Formazione 15 Giugno 2018

Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»

«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana

Immagine articolo

L’errore medico rappresenta uno dei temi più delicati nel rapporto tra corretta informazione, salute individuale e sistema sanitario. Sbagliare è insito nella natura umana, ma la sicurezza delle cure e la tutela dei pazienti rappresentano parte integrante ed essenziale della professione medica.

«L’errore medico esiste ma non è mai voluto – specifica il presidente Antonio Magi nel corso della giornata formativa organizzata dall’Ordine e dall’Associazione stampa romana nella sede Omceo di Roma -. Nell’80% dei casi, l’errore è dovuto a una cattiva organizzazione: qualche anello della filiera nell’ambito del sistema non ha funzionato. L’importante – prosegue Magi – è che il paziente sappia che il medico opera sempre per il suo bene e con professionalità. Se il cittadino ha avuto un danno deve essere risarcito ma, allo stesso tempo, è necessario salvaguardare il professionista che ha sbagliato perché l’evento non condizioni la sua attività lavorativa futura» sottolinea il Presidente.

Ammettere di aver sbagliato, soprattutto per un medico, è molto difficile; in caso di errore, però, è fondamentale assumersi la responsabilità in nome della trasparenza e correttezza verso i pazienti. In che modo? «Se si è sbagliato, la prima cosa è chiedere scusa», commenta il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del paziente della Regione Toscana, Riccardo Tartaglia, ai nostri microfoni, precisando che è importante “istruire” i medici a comunicare l’errore: «È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ che deve essere improntata alla massima trasparenza e chiarezza. Riconoscere di aver sbagliato non è semplice e può esporre emotivamente il medico a dire le cose in modo non corretto».

Dello stesso parere Antonio Magi: «L’università non ha insegnato come comunicare le ‘cattive notizie’: è vero che in Italia a causa del blocco del turn-over c’è una situazione complessa- pochi i colleghi che lavorano e molti i pazienti che arrivano – ma è importante spiegare ciò che è accaduto e mostrarsi sempre a disposizione dei malati. Una buona comunicazione evita anche il contenzioso».

Adottare strategie, misure e strumenti di protezione specifici volti a prevenire gli incidenti e gli eventi avversi in sanità, resta, quindi, la priorità: «L’errore è intrinseco alla pratica clinica – continua Tartaglia – ma si può prevenire in tanti modi: introdurre nel sistema delle barriere protettive perché non si verifichino errori e imparare da quelli che sono stati commessi; in più, osservare tutti i nostri percorsi clinici cercando di anticipare i possibili errori individuando le criticità e le cause delle inefficienze. A livello internazionale, sono state messe a punto tante pratiche volte a prevenire le infezioni, gli incidenti in ambito clinico e chirurgico ed anche gli errori nelle terapie e somministrazione dei farmaci» conclude.

Articoli correlati
L’Italia esporta salute, formazione ai medici albanesi
A Tirana Consulcesi lancia la FAD a prova di "furbetti". Presente il Premier Edi Rama: "Con questa piattaforma assicurata la trasparenza"
Europee, la sfida di Rinaldi (Lega): «Più autorevolezza in Ue per garantire i diritti degli ex specializzandi»
L’economista, volto noto dei talk show, è candidato per il partito di Matteo Salvini nella circoscrizione Centro. A Sanità Informazione annuncia il suo impegno a difesa dei medici e degli operatori sanitari, a partire dai contenziosi: «Abbiamo avuto addirittura pubblicità che invitano a fare causa ai camici bianchi: ora serve una task force affinché non sia il singolo medico a difendersi da situazioni di questo genere»
ECM, anche gli infermieri in azione per chiudere al meglio il triennio
Attraverso la Rete nazionale dei referenti degli Ordini provinciali degli infermieri per l’Ecm, gli infermieri puntano a terminare il triennio con i crediti formativi in regola. L'intervista a Pierpaolo Pateri, presidente OPI Cagliari e componenti della Commissione Nazionale per la Formazione continua
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
Psicologia, nasce la Consulta degli studenti: «Eliminare il 3+2 e regolamentare la retribuzione dei tirocini»
Leopoldo Pizzetti, studente promotore della Consulta: «È un organo consultivo e non vincolante dell’Ordine degli Psicologi che favorirà la sinergia tra il mondo della formazione e quello professionale
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...