Formazione 15 Giugno 2018

Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»

«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana

Immagine articolo

L’errore medico rappresenta uno dei temi più delicati nel rapporto tra corretta informazione, salute individuale e sistema sanitario. Sbagliare è insito nella natura umana, ma la sicurezza delle cure e la tutela dei pazienti rappresentano parte integrante ed essenziale della professione medica.

«L’errore medico esiste ma non è mai voluto – specifica il presidente Antonio Magi nel corso della giornata formativa organizzata dall’Ordine e dall’Associazione stampa romana nella sede Omceo di Roma -. Nell’80% dei casi, l’errore è dovuto a una cattiva organizzazione: qualche anello della filiera nell’ambito del sistema non ha funzionato. L’importante – prosegue Magi – è che il paziente sappia che il medico opera sempre per il suo bene e con professionalità. Se il cittadino ha avuto un danno deve essere risarcito ma, allo stesso tempo, è necessario salvaguardare il professionista che ha sbagliato perché l’evento non condizioni la sua attività lavorativa futura» sottolinea il Presidente.

Ammettere di aver sbagliato, soprattutto per un medico, è molto difficile; in caso di errore, però, è fondamentale assumersi la responsabilità in nome della trasparenza e correttezza verso i pazienti. In che modo? «Se si è sbagliato, la prima cosa è chiedere scusa», commenta il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del paziente della Regione Toscana, Riccardo Tartaglia, ai nostri microfoni, precisando che è importante “istruire” i medici a comunicare l’errore: «È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ che deve essere improntata alla massima trasparenza e chiarezza. Riconoscere di aver sbagliato non è semplice e può esporre emotivamente il medico a dire le cose in modo non corretto».

Dello stesso parere Antonio Magi: «L’università non ha insegnato come comunicare le ‘cattive notizie’: è vero che in Italia a causa del blocco del turn-over c’è una situazione complessa- pochi i colleghi che lavorano e molti i pazienti che arrivano – ma è importante spiegare ciò che è accaduto e mostrarsi sempre a disposizione dei malati. Una buona comunicazione evita anche il contenzioso».

Adottare strategie, misure e strumenti di protezione specifici volti a prevenire gli incidenti e gli eventi avversi in sanità, resta, quindi, la priorità: «L’errore è intrinseco alla pratica clinica – continua Tartaglia – ma si può prevenire in tanti modi: introdurre nel sistema delle barriere protettive perché non si verifichino errori e imparare da quelli che sono stati commessi; in più, osservare tutti i nostri percorsi clinici cercando di anticipare i possibili errori individuando le criticità e le cause delle inefficienze. A livello internazionale, sono state messe a punto tante pratiche volte a prevenire le infezioni, gli incidenti in ambito clinico e chirurgico ed anche gli errori nelle terapie e somministrazione dei farmaci» conclude.

Articoli correlati
Trattativa pensioni, Cignarelli (Codirp): «Utilizzare risorse del Recovery Fund per prepensionare lavoratori a rischio Covid»
Ai nostri microfoni, la Segretaria generale della Confederazione Dirigenti della Repubblica spiega cosa non sta andando ai tavoli di trattativa con il Ministero del Lavoro e quali sono le soluzioni per riformare il sistema (e prevedere maggiore flessibilità in uscita)
Sicurezza delle cure, survey ISQua-INSH: «Piano pandemico non aggiornato in un Paese su due»
In occasione della Giornata nazionale sulla sicurezza delle cure, dedicata alla sicurezza degli operatori sanitari, presentata un’indagine mondiale: «Risposta alla pandemia lenta in Europa e Africa, più rapida nel sud-est asiatico e in Medio Oriente»
Seconda giornata sicurezza delle cure, Fnopo: «Sicurezza ostetriche, donne e bambini vera priorità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica aderisce e partecipa attivamente alla seconda Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute con un proprio hashtag: #sicurezzaostetricheesicurezzadonneebambini
Medici e infermieri pronti per seconda ondata: in estate + 30% corsi online su Covid
Consulcesi registra un picco rispetto l’anno precedente e nella top ten dei titoli più scelti 8 sono sulla pandemia: in pole il docufilm “Covid 19 – Il virus della Paura”
«Ricomincia la scuola, ricominciamo tutti»
Laura Parolin Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...