Formazione 13 Dicembre 2019

Formazione Ecm, Consulcesi plaude a Speranza e Anelli: «Bene riforma e richiami all’obbligo per chi non si forma entro il 31/12»

Tortorella (Presidente Consulcesi): «A tutti i medici 200 corsi gratuiti per chi si forma entro la fine del triennio» e aggiunge: «anche Associazione Provider sia rappresentata in Commissione Ecm»

«L’importanza attribuita alla formazione ECM dal Ministro alla Salute Roberto Speranza e dal Presidente della FNOMCeO Filippo Anelli dopo l’inchiesta di Panorama rappresenta un ottimo segnale per tutti gli operatori sanitari ma anche per i pazienti». Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi plaude alla reazione all’articolo del settimanale diretto da Maurizio Belpietro in cui, evidenziato da un titolo impattante (“Medici ignoranti”), venivano messi in correlazione i rischi per la salute dei cittadini di fronte alla tendenza dei professionisti ad evadere l’obbligo di legge e le storture del sistema di controllo.

«Il Ministro Speranza ed il Presidente Anelli, oltre a rispedire al mittente gli attacchi, hanno confermato che si sta lavorando per rendere più efficiente il sistema già dal nuovo anno – commenta Tortorella – Sarà importante che in questo processo siano coinvolti anche i Provider a cui dovrebbe andare anche una rappresentanza in Commissione ECM. Dal nord al sud i Presidenti tutti compatti, hanno esortato chi ancora non lo avesse fatto a completare il triennio formativo a farlo entro il 31 dicembre: pena sanzioni. D’altronde i rischi professionali, in particolare quelli legati alle coperture assicurative, sono ben chiari a tutti».

L’importanza della formazione, così appunto come sottolineato dai vertici della sanità italiana, resta dunque l’unico antidoto per fronteggiare le principali criticità per i professionisti andando a rasserenare i rapporti con i pazienti e di conseguenza a limitare i contenziosi che affollano i tribunali contribuendo a raggiungere l’obiettivo di un vero “Patto della Salute”.

Consulcesi, forte degli oltre 100mila medici rappresentati, tende una mano ai medici per supportarli a completare il loro percorso formativo, puntando proprio su quella qualità messa in evidenza nelle dichiarazioni resa alla stampa in reazione all’uscita di Panorama. «Consulcesi Club per ovviare al deficit formativo mette a disposizione gratuitamente oltre 200 corsi Fad entro il 31 dicembre di quest’anno (accesso diretto al link: www.corsi-ecm-fad.it/catalogo-corsi) puntando su metodologie innovative che consentono di aggiornare le proprie conoscenze sfruttando le potenzialità della tecnologia: dal paziente virtuale alla realtà aumentata vivendo percorsi immersivi altamente performanti sempre mantenendo un elevato livello dei contenuti. Il valore formativo della nostra e-learning è stato di recente confermato anche dal corso messo a disposizione dal nostro provider Sanità in-Formazione “Salute e Migrazione” che FNOMCeO offre gratuitamente a tutti i medici italiani che ha visto la partecipazione di oltre 16mila camici bianchi».

Dal Report Annuale sulle preferenze dell’ultimo triennio formativo 2017-2019, realizzato da Consulcesi sui suoi utenti, emerge che 2 operatori sanitari su 3 scelgono di formarsi a distanza e che 1 su 3 opta per i corsi multimediali e realizzati con realtà immersiva e virtuale. Tra i temi più gettonati, ai primi posti c’è l’aggiornamento sulla responsabilità professionale, e su stress e l’impatto in ambito lavorativo e anche su come gestire i collaboratori.

Articoli correlati
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Proroga Ecm: da Consulcesi il vademecum per evitare sanzioni
Dopo la decisione della Commissione Nazionale per l’Educazione Continua in Medicina di concedere un altro anno per assolvere all’obbligo formativo ecco tutto quello che c’è da sapere ed i principali rischi che corre chi non sarà in regola entro il 31 dicembre 2020
Da Ippocrate ad oggi, la formazione cambia ma resta fondamentale. Almini (CAO Bergamo): «Ecco perché conviene adempiere all’obbligo ECM»
Il Presidente del Coordinamento Albi Odontoiatri di Bergamo sarà relatore unico di un seminario dal titolo “ECM: Come, dove, quando, perché!”. A Sanità Informazione spiega come e perché si sta evolvendo il sistema e i motivi per cui fare formazione continua è una parte fondamentale della professione
Burnout e malattie cardiache, dalla scienza nuove possibilità di risarcimento
Italia tra i Paesi europei con operatori sanitari più stressati: la sindrome colpisce il 90% in corsia. Consulcesi attiva sportello gratuito per la prima valutazione medico-legale e consulenza legale: all’esame tutti i fattori di rischio, come riconoscere i sintomi e come tutelarsi
ECM, nasce l’Associazione dei provider: «Pronti a contribuire alla Riforma»
Simone Colombati, Presidente di “Formazione nella Sanità”, presenta gli obiettivi al Ministro Speranza: «In Italia operano 1.128 provider privati, una voce che non può essere ignorata: pronti a partecipare al tavolo di lavoro della Commissione ECM»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...