Formazione 9 Giugno 2015

«Formazione e tutela: anche nel privato è il medico il protagonista»

Intervista a Lorenzo Miraglia, nuovo presidente nazionale di AIOP Giovani.«Maggiore sinergia con le istituzioni e meno differenze tra pubblico e privato accreditato»

Immagine articolo

Cambiano i vertici di AIOP Giovani. Dopo aver ricoperto lo stesso ruolo per tre anni nella sezione Lazio, Lorenzo Miraglia è il nuovo presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata Giovani. Al suo fianco tre vicepresidenti: Matteo Bonvicini per l’Area Nord, Gianni Costa per l’Area Centro e Luca Valerio Radicati per l’Area Sud.

Miraglia sostituisce l’uscente Domenico Musumeci, che aveva ricoperto la stessa carica negli scorsi tre anni. Sanità informazione lo ha intervistato per capire come cambierà la politica di AIOP prevista per il prossimo triennio e quali sono le priorità del nuovo corso.

«Ci aspetta un lavoro molto interessante che sia io che tutta la mia squadra svolgeremo con passione. Si tratta di un lavoro certamente diverso da quello che ho portato avanti negli anni scorsi, in quanto se prima coordinavo i giovani dell’AIOP di una sola Regione, ora devo coordinare quelli di tutta Italia. Il che non è facile, se consideriamo nel nostro Paese esistono tanti sistemi sanitari quante sono le Regioni. Abbiamo comunque diversi obiettivi ben precisi da perseguire: dobbiamo alimentare la cultura della sanità coinvolgendo tutti i giovani che operano nelle strutture private accreditate e garantire a tutti la giusta formazione lavorativa. L’obiettivo più importante e in cui mi spenderò di più è però quello di provare a cambiare la cultura sanitaria a livello nazionale. Non parlo solo di noi giovani, ma anche dei giovanissimi delle scuole medie inferiori e superiori e spiegargli l’importanza della sanità anche a livello culturale. Dobbiamo far capire qual è l’importanza degli erogatori privati e pubblici e del lavoro che fanno insieme, sinergicamente, per cambiare quello che è attualmente lo stato dell’arte nella sanità italiana».

Un lavoro sul campo ma anche al fianco delle istituzioni, particolarmente attente in questo periodo ai temi che stanno più a cuore ai medici.
«Assolutamente sì. Noi siamo imprenditori e gestiamo strutture sanitarie ma è chiaro che il motore che fa andare avanti tutta la macchina è il medico. Dobbiamo stare al fianco della classe medica in modo da migliorare le condizioni in cui lavorano gli operatori sanitari e affievolire le differenze che esistono tra settore pubblico e privato accreditato».

Differenze, quelle tra i due settori, che spesso gravano sui singoli lavoratori. Succede, ad esempio, in ambito assicurativo, dove persiste il caos e aumentano le differenze tra medici pubblici e privati. Ci sono, al momento, diverse proposte di legge sul tema, e fino a quando non sarà emanata una legge quadro unica al medico privato non resta che affidarsi ad una tutela legale completa.
«Tra i vari ruoli che avrò in qualità di presidente dell’AIOP Giovani ci sarà anche quello di far capire a chi di dovere la totale differenza di regole e interpretazioni che hanno gli ospedali pubblici e le strutture private. Ma in che modo possiamo farlo? Certamente non attraverso pressioni sul legislatore per fargli cambiare le regole perché dovremmo lottare contro il potere di lobby molto forti che hanno grandi interessi nel settore assicurativo. Quello che possiamo fare è tentare di lavorare in modo da ridurre il ricorso alla medicina difensiva. Ecco, dobbiamo aprire i nostri ospedali, far entrare i cittadini e fargli capire cos’è la medicina e come funziona. In questo modo capiranno che l’uomo di medicina è un essere umano come gli altri, e come gli altri può sbagliare».

Articoli correlati
Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri
Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Milano, “Grazie di cuore”: il Niguarda festeggia i benefattori
Si dice “Milan col coeur in man” e non è solo un modo di dire: ogni anno, da anni, vengono donati dai privati alla Fondazione A. De Gasperis oltre 170mila euro per finanziare risonanze magnetiche, borse di studio e ferri chirurgici. Per festeggiare il cinquantesimo anniversario ma soprattutto i benefattori che lo hanno reso possibile, la […]
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Salute migranti, un corso ECM di FNOMCeO e Sanità di Frontiera OIS per curare le ferite invisibili
Il corso "Salute e migrazione: curare e prendersi cura” sarà presentato alla stampa il 14 marzo alle ore 12.30 a Roma, presso la sede della FNOMCeO
“Women for Haiti”, Martina Colombari: «Testimonial? Prima di tutto volontaria. Se non vedi con i tuoi occhi e non provi con il tuo cuore, non puoi raccontare»
Grazie al progetto della Fondazione Rava, realizzato all’ospedale Saint Luc, sotto la supervisione del medico volontario Enrico Cassano, direttore della Radiologia Senologica IEO, i dottori haitiani ricevono una formazione avanzata per la diagnosi, la prevenzione e cura del cancro al seno.
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone