Formazione 14 Febbraio 2023 16:15

Empatia la “pillola” che ogni medico dovrebbe avere: ora diventa un Master

All’Università Milano Bicocca nasce il primo master in Medical Humanities e Narrazione in Medicina rivolto ai professionisti della sanità per costruire relazioni empatiche con pazienti e familiari

Empatia la “pillola” che ogni medico dovrebbe avere: ora diventa un Master

Il successo di una cura dipende molto dall’empatia che si instaura tra medico e paziente. Lo dicono le statistiche, infatti, un rapporto empatico efficace tra medico e paziente aumenta fino al 40% l’efficacia delle cure, migliora l’aderenza terapeutica e diminuisce di quattro volte il rischio di effetti collaterali e ricoveri.

Tre donne per migliorare  l’empatia tra medico e paziente

Dati significativi che hanno spinto tre docenti, non a caso donne, a progettare un Master di 1° livello in Medical humanities e Narrazione in Medicina  presso l’Università Milano Bicocca. Sono Maria Grazia Strepparava docente della scuola di Medicina e Chirurgia, psicologa e responsabile di psicologia clinica della Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori di Monza ; Micaela Castiglioni, del dipartimento di Scienze della Formazione e Cristina Riva Crugnola del Dipartimento di Psicologia dinamica che hanno deciso di puntare sull’aspetto relazionale, unendo a solide competenze nella cura, la capacità di costruire relazioni empatiche con pazienti e familiari.

Tre fasi di intervento

«Se si guardano le ricerche, le valutazioni dicono che le donne tendono ad essere un poco più empatiche degli uomini – spiega Maria Grazia Strepparava – il processo di empatia è fatto di diverse fasi, c’è una empatia cognitiva che è la nostra capacità di capire i contenuti della mente dell’altro; c’è una empatia affettiva che è la capacità di risuonare con i segnali emozionali degli altri e poi c’è la necessità di trasformare in azioni adeguate ed appropriate ciò che abbiamo compreso dell’altro cognitivamente ed emotivamente. Quindi dobbiamo lavorare per migliorare la comprensione delle ragioni delle persone assistite».

Nuove tecnologie ma senza dimenticare i rapporti umani

Realizzato in collaborazione con la Scuola Holden, l’Accademia di Belle Arti di Brera, il Teatro Officina, Ospedale San Gerardo di Monza e le associazioni Salute allo Specchio dell’Ospedale San Raffaele, Medicinema Italia dell’Ospedale Niguarda e Una mano alla vita, il Master nasce dunque dalla volontà di formare professionisti della Sanità in grado di operare in un contesto di cura con nuovi strumenti, anche innovativi, ma tenendo conto della sensibilità umana che non deve venire meno. «La buona medicina si basa anche sulla capacità di utilizzare al meglio la narrazione, la capacità di raccontare storie – evidenzia la docente – mentre la capacità di ascoltare le storie dei pazienti aiuta a collocare i gesti clinici della cura e al tempo stesso ad affinare la comprensione delle ragioni delle persone assistite».

Più empatia meno denunce per malpractice e logoramento da corsia

Capacità di ascolto, comprensione, rispetto dei bisogni, sentimenti di resilienza conditi con un linguaggio semplice, preciso che arrivi diritto al cuore: sono questi gli elementi essenziali perché la “pillola” dell’empatia funzioni e dia i suoi benefici anche per ridurre le denunce per malpractice e la sindrome da logoramento che colpisce i medici ospedalieri. «Una parte di studio è legata alle tecniche di comunicazione – prosegue la responsabile di psicologia clinica di Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori di Monza – una parte è dedicata alla storia della medicina e all’antropologia, oltre a tutti gli insegnamenti pedagogici che offrono materie come arte e teatro».

A chi è rivolto il 1° Master in empatia

Destinatari del corso gli operatori sanitari (medici, infermieri e OSS), « ma anche psicologi e pedagogisti», aggiunge la docente che sottolinea i vantaggi che un Master di questo tipo può offrire ad un sistema logorante e spesso al centro di tensioni con i pazienti. «La nostra è una piccola goccia in un grande mare, per agevolare la comprensione reciproca – rimarca Strepparava –  nei momenti di fragilità dei pazienti e di fatica per medici e più in generale di tutti gli operatori sanitari». Le iscrizioni al 1° Master in Medical Humanities sono aperte fino all’11 aprile 2023 e le lezioni inizieranno il 26 maggio per concludersi un anno dopo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...