Salute 12 Luglio 2016

Formazione medica, per l’Aeronautica è essenziale: «Le sfide cambiano costantemente»

Intervista al Generale Manfroni, comandante del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare: «Preparazione generale e aggiornamento continuo sono fondamentali nella sanità militare: è necessario avere competenza multidisciplinare. Ben vengano progetti come “Sanità di Frontiera”».

«Un medico militare non sa mai di fronte a cosa si troverà, e spesso si deve confrontare con patologie diverse e a volte nuove. Deve dunque essere costantemente aggiornato»Parola del Generale Ispettore Piervalerio Manfroni, Capo del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare, che ai microfoni di Sanità Informazione chiarisce perché la formazione continua del personale sanitario sia fondamentale, specialmente nelle zone di frontiera. Con il flusso costante di clandestini in arrivo sulle nostre coste, in condizioni di salute spesso disperate o comunque molto difficili, è fondamentale che il personale sanitario che lavora a diretto contatto con i migranti sia formato alla perfezione e pronto a tutto. È questa l’idea che sta alla base di un progetto come “Sanità di Frontiera”, che verrà realizzato con il coordinamento del dottor Pietro Bartolo, immagine simbolo dei medici di Lampedusa, e che ha avuto il plauso proprio del Generale Manfroni.

«Sicuramente la formazione è la base di tutte le professioni e di quella medica in particolare. La formazione acquisita si scarica sul paziente e per ottenere delle prestazioni di alto livello bisogna continuare a formarsi e informarsi per tutta la vita. Crediamo particolarmente nella difesa di questo modello di formazione e sicuramente attingiamo a tutte le risorse disponibili. Abbiamo settori su cui formarsi che curiamo particolarmente e che potremmo mettere a disposizione di tutti, come il trasporto dei malati in volo e il controllo del personale aeronavigante. È necessaria dunque una preparazione su più campi, generale, essenziale per un medico militare. Noi non sappiamo mai di fronte a cosa ci troveremo. Le specialità richieste si allargano a quelle di un solo singolo specialista e quindi è necessario avere una competenza pluridisciplinare che caratterizza particolarmente la funzione medica del medico militare».

In questo periodo il tema scottante, un problema che dura da anni e che si riaccende di settimana in settimana, è quello dei migranti. Anche in questo caso siete in prima linea ed è importante avere la corretta formazione e informazione, sia per i medici che per gli stessi cittadini.

«La difesa è in prima linea, la sanità militare anche. Ci troviamo di fronte a patologie diversificate e anche nuove e quindi avere aggiornamenti adeguati a quelle che saranno le problematiche che andremo ad affrontare sicuramente ci è utile. Le competenze richieste vanno dalla pediatria alla ostetricia, alla ginecologia e alla traumatologia. Queste iniziative sono sicuramente funzionali all’obiettivo».

L’abbiamo vista dialogare fitto con il dottor Bartolo, medico simbolo di Lampedusa. Possiamo immaginare una collaborazione, che presumo già ci sia, ma che possa rafforzarsi magari proprio in questo progetto che riguarda la FAD e “Sanità di Frontiera”?

«Io direi sicuramente di sì e anche qui esprimo la mia idea: non sappiamo mai dove arriveranno i problemi e la sanità militare in questo senso potrebbe essere un’ottima integrazione al Servizio sanitario nazionale, per mettere a disposizione dei cittadini un servizio sempre più efficiente. Noi siamo anche nel settore pubblico e sicuramente siamo disponibili a collaborare con chiunque. Il dottor Bartolo lo ha accennato, ciò che ci caratterizza è l’operare in prima linea e avere esperienza diretta delle novità che arrivano».

 

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
Dialisi peritoneale a domicilio, l’Aou Sassari forma i pazienti
Un incontro educativo dedicato ai pazienti che svolgono la dialisi peritoneale a domicilio e ai familiari che ne condividono l’esperienza, mirato ad una migliore conoscenza della malattia renale cronica avanzata e alla gestione del trattamento. È stato questo il tema centrale della riunione organizzata nei giorni scorsi dalla struttura complessa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto […]
Carenza medici, per Codici l’allarme è solo un bluff: «Piuttosto verificare aggiornamento professionale»
Altro tema caldo di questi giorni, il presunto attacco subito dai medici sul piano legale. «Si parla di eccessivo clamore dato ai casi di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Peccato, però, che ci si dimentichi di spiegare il perché si arriva a questi numeri»
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano