Formazione 15 Marzo 2019

“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità

Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»

di Federica Bosco

Ottimizzare i costi nella sanità per rendere più agevoli le strutture, abbattere i tempi di attesa e raggiungere livelli di gradimento e professionalità pari a quelli europei. È questa la sfida che ha lanciato l’Università Lum Jean Monnet con i master di secondo livello previsti per il nuovo anno accademico inaugurato venerdì 22 febbraio a Villa Clerici, sede milanese della School of management dell’Università pugliese che rappresenta di fatto l’esordio della Lum Jean Monnet in Lombardia. La libera università mediterranea ha deciso dunque di puntare sulla massima efficienza e sul fattore umano come elemento distintivo e qualificante – nel 2018 secondo le stime del consorzio Alma Laurea è risultata essere al primo posto per occupazione (86% riferita al 2016) 22 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale che si attesta intorno al 64% – un traguardo prestigioso scegliendo, tra l’altro, di giocare una partita difficile anche in un ambito, come quello sanitario, dove in Italia la spesa ospedaliera è una delle voci di bilancio più consistenti.

L’onere complessivo, stando ai dati forniti dal Rapporto Ceis, è pari al 41,1% della spesa sanitaria pubblica totale ed ammonta a 43,8 miliardi di euro, (era 39,5 nel 2007). Un incremento dei costi che ha diverse ragioni come spiega nel dettaglio il professor Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità – sottolinea Rosa – c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi».

Proprio questa ultima voce è stata oggetto di studio e di applicazione del modello Lean Management alla sanità, un approccio strategico all’organizzazione con l’obiettivo di identificare ed eliminare lo spreco, aggiungendo valore al paziente tramite la valorizzazione dei professionisti che lavorano nel sistema sanitario italiano. «Per il raggiungimento del piano Lean è importante che ci sia un team multiculturale – prosegue Rosa – è quindi fondamentale investire in competenze, motivazione e formazione perché attraverso questi fattori la Lean possa essere applicabile. Le attività devono essere basate sul lavoro di gruppo, avere obiettivi chiari e ben definiti ed essere in grado di portare a termine le attività con gli strumenti più idonei al fine di eliminare gli sprechi, ridurre i tempi di attesa, ottimizzare le risorse e migliorare la qualità delle cure». Tutto ciò fa parte di un piano ben strutturato che prevede alcuni punti essenziali: check iniziale e mappatura del flusso dei processi interni, individuazione delle aree di spreco, generazione delle idee di miglioramento, implementazione del miglioramento, valutazione dei benefici creati, consolidamento del miglioramento ed attuazione del best practice. Ad oggi sono diverse le realtà che hanno fatto propria questa politica di spending review, a cominciare dal 2008 anno in cui aziende sanitarie come il “Galliera” di Genova e l’AUO di Siena hanno iniziato dei percorsi di lean managment, a seguire ci sono state le esperienze di Siena, dell’Humanitas di Milano, delle aziende sanitarie di Bari, Barletta, Taranto , IRCCS di Bari e tante altre sul territorio nazionale, mentre oggi sono in fase di avviamento dei processi di lean negli ospedali lombardi: dal San Raffaele, al Niguarda e altre strutture sanitarie che sempre più credono nei processi di implementazione del Lean Management come strumento per il raggiungimento del Value Based Healthcare.

 

Articoli correlati
ECM, Pensionati Cisl: «Perché il Sistema sanitario non investe in questo ambito?»
Emilio Didone, segretario dell’associazione pensionati della Cisl Lombardia, sottolinea come i pazienti non si sentano adeguatamente tutelati: «Ad una richiesta, lecita, di aggiornamento, non è seguito un investimento delle strutture nella formazione, mentre i medici in organico sono sempre meno...»
di Federica Bosco
Formazione, Cimo diffida strutture sanitarie: troppi medici costretti a rinunciare a ECM per coprire turni e carenze
«Le aziende - sottolinea il Presidente CIMO Guido Quici - impegnano sempre meno risorse per la formazione, tanto che tra il 2010 e il 2016 la spesa delle aziende sanitarie e ospedaliere è diminuita del 32,55% passando da 147,8 mln a 99,7 mln di euro». Il sindacato chiede che entro 30 giorni siano attivati o ripristinati gli strumenti e i tempi a disposizione dei medici da dedicare ad un effettivo aggiornamento professionale nell’ambito delle ore lavorative istituzionali
ECM, Giacomelli (CODICI): «Sistema dei controlli non funziona, medico presenti ai pazienti ‘curriculum’ con aggiornamenti»
Il segretario nazionale di CODICI - Centro per i diritti del cittadino torna sul tema del mancato adempimento dell’obbligo formativo e rilancia: «È bene che appunto il consumatore venga messo nelle condizioni di conoscere chi è il professionista e le competenze che ha acquisito su quel caso specifico caso o su una determinata patologia»
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
Sanità, innovazione, accessibilità e tecnologie. Al via a Catanzaro il XIX convegno nazionale ingegneria clinica
Il rapporto tra sanità, tecnologie, accessibilità ed autentico valore dei servizi è al centro del XIX Convegno dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici, che si tiene a Catanzaro dal 16 al 18 maggio 2019 e che propone come titolo “Tecnologie, accessibilità, esiti: l’ingegneria clinica per una sanità di valore”. Oltre dieci mesi di lavoro sono serviti per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...