Salute 12 Luglio 2016 11:49

Formazione medica, per l’Aeronautica è essenziale: «Le sfide cambiano costantemente»

Intervista al Generale Manfroni, comandante del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare: «Preparazione generale e aggiornamento continuo sono fondamentali nella sanità militare: è necessario avere competenza multidisciplinare. Ben vengano progetti come “Sanità di Frontiera”».

«Un medico militare non sa mai di fronte a cosa si troverà, e spesso si deve confrontare con patologie diverse e a volte nuove. Deve dunque essere costantemente aggiornato»Parola del Generale Ispettore Piervalerio Manfroni, Capo del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare, che ai microfoni di Sanità Informazione chiarisce perché la formazione continua del personale sanitario sia fondamentale, specialmente nelle zone di frontiera. Con il flusso costante di clandestini in arrivo sulle nostre coste, in condizioni di salute spesso disperate o comunque molto difficili, è fondamentale che il personale sanitario che lavora a diretto contatto con i migranti sia formato alla perfezione e pronto a tutto. È questa l’idea che sta alla base di un progetto come “Sanità di Frontiera”, che verrà realizzato con il coordinamento del dottor Pietro Bartolo, immagine simbolo dei medici di Lampedusa, e che ha avuto il plauso proprio del Generale Manfroni.

«Sicuramente la formazione è la base di tutte le professioni e di quella medica in particolare. La formazione acquisita si scarica sul paziente e per ottenere delle prestazioni di alto livello bisogna continuare a formarsi e informarsi per tutta la vita. Crediamo particolarmente nella difesa di questo modello di formazione e sicuramente attingiamo a tutte le risorse disponibili. Abbiamo settori su cui formarsi che curiamo particolarmente e che potremmo mettere a disposizione di tutti, come il trasporto dei malati in volo e il controllo del personale aeronavigante. È necessaria dunque una preparazione su più campi, generale, essenziale per un medico militare. Noi non sappiamo mai di fronte a cosa ci troveremo. Le specialità richieste si allargano a quelle di un solo singolo specialista e quindi è necessario avere una competenza pluridisciplinare che caratterizza particolarmente la funzione medica del medico militare».

In questo periodo il tema scottante, un problema che dura da anni e che si riaccende di settimana in settimana, è quello dei migranti. Anche in questo caso siete in prima linea ed è importante avere la corretta formazione e informazione, sia per i medici che per gli stessi cittadini.

«La difesa è in prima linea, la sanità militare anche. Ci troviamo di fronte a patologie diversificate e anche nuove e quindi avere aggiornamenti adeguati a quelle che saranno le problematiche che andremo ad affrontare sicuramente ci è utile. Le competenze richieste vanno dalla pediatria alla ostetricia, alla ginecologia e alla traumatologia. Queste iniziative sono sicuramente funzionali all’obiettivo».

L’abbiamo vista dialogare fitto con il dottor Bartolo, medico simbolo di Lampedusa. Possiamo immaginare una collaborazione, che presumo già ci sia, ma che possa rafforzarsi magari proprio in questo progetto che riguarda la FAD e “Sanità di Frontiera”?

«Io direi sicuramente di sì e anche qui esprimo la mia idea: non sappiamo mai dove arriveranno i problemi e la sanità militare in questo senso potrebbe essere un’ottima integrazione al Servizio sanitario nazionale, per mettere a disposizione dei cittadini un servizio sempre più efficiente. Noi siamo anche nel settore pubblico e sicuramente siamo disponibili a collaborare con chiunque. Il dottor Bartolo lo ha accennato, ciò che ci caratterizza è l’operare in prima linea e avere esperienza diretta delle novità che arrivano».

 

Articoli correlati
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni