Formazione 11 Aprile 2017 09:55

Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Sì al Ddl Lorenzin, serve ordine professionale». Primo censimento per la categoria

L’Associazione Italiana Fisioterapisti insieme al Ministero della Salute per fare il punto della situazione. «Siamo 65mila, servono più anni di formazione» la parola al Presidente dell’Associazione Mauro Tavarnelli

Sono 64.866 i fisioterapisti in Italia. Questa la fotografia scattata dall’Associazione Italiana Fisioterapisti in occasione del primo censimento della categoria presentato qualche giorno fa presso l’Hotel Nazionale in Piazza Montecitorio. Il censimento, che ha visto una collaborazione tra AIFI e Ministero della Salute, sarà utile per definire nel dettaglio le caratteristiche di una professione sanitaria in via di sviluppo che richiama sempre più iscritti e allo stesso tempo reclama l’istituzione di un ordine professionale attualmente inesistenti. Su questi temi, ai nostri microfoni Mauro Tavarnelli, il presidente dell’AIFI.

In occasione dei risultati del censimento dei fisioterapisti è possibile tracciare un quadro della situazione della categoria?

«Finalmente abbiano dei dati iniziali, siamo riusciti con un lavoro di cooperazione con i Ministeri competenti, ad arrivare a questo numero di circa 65mila unità attualmente formate in fisioterapia e abilitate all’esercizio. Adesso, con un ulteriore lavoro, riusciremo a sapere nei dettagli quanti realmente esercitano, quanti sono vicini all’età pensionabile, quanti sono uomini e donne, in modo che si possa fare una migliore programmazione di tutte le attività fisioterapiche necessarie al sistema».

In questa ottica, il Disegno di Legge Lorenzin sul riordino delle professioni sanitarie, approvato in Senato e presentato alla Camera, in che modo interviene sulla professione e qual è il punto di vista della categoria?

«Noi auspichiamo che il Disegno Legge vada velocemente in porto. Speriamo diventi Legge proprio perché è fondamentale per poter avere cognizione sulla quantità precisa di fisioterapisti in Italia e avere dunque un ordine professionale. Oggi possiamo tracciare in modo certo i nostri associati, ma non essendoci obbligo di iscrizione, non possiamo sapere il numero preciso di fisioterapisti».

Deontologia e trasparenza sono le colonne portanti del Ddl che, tra le altre cose, punta a combattere l’abusivismo professionale. Da questo punto di vista quanto è importante la formazione e l’aggiornamento per la categoria?

«La formazione è fondamentale e tutto il percorso, oramai esclusivamente universitario, porta ad avere dei professionisti debitamente formati. Allo stesso tempo, riteniamo che sia necessario che questo percorso diventi di 5 anni per avere professionisti ancora più formati con alle spalle un percorso di studi più lungo che permetta una formazione realmente adeguata ai bisogni dei cittadini».

Accede alla facoltà è difficile perché il numero di candidati ai test d’ingresso è ogni anno maggiore. Molti studenti rimangono esclusi dalla selezione, cosa vuole dire per incoraggiarli?

«Posso dire di insistere perché la nostra è una bellissima professione quindi capisco il loro desiderio e ne sono veramente contento. Mi dispiace per coloro che non riescono ad entrare ma li vorrei spronare ad insistere perché ne vale la pena. La fisioterapia è una professione stupenda, socialmente utile e che allo stesso tempo offre grandissime soddisfazioni».

Articoli correlati
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
Numero chiuso, come cambierà l’accesso all’università. La maggioranza chiede un aumento dei posti del 10%
Nella risoluzione approvata in commissione Cultura alla Camera, che farà da cornice alla riforma, i deputati chiedono di rendere disponibili corsi di preparazione preliminari gratuiti. E nel lungo periodo si punta a un rapporto di uno a uno tra gli accessi alla facoltà di medicina e gli ulteriori percorsi di formazione post lauream
di Francesco Torre
Cambia il test di Medicina ma resta il numero chiuso. La ministra Messa: addio a cultura generale e arriva il TOLC
In un'intervista al Corriere della Sera la ministra dell'Università ha parlato di un cambiamento nelle modalità del test di Medicina: si saluterà il "concorsone" in virtù di un esame TOLC, come succede a Ingegneria, con più risultati comparabili e più possibilità a partire già dal quarto anno di liceo
Cittadinanzattiva, un piano per il futuro dell’oncologia. Da recupero ritardi a innovazione
È stato presentato questa mattina il documento "Insieme per l'oncologia del futuro" realizzato da Cittadinanzattiva. Nel documento vengono definite sia azioni e iniziative incentrate sulla persona da intraprendere nell'immediato, sia strategie che mirano a modificare entro il 2030 l’approccio all'oncologia su quattro macroaree: prevenzione, innovazione, equità e qualità di vita.
Numero chiuso a Medicina, Consulcesi: «Da imbuto a “voragine” formativa, abbiamo bisogno di più laureati»
Tra 5 anni, si avranno 20mila posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 maggio, sono 525.611.047 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.277.241 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto