Formazione 17 Giugno 2019 17:24

Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»

Il Presidente dell’Ordine dei medici più grande d’Europa ha partecipato alla cerimonia di consegna dei risarcimenti ai camici bianchi ex specializzandi tutelati da Consulcesi. «Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Ora bisogna fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta»

Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»

L’ultima tornata di rimborsi ai medici ex specializzandi che hanno ottenuto il risarcimento per gli anni di specializzazione non retribuita è stata celebrata a Roma con un evento all’Hotel Palatino promosso dal network legale Consulcesi, da sempre al fianco dei camici bianchi in questa battaglia che ha visto prevalere i professionisti in Appello. Una cerimonia che ha visto la partecipazione anche del presidente dell’OMCeO Roma Antonio Magi che ha voluto partecipare alla cerimonia di consegna degli assegni ed essere al fianco dei medici che hanno visto riconosciuto un loro diritto.

«Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Bisogna giustamente riconoscere a Consulcesi l’impegno nella difesa dei colleghi e nella lotta per vedere riconosciuti i loro diritti, i famosi risarcimenti delle scuole di specializzazione. Spesso lottiamo per anni senza riuscire a ottenere questi risarcimenti nel modo e nei tempi giusti. Quindi questo è un fatto importante».

LEGGI: EX SPECIALIZZANDI, LO STATO PAGA ALTRI 12 MILIONI DI EURO A 400 MEDICI. IL LAZIO È LA REGIONE PIÙ RIMBORSATA

Il tema delle rivendicazioni degli ex specializzandi si lega, secondo Magi, al tema dei contenziosi medico-paziente, un problema che sta esplodendo con oltre 300mila cause giacenti nei tribunali italiani e camici bianchi costretti alla medicina difensiva. «L’altro tema è quello medico legale – continua Magi – e Consulcesi lavora molto bene su questo aspetto. Sia l’Ordine dei medici che Consulcesi hanno realizzato degli eventi per parlare anche di tutoraggio con avvocati da mettere a disposizione per la difesa della categoria dalle azioni di risarcimento. La collaborazione mi sembra molto importante anche perché lo scopo è difendere sempre gli interessi del cittadino, che devono poter essere curati nel migliore dei modi e fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta: è producente per gli uni e per gli altri».

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio
Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ricorrenti»
Carenza infermieri, Consulcesi: «Si supera puntando sulla formazione»
In occasione della Giornata Internazionale dell’infermiere, che si celebra oggi 12 maggio, il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella chiede di rivedere le modalità di accesso alla facoltà di Infermieristica. Urgenti anche misure che rendano la professione più attraente in Italia
PNRR, Tortorella (Consulcesi): «Formazione nel Metaverso chiave per il futuro della Digital Health»
Durante l’Audizione in Commissione Affari costituzionali, l’AD Consulcesi ha evidenziato come cogliere l’opportunità del PNRR per attuare una vera digitalizzazione del sistema sanitario
Specializzandi, il 30% lavora più di 70 ore settimanali. «Scarse tutele e condizioni ai limiti dello sfruttamento»
I risultati dell’inchiesta dell’Associazione “Chi si cura di te?” sull’orario di lavoro dei medici in formazione specialistica. Fra orari insostenibili, riposi mancati e diritti negati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 maggio, sono 525.611.047 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.277.241 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto