Formazione 10 Giugno 2019

Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»

«È la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario», sottolinea la presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche. «Quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti», aggiunge Mangiacavalli

Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»

La parola chiave è multidisciplinarietà. Intorno a questo concetto è ruotato l’intervento che la presidente della Federazione degli Ordini degli Infermieri Barbara Mangiacavalli ha svolto in occasione della prima giornata del Chimico e Fisico celebrata nella prestigiosa Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani il 7 giugno.

Del resto tutte le professioni sanitarie hanno ormai ben chiaro che l’approccio multiprofessionale sarà sempre più centrale nel futuro della sanità italiana e l’unità d’azione è fondamentale come accaduto lo scorso 23 febbraio al Teatro Argentina di Roma quando si sono riunite tutte le professioni sanitarie che hanno lanciato sei richieste per una sanità universalistica e uguale per tutti.

«La chiave del mio intervento è stato il concetto di ‘multidisciplinarietà’ – spiega Mangiacavalli a Sanità Informazione -. Credo che l’evoluzione del nostro Paese, dello stato sociale, delle condizioni epidemiologiche della nostra demografia debba necessariamente orientare noi professionisti sanitari a mettere a servizio del cittadino il nostro contributo non in una logica solitaria o monoconfessionale ma in una logica di equipe e di confronto di discipline diverse, di saperi e competenze diverse perché quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti. I bisogni del cittadino non possono più essere classificabili o catalogabili come un bisogno tipicamente sanitario a cui corrisponde una professione ma sono bisogno che accompagno lunghi pezzi di vita dei nostri cittadini quindi c’è bisogno di un intervento multiprofessionale».

Tra i compiti dell’Ordine c’è anche quello della formazione. Come si sta attrezzando la Fnopi in questo ambito?

«Gli Ordini non hanno ancora un sistema di certificazione delle competenze e di rivalidazione così come avviene in altri paesi europei però abbiamo il sistema della Formazione continua in medicina che ha bisogno di essere rivisitato dopo quasi 20 anni di attivazione ma che diventa un elemento importante perché gli Ordini hanno una funzione vigilante sul mantenimento delle competenze dei singoli professionisti perché è la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario».

 

 

 

 

Articoli correlati
Tre anni di Simedet, l’appello di Capuano a Speranza: «Multidisciplinarietà entri nella formazione obbligatoria dei corsi di laurea»
«Nella "ricostruzione" dei modelli organizzativi territoriali del nostro SSN le Professioni Sanitarie vanno ascoltate e rese partecipi proprio per prevenire le prossime emergenze sanitarie e per la gestione del post Covid-19» spiega il Presidente della Società di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Ocse: «Infermieri vitali, specie quest’anno», ma l’Italia è sotto la media
La denuncia di Fnopi: nel nostro Paese 5,7 infermieri per 1000 abitanti, sotto la media europea
Telemedicina, l’esperimento di Borgosesia: a scuola apparecchiature per monitorare la salute dei bambini
Le strumentazioni verranno utilizzate da personale infermieristico appositamente formato. Il sindaco Tiramani: «Le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata di Covid-19 e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna»
Via libera del CdM alla Legge di Bilancio. Cosa prevede per la sanità? Le reazioni di sindacati e Ordini
Da Anaao a Cimo, passando per i sindacati della funzione pubblica agli infermieri, ecco cosa pensano sindacati e Ordini della manovra
Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza
La situazione in Italia resta grave e la pressione sugli ospedali non si alleggerisce. Medici e infermieri lavorano senza sosta, al limite delle forze. Ma devono difendersi anche dal fuoco amico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli