Formazione 19 ottobre 2016

Giovani medici, Presenti (Cic): «Puntare sull’innovazione per garantire formazione ai giovani»

Il presidente del Collegio Italiano Chirurghi, Luigi Presenti, ai microfoni di Sanità Informazione: «Ben venga l’obbligo dei crediti che sensibilizza sulla necessità dell’aggiornamento. Percorsi formativi innovativi per il medico del futuro, per i giovani fondamentale aggiornarsi per inserirsi nel mondo del lavoro»

Innovazione fa spesso rima con aggiornamento, in particolare con aggiornamento ECM. Qual è la situazione e soprattutto quali gli sviluppi?

«L’innovazione richiede aggiornamento e quest’ultimo garantisce formazione e preparazione. In questi ultimi 25 anni la chirurgia ha fatto cambiamenti epocali e la necessità di aggiornare i medici sulle nuove tecnologie è uno dei temi focali che le società scientifiche e il mondo sanitario hanno dovuto affrontare e portare avanti. Il sistema ECM ha rimesso in gioco l’importanza della formazione, acquisire crediti formativi  e stare al passo con i tempi, ha rimesso in discussione il medico accrescendo la sua sensibilità in relazione all’attualità. Il sistema ECM ha permesso ai medici di ricominciare».

Eppure non si riesce a capire con esattezza quanti sono i medici che rispettano l’obbligo formativo, le percentuali risultano oscillanti, qual è la sua impressione?

«Probabilmente il problema più rilevante è l’accesso alla formazione. Il medico spesso non ha molto tempo a disposizione e frequentare i corsi non è sempre fattibile. Quindi ben venga la formazione a distanza che rappresenta un’opportunità per tutti di aggiornamento. Inoltre segnalerei anche i problemi derivanti dalla registrazione dei crediti, il registro non è sempre aggiornato e spesso il medico non ha la possibilità di capire la sua situazione formativa complessiva. In ogni caso l’importante è una formazione di qualità, questa la cosa fondamentale, non si può aderire a politiche di credito tout court, la formazione soprattutto in questa fase storica, deve garantire un percorso di crescita professionale assoluto. In questa ottica l’aggiornamento ECM deve essere di qualità e garantire percorsi formativi che abbiano dati tecnici ma anche non tecnici. Con questi elementi il medico del presente può trasformarsi in medico del futuro. Dunque, metterei l’accento sull’importanza del dossier formativo ECM, questo deve essere personalizzato per ogni categoria e per ogni livello di responsabilità. Infatti ci sono giovani medici che necessitano di formazione tecnica perché non l’hanno ancora acquisita, mentre i medici più strutturati, più anziani, hanno bisogno di elementi formativi più approfonditi».

A proposito di giovani medici, lei ha fatto riferimenti a ECM differenziati per fasce di età, ci sono iniziative in campo per favorire il loro inserimento nel mondo del lavoro, mi riferisco a tutele gratuite, aggiornamento gratuito, può essere una soluzione per cominciare la professione?


«
La formazione dei giovani è il target principale delle società scientifiche. Non c’è discussione se non c’è formazione, se non c’è qualità professionale anche l’inserimento nel mondo del lavoro è problematico. Il fenomeno del precariato oggi è un grande problema per i giovani, soprattutto in ambito chirurgico rispetto ad altre specialità. Dobbiamo garantire ai nostri giovani medici un percorso formativo e lavorativo valido per loro ma che sia anche di garanzia per la popolazione, la gente paga il Servizio Sanitario e vuole che sia di qualità».

Articoli correlati
Formazione continua in Medicina, al via l’Evento nazionale ECM, Bevere (AGENAS): “Introdotte novità determinanti”
Adesione record per l’evento organizzato dalla Commissione Nazionale Formazione Continua con il supporto di AGENAS. Coletto, Presidente AGENAS - «Formazione sempre più vissuta come fattore strategico e insostituibile per essere al passo con una sanità in continua evoluzione». Bevere, Dg AGENAS: «Questa due giorni va a concludere un triennio di innovazione e ammodernamento del settore dell’ECM»
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «È un dovere deontologico ma è anche requisito fondamentale per concorsi e iscrizione ad albi»
Al Forum Risk Management di Firenze il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie è intervenuto alla sessione organizzata dalla Simedet. A breve la pubblicazione del nuovo Manuale per la formazione dei professionisti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...