Formazione 10 Giugno 2019

Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»

«È la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario», sottolinea la presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche. «Quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti», aggiunge Mangiacavalli

Immagine articolo

La parola chiave è multidisciplinarietà. Intorno a questo concetto è ruotato l’intervento che la presidente della Federazione degli Ordini degli Infermieri Barbara Mangiacavalli ha svolto in occasione della prima giornata del Chimico e Fisico celebrata nella prestigiosa Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani il 7 giugno.

Del resto tutte le professioni sanitarie hanno ormai ben chiaro che l’approccio multiprofessionale sarà sempre più centrale nel futuro della sanità italiana e l’unità d’azione è fondamentale come accaduto lo scorso 23 febbraio al Teatro Argentina di Roma quando si sono riunite tutte le professioni sanitarie che hanno lanciato sei richieste per una sanità universalistica e uguale per tutti.

«La chiave del mio intervento è stato il concetto di ‘multidisciplinarietà’ – spiega Mangiacavalli a Sanità Informazione -. Credo che l’evoluzione del nostro Paese, dello stato sociale, delle condizioni epidemiologiche della nostra demografia debba necessariamente orientare noi professionisti sanitari a mettere a servizio del cittadino il nostro contributo non in una logica solitaria o monoconfessionale ma in una logica di equipe e di confronto di discipline diverse, di saperi e competenze diverse perché quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti. I bisogni del cittadino non possono più essere classificabili o catalogabili come un bisogno tipicamente sanitario a cui corrisponde una professione ma sono bisogno che accompagno lunghi pezzi di vita dei nostri cittadini quindi c’è bisogno di un intervento multiprofessionale».

Tra i compiti dell’Ordine c’è anche quello della formazione. Come si sta attrezzando la Fnopi in questo ambito?

«Gli Ordini non hanno ancora un sistema di certificazione delle competenze e di rivalidazione così come avviene in altri paesi europei però abbiamo il sistema della Formazione continua in medicina che ha bisogno di essere rivisitato dopo quasi 20 anni di attivazione ma che diventa un elemento importante perché gli Ordini hanno una funzione vigilante sul mantenimento delle competenze dei singoli professionisti perché è la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario».

 

 

 

 

Articoli correlati
Patto per la salute, Aceti (Fnopi): «Perché la “clausola di salvaguardia” economica tagliafondi non va»
Il portavoce FNOPI, Tonino Aceti, commenta  La “clausola di salvaguardia economica” inserita nella bozza di Patto per la salute che subordina il diritto alla salute all’economia. Una visione questa già analizzata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il […]
Patto per la Salute, Aceti (Fnopi): «Bene Grillo, basta tagli alla Sanità. Infermieri in prima linea»
«Abbiamo apprezzato anche l'aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder», spiega ai microfoni di Sanità Informazione il portavoce della Federazione degli Ordini degli Infermieri, Tonino Aceti
Manifestazione 8 giugno, arriva il sostegno di infermieri, ostetriche e tecnici sanitari: «Ora nuovo contratto»
Comunicato congiunto degli Ordini TSRM e PSTRP, FNOPO e FNOPI per ribadire che « uguaglianza, solidarietà, universalismo ed equità sono i principi base del Servizio sanitario che è e restare pubblico e nazionale». Chiedono assunzioni e investimenti sull’innovazione
Infermieri, le proposte Nursing Up: «È tempo di un contratto analogo a quello dei dirigenti medici»
Categoria E per tutti i professionisti sanitari, ES e posto di ruolo per gli specialisti, intramoenia ed indennità di esclusività. Ecco le proposte che il sindacato degli infermieri Nursing Up porta oggi alla Commissione paritetica dell'Aran
Città Salute Torino, Nursing Up: «Reparti a rischio chiusura per carenza di organico. Chiediamo incontro al presidente Cirio»
«Apprendiamo dalla delegazione del Piemonte la grave situazione che si sta configurando presso la Città della Salute di Torino, dove sarebbe imminente la chiusura di alcuni reparti a causa della carenza di personale. Un fiore all’occhiello della Sanità pubblica rischia così di andare in malora grazie ad una visone miope ed ottusa della politica, che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...