Formazione 13 Dicembre 2016

Innovazione e formazione, binomio indissolubile. Tedeschi: «Premi per virtuosi»

Per seguire i progressi della medicina i camici bianchi devono formarsi: questo il monito di Tiziano Tedeschi (membro commissione nazionale ECM): «Progresso e aggiornamento di pari passo. Bene i premi per i virtuosi»

Immagine articolo

Il continuo miglioramento delle tecniche medico-chirurgiche, l’evoluzione delle strumentazioni, prodotti medicali e apparecchiature all’avanguardia, segnano un progresso ininterrotto nel campo sanitario che porta vantaggi non solo agli operatori ma anche ai pazienti. Per stare al passo con il progresso è essenziale la formazione da parte del medico perché non rimanga indietro con l’innovazione.  «La professione medica si è dovuta evolvere insieme alla tecnologia», interviene Tiziano Tedeschi, medico radiologo membro della Commissione Nazionale Formazione Continua che sottolinea con convinzione l’importanza dell’aggiornamento per la categoria dei camici bianchi, portando esempi concreti collegati allo sviluppo delle nuove tecnologie: nell’ambito del “Forum dell’Innovazione per la Salute” di Milano ha infatti presentato una ricostruzione in stampa 3D di un esame radiologico. Un risultato di notevole importanza perché consente di superare la vecchia “visione bidimensionale”, migliorando dunque la qualità dell’intervento.

«Innovazione e medicina vanno di pari passo – prosegue Tedeschi – la nostra professione io la definisco ‘work in progress’, perché dobbiamo adattarci in modo continuo e costante alle nuove scoperte e non tralasciare niente perché anche il minimo dettaglio è indispensabile per la nostra professione». «Proprio per questa ragione ci tengo a fare un invito a tutti i colleghi – prosegue – voglio incoraggiarli a proseguire la formazione e completare sempre il proprio percorso ECM». Tedeschi fa riferimento alla propria specializzazione medica, la radiologia, quella branca della medicina che maggiormente rispetto alle altre categorie, deve avvalersi del supporto di apparecchiature tecnologiche: «Un settore strettamente legato alle strumentazioni. Il progresso migliora le macchine e di conseguenza l’uomo deve riuscire a seguire i cambiamenti per adoperarli poi nel proprio mestiere. Ecco il radiologo è proprio l’esempio più calzante, la nostra specificità è proprio quella di lavorare insieme alle apparecchiature, dunque dobbiamo studiarne gli sviluppi».

«Per quanto riguarda il discorso sanzionatorio – ci tiene a specificare Tedeschi – io lo trasformerei più che altro in un concetto premiante. Noi che oltre ad essere medici, ci occupiamo specificatamente di formazione, dobbiamo essere più propositivi e sostituire al concetto sanzionatorio l’aspetto premiante per chi completa la propria formazione». Ed è in effetti proprio questa la direzione che sta assumendo l’ECM, come confermato nel corso del convegno nazionale  del Consorzio Cogeaps (gestisce i crediti formativi delle 30 professioni sanitarie) a poche settimane dalla ravvicinata scadenza del 31 dicembre del triennio 2014.-2016. Nell’occasione dal tavolo di confronto tra i principali stakeholder del settore sono stati annunciati bonus per gli operatori sanitari più virtuosi. Nella stessa occasione è stato anche ribadito che sono previste (in base alla legge 148/2011) sanzioni disciplinari, demandate agli Ordini, per chi non è in regola. Inoltre è stato ricordato che la certificazione ECM resta un requisito fondamentale per scatti contributivi e opportunità di carriera.

Nell’ottica dell’importanza della formazione medica, Tedeschi aggiunge: «Vorrei inoltre fare un piccolo accenno a quello che è uno sviluppo particolare dell’Educazione continua in Medicina, il dossier formativo che sta prendendo piede proprio in previsione del prossimo triennio formativo 2017-2019». Il dossier che finora è rimasto in via di sperimentazione, rappresenta uno strumento a disposizione del professionista e del Sistema Sanitario, per una pianificazione del percorso che risponda sia alle esigenze del singolo in termini di aggiornamento professionale, che a quelle derivanti dai Piani Sanitari Nazionali, Regionali e dell’Organizzazione nella quale presta la propria opera lo stesso professionista.

«Attraverso la costruzione di un dossier formativo, il professionista definisce quello che è il suo progetto d’informazione di tre anni – ci tiene a precisare Tedeschi -. Io lavoro in radiologia tradizionale, di conseguenza, avrò un mio progetto di formazione che sarà diverso dal percorso di un collega che lavora in altro campo. Io posso diventare un formatore di me stesso e finalizzo il mio aggiornamento al completamento di tutti quei corsi che mi portano a rendere più specifica e completa la mia formazione».

Articoli correlati
Dal 29 al 30 marzo il 2° Congresso Goal. Mazzacane (Segretario): «Noi in prima linea nell’oculistica: oltre alla cura guardiamo al benessere psicofisico del paziente»
Danilo Mazzacane a Sanità Informazione: «Clinica, prevenzione, diagnosi precoce e aggiornamento professionale sono fondamentali; il nostro compito non è sempre riuscire a guarire ma è anche quello di alleviare la sofferenza del paziente in tutte le sue manifestazioni»
Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri
Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Tumori in aumento, dialogo medico-paziente alla base della cura
Le nuove diagnosi di cancro sono in aumento, complice l’allungamento dell’aspettativa di vita e uno stile di vita scorretto. Al medico il compito di creare un filo diretto con il paziente come parte della terapia
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Milano, “Grazie di cuore”: il Niguarda festeggia i benefattori
Si dice “Milan col coeur in man” e non è solo un modo di dire: ogni anno, da anni, vengono donati dai privati alla Fondazione A. De Gasperis oltre 170mila euro per finanziare risonanze magnetiche, borse di studio e ferri chirurgici. Per festeggiare il cinquantesimo anniversario ma soprattutto i benefattori che lo hanno reso possibile, la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone