Formazione 14 Ottobre 2021 16:50

Farmacisti ed ECM, Leopardi (Utifar): «Formazione fondamentale ma servirebbero più controlli»

Il Presidente di Federfarma Lazio e di Utifar spiega a Sanità Informazione il ruolo importantissimo dell’aggiornamento continuo per la professione: «Ancora qualche collega non in regola ma con avvicinarsi della scadenza ci sarà un rush finale»

Farmacisti ed ECM, Leopardi (Utifar): «Formazione fondamentale ma servirebbero più controlli»

Chi meglio dei farmacisti ha potuto capire, proprio in questi anni di pandemia, l’importanza della formazione continua? Basti pensare che è grazie ad un corso FAD (Formazione a Distanza) dell’Istituto Superiore di Sanità se oggi la figura del farmacista-vaccinatore è una realtà (cosa che, fino a pochi anni fa, era quasi impensabile). Eugenio Leopardi, Presidente di Federfarma Lazio e di Utifar (Unione Tecnica Italiana Farmacisti), sa bene quale ruolo ha la formazione continua nella vita professionale del farmacista e lo ribadisce a Sanità Informazione.

Quanto è importante la formazione continua per un farmacista?

«La formazione continua è un qualcosa di molto importante e che si deve continuare a fare. Bisogna però prestare attenzione, perché non tutto ciò che dà crediti ECM è formazione utile al professionista. Molto spesso troviamo corsi che portano poco alla crescita professionale del farmacista. Ci sarebbe bisogno di una maggior attenzione nel momento in cui vengono concessi i crediti. Detto questo, la formazione è un atto importante perché la scienza evolve, sia da un punto di vista farmacologico che da un punto di vista di nuovi servizi per i quali il farmacista non era per nulla preparato».

Come funziona il sistema ECM per farmacisti?

«Funziona come per i medici: dobbiamo acquisire 150 crediti nel triennio, ovvero una media di 50 crediti all’anno. Questi crediti possono essere acquisiti sia in presenza, ovvero con la formazione residenziale, che a distanza, in FAD. Quando si tratta di corsi semplici, senza interazioni o parte pratica, 1 credito corrisponde ad un’ora di formazione».

Anche per voi farmacisti c’è stata la proroga della scadenza dei termini per acquisire tutti i 150 crediti del triennio?

«Sì, c’è stata una proroga che scade il 31 dicembre prossimo».

Se un farmacista non completa il fabbisogno formativo va incontro a qualche penalità o sanzione?

«È l’Ordine di appartenenza a dover vigilare sul professionista e prendere eventuali provvedimenti nei suoi confronti, che possono andare da un semplice avvertimento alla cancellazione».

Per quel che può vedere lei, come pensa siano messi i suoi colleghi con il rispetto dell’obbligo?

«Per il momento ritengo, almeno con i dati che sono in nostro possesso, che esistano diversi farmacisti che ancora non hanno raccolto tutti i crediti necessari. Pensò però che avvicinandoci alla scadenza ci sarà una stretta finale e si metteranno in regola. Non abbiamo un numero preciso ma ho la sensazione che ne siano ancora tanti, al momento. Devo dire però che ho notato che quando un farmacista riesce a trovare un corso interessante, che gli piace, lo frequenta e lo fa con piacere. Noi come Utifar abbiamo realizzato un corso per formare farmacisti vaccinatori, uscito ben prima che ci venisse concessa la possibilità di effettuare vaccini e che non era ovviamente valido ai fini dell’autorizzazione necessaria ad un farmacista per vaccinare. Ebbene, abbiamo avuto migliaia e migliaia di partecipanti…».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
Formazione continua, Rasi: «Doverosa per stare al passo della medicina»
«La missione e la credibilità di medici e professionisti sanitari sono troppo importanti, non possono restare indietro»
Scuola in Chirurgia Robotica della Statale di Milano, in un anno raddoppiano studenti e interventi
Bilancio positivo al termine dei primi dodici mesi: 300 interventi a fine 2021, 7 nuovi esperti formati in chirurgia mininvasiva robotica e nuove applicazioni
di Federica Bosco
Ecm, Del Bo (Fnopo): «Formazione determinante, il dovere degli Ordini è verificare aggiornamento degli iscritti»
Il segretario della Federazione degli Ordini delle Ostetriche a Sanità Informazione: «Aggiornarsi, per un professionista, è anche un dovere etico oltre che un obbligo stabilito dalla legge. Il compito dell’Ordine è proprio quello di certificare la qualità del professionista»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?