Formazione 15 Marzo 2019

“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità

Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»

di Federica Bosco

Ottimizzare i costi nella sanità per rendere più agevoli le strutture, abbattere i tempi di attesa e raggiungere livelli di gradimento e professionalità pari a quelli europei. È questa la sfida che ha lanciato l’Università Lum Jean Monnet con i master di secondo livello previsti per il nuovo anno accademico inaugurato venerdì 22 febbraio a Villa Clerici, sede milanese della School of management dell’Università pugliese che rappresenta di fatto l’esordio della Lum Jean Monnet in Lombardia. La libera università mediterranea ha deciso dunque di puntare sulla massima efficienza e sul fattore umano come elemento distintivo e qualificante – nel 2018 secondo le stime del consorzio Alma Laurea è risultata essere al primo posto per occupazione (86% riferita al 2016) 22 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale che si attesta intorno al 64% – un traguardo prestigioso scegliendo, tra l’altro, di giocare una partita difficile anche in un ambito, come quello sanitario, dove in Italia la spesa ospedaliera è una delle voci di bilancio più consistenti.

L’onere complessivo, stando ai dati forniti dal Rapporto Ceis, è pari al 41,1% della spesa sanitaria pubblica totale ed ammonta a 43,8 miliardi di euro, (era 39,5 nel 2007). Un incremento dei costi che ha diverse ragioni come spiega nel dettaglio il professor Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità – sottolinea Rosa – c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi».

Proprio questa ultima voce è stata oggetto di studio e di applicazione del modello Lean Management alla sanità, un approccio strategico all’organizzazione con l’obiettivo di identificare ed eliminare lo spreco, aggiungendo valore al paziente tramite la valorizzazione dei professionisti che lavorano nel sistema sanitario italiano. «Per il raggiungimento del piano Lean è importante che ci sia un team multiculturale – prosegue Rosa – è quindi fondamentale investire in competenze, motivazione e formazione perché attraverso questi fattori la Lean possa essere applicabile. Le attività devono essere basate sul lavoro di gruppo, avere obiettivi chiari e ben definiti ed essere in grado di portare a termine le attività con gli strumenti più idonei al fine di eliminare gli sprechi, ridurre i tempi di attesa, ottimizzare le risorse e migliorare la qualità delle cure». Tutto ciò fa parte di un piano ben strutturato che prevede alcuni punti essenziali: check iniziale e mappatura del flusso dei processi interni, individuazione delle aree di spreco, generazione delle idee di miglioramento, implementazione del miglioramento, valutazione dei benefici creati, consolidamento del miglioramento ed attuazione del best practice. Ad oggi sono diverse le realtà che hanno fatto propria questa politica di spending review, a cominciare dal 2008 anno in cui aziende sanitarie come il “Galliera” di Genova e l’AUO di Siena hanno iniziato dei percorsi di lean managment, a seguire ci sono state le esperienze di Siena, dell’Humanitas di Milano, delle aziende sanitarie di Bari, Barletta, Taranto , IRCCS di Bari e tante altre sul territorio nazionale, mentre oggi sono in fase di avviamento dei processi di lean negli ospedali lombardi: dal San Raffaele, al Niguarda e altre strutture sanitarie che sempre più credono nei processi di implementazione del Lean Management come strumento per il raggiungimento del Value Based Healthcare.

 

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Report CREA 2020, Giuliano (UGL Sanità): «L’Italia viaggia a due velocità. Serve riforma strutturale»
L’edizione 2020 del progetto “Le Performance Regionali” elaborato dal C.R.E.A. Sanità conferma come la locomotiva che deve prendersi cura della salute degli italiani corra a due distinte velocità. La classifica, elaborata in base a valutazioni di un Panel composto da 93 esperti/stakeholder del sistema sanitario, viene generata sulla base di una metodologia messa a punto […]
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
JCI: terzo sigillo d’oro di qualità per il Policlinico Campus Bio-Medico di Roma
Nel corso dell’emergenza Covid la prestigiosa Joint Commission International ha esaminato le strutture sanitarie, didattiche e di ricerca di UCBM, valutando la conformità agli standard internazionali di circa 1.300 diversi elementi misurabili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...