Formazione 12 Maggio 2015 19:02

Nuovo corso per Federfarma Roma: una “rivoluzione copernicana”

“Dialogo con le istituzioni e sinergia coi cittadini per impedire la scomparsa della fascia C”

Nuovo corso per Federfarma Roma: una “rivoluzione copernicana”

E’ un momento caldo non solo per i medici, ma anche per i farmacisti italiani, alle prese con varie tegole che rischiano di cadere loro in testa.

Prima fra tutte, lo spauracchio dell’uscita dei farmaci di fascia C, che causerebbe la scomparsa di molte farmacie. Di questo e del nuovo corso cui sta andando incontro la farmaceutica italiana, Sanità informazione ha parlato con il nuovo presidente di Federfarma Roma, Vittorio Contarina.

Presidente, quali sono gli auspici per il futuro?
Nel nostro settore, in Italia, c’ stata per troppo tempo la tendenza ad essere accentratori, ad arroccarsi su certe posizioni e ad imporle. Vorrei innanzitutto attuare una rivoluzione copernicana in tal senso, cioè che fosse l’assemblea dei soci di Federfarma Roma a dettare le linee guida al Consiglio, e il Consiglio al Presidente, che sarà semplicemente un portavoce dell’assemblea. Questa potrà essere la nostra forza, che potrà ridare entusiasmo ad una categoria che negli ultimi 37 anni l’ha completamente smarrito.

I propositi con i quali inizierà  questo nuovo incarico riflettono anche la volontà di cambiamento dei farmacisti romani, e non solo…
L’obiettivo è ritrovare l’unione con i cittadini. Unione che in realtà non abbiamo perso, ma di cui dobbiamo essere più consapevoli. Cittadini e farmacisti vogliono le stesse cose, e lo dimostra il fatto che qualche mese fa sono riuscito, con 250 farmacie che mi hanno seguito, a raccogliere 40mila firme di cittadini impauriti dalla ventilata scomparsa della fascia C. Evidentemente non è solo un bisogno dei farmacisti, ma anche i cittadini temono che senza la fascia C le farmacia chiudano. E hanno ragione: con l’uscita della fascia C molte farmacie, soprattutto nei piccoli comuni, chiuderebbero. Le esigenze dei cittadini si coniugano perfettamente con le esigenze della nostra categoria, ed è per questo che dobbiamo lottare insieme contro la grande distribuzione che vuole tenere per sé il fatturato della fascia C.

Questa determinazione sarà utile anche in un contesto nazionale, dove Federfarma Roma farà sentire la sua voce…
Sarò ben lieto di dialogare con tutti, perché credo che sia un modo democratico per portare le istanze dei cittadini, dei farmacisti e dell’Assemblea romana fino ai vertici di Federfarma nazionale.

Articoli correlati
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...