Formazione 10 Giugno 2019 13:12

Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»

«È la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario», sottolinea la presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche. «Quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti», aggiunge Mangiacavalli

Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»

La parola chiave è multidisciplinarietà. Intorno a questo concetto è ruotato l’intervento che la presidente della Federazione degli Ordini degli Infermieri Barbara Mangiacavalli ha svolto in occasione della prima giornata del Chimico e Fisico celebrata nella prestigiosa Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani il 7 giugno.

Del resto tutte le professioni sanitarie hanno ormai ben chiaro che l’approccio multiprofessionale sarà sempre più centrale nel futuro della sanità italiana e l’unità d’azione è fondamentale come accaduto lo scorso 23 febbraio al Teatro Argentina di Roma quando si sono riunite tutte le professioni sanitarie che hanno lanciato sei richieste per una sanità universalistica e uguale per tutti.

«La chiave del mio intervento è stato il concetto di ‘multidisciplinarietà’ – spiega Mangiacavalli a Sanità Informazione -. Credo che l’evoluzione del nostro Paese, dello stato sociale, delle condizioni epidemiologiche della nostra demografia debba necessariamente orientare noi professionisti sanitari a mettere a servizio del cittadino il nostro contributo non in una logica solitaria o monoconfessionale ma in una logica di equipe e di confronto di discipline diverse, di saperi e competenze diverse perché quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti. I bisogni del cittadino non possono più essere classificabili o catalogabili come un bisogno tipicamente sanitario a cui corrisponde una professione ma sono bisogno che accompagno lunghi pezzi di vita dei nostri cittadini quindi c’è bisogno di un intervento multiprofessionale».

Tra i compiti dell’Ordine c’è anche quello della formazione. Come si sta attrezzando la Fnopi in questo ambito?

«Gli Ordini non hanno ancora un sistema di certificazione delle competenze e di rivalidazione così come avviene in altri paesi europei però abbiamo il sistema della Formazione continua in medicina che ha bisogno di essere rivisitato dopo quasi 20 anni di attivazione ma che diventa un elemento importante perché gli Ordini hanno una funzione vigilante sul mantenimento delle competenze dei singoli professionisti perché è la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario».

 

 

 

 

Articoli correlati
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
Fnopi: «Contro la carenza di infermieri servono le specializzazioni»
Fnopi: «Non è con la quantità delle lauree che si risolve la carenza di infermieri, ma con la qualità dei professionisti»
Zampa (Pd) raccoglie l’appello della FNOPI: «Subito un patto del lavoro sanitario e sociosanitario per far fronte alla carenza»
Tra le altre proposte del Pd anche lo sviluppo delle specializzazioni e delle implementazioni di competenze, già previste dal contratto, ad iniziare dall’infermiere di famiglia, e la riforma della formazione universitaria
In Italia mancano 70mila infermieri, le richieste di Fnopi
Un documento redatto e diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche presenta i numeri delle carenze di infermieri in Italia. Si sottolineano i sacrifici fatti in pandemia e si elencano una serie di richieste alla politica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi