientifico», ha fatto notare una candidata a Roma. Un disappunto condiviso da chi ha fatto altri corsi di studio umanistici. «Provengo da un liceo musicale – ha detto una studentessa motivata dal desiderio di diventare psichiatra – in fondo cultura generale non si studia e permette a tutti di avere una possibilità, invece quest’anno il test richiedeva più studio ed esercitazione».

Questione di tempo

Più spazio, dunque, alla meritocrazia e meno alla fortuna e proprio per questo c’è chi ha criticato il poco tempo dato ai ragazzi per prepararsi alla nuova versione dei quiz: «Si tratta di un cambiamento discutibile perché è stato ufficializzato solo a fine giugno. Questo ha penalizzato alcuni e avvantaggiato altri – rilancia il dibattito uno studente di Napoli – io personalmente ho fatto il Classico per cui sono più ferrato in cultura generale e logica, avrei fatto probabilmente un punteggio più alto». Insomma, test nuovo ma problemi vecchi, tanto che in molti impegnati ad aggiudicarsi il pass per la facoltà di Medicina hanno confessato di sperare per il 2023 in una vera riforma.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...