Formazione 5 Luglio 2016 15:41

ECM, Sanità in-Formazione leader in Italia per la FAD

È Il riconoscimento della più autorevole guida italiana della formazione in campo sanitario che raccoglie oltre 4mila aziende che operano nell’aggiornamento medico dei camici bianchi

Sanità in-Formazione è il miglior provider ECM per la Formazione a Distanza. È quanto stabilito dall’ Annuario della formazione in Sanità, la più autorevole guida italiana in questo ambito che raccoglie oltre 4mila aziende che operano, a diverso titolo, nell’ambito dell’aggiornamento ECM. Il provider accreditato Age.Na.S, presente in esclusiva sulla piattaforma Consulcesi Club, si trova infatti al primo posto della classifica “The Best Provider Ecm 2015” nella categoria “Formazione a Distanza FAD”. Il primato è stato raggiunto grazie agli 84 eventi FAD  accreditati da Sanità in-Formazione tra il dicembre 2014 ed il novembre 2015 (periodo di riferimento dell’Annuario). Il secondo classificato segue a grande distanza con 46 corsi, mentre le altre società erogatrici presenti nella top ten hanno circa un terzo degli eventi FAD di Sanità in-Formazione.

A sancire il successo della piattaforma hanno contribuito non solo la vastità dell’offerta formativa, ma anche la varietà e la qualità dei corsi proposti. A cominciare dai Film Formazione e da quel che è stato definito il “Netflix” della sanità: una metodologia formativa coinvolgente e di facile fruizione che conta diversi titoli e vere e proprie produzioni cinematografiche che uniscono approfondimenti scientifici alla tensione drammaturgica. I film già realizzati come “e-bola”, “Like a Butterfly”, “No Limits”, “Pollicino”, “Cardiopathos”, e quelli in preparazione, sono interpretati da attori di rilievo italiano e internazionale, da Nicolas Vaporidis a Ed Asner, vincitore di 5 Golden Globe. Al centro i temi più attuali, dalle malattie infettive al carcinoma polmonare, dalle disabilità motorie all’Alzheimer, dal primo soccorso cardiaco alla psicosi vaccini.

 

«Questo risultato – commentano da Sanità in-Formazione – ci rende particolarmente orgogliosi perché l’ampio e articolato lavoro di ricerca e analisi eseguito sui principali player di questo settore, rappresenta un autorevole indicatore dei bisogni formativi dei medici. Si tiene conto, inoltre, dei contenuti scientifici e delle metodologie adottate per diffonderle e, dunque, la pubblicazione di queste classifiche diventa un importante momento di verifica. Proprio nel corso di uno dei nostri ultimi appuntamenti di confronto sul tema con istituzioni, medici e pazienti presso il Ministero della Salute il dibattito si è acceso sul ritardo di numerosi medici rispetto l’obbligo formativo ECM con il conseguente rischio di sanzioni e di finire in una “black list” per i prossimi tre anni per chi non risulterà in regola entro il 31 dicembre 2016. Per evitare eventualità del genere – concludono – la prima piattaforma d’Italia è a disposizione gratuitamente per nove mesi per consentire a tutti di arrivare con le carte in regola alla scadenza del 31 dicembre 2016 ed evitare il rischio di sanzioni e di finire nella ‘black list’ per i prossimi tre anni».

Articoli correlati
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati
Fino al 30 giugno 2022 sarà ancora possibile spostare i crediti di altri trienni per completare quelli in scadenza. Cosa si può fare per raggiungere l'obbligo formativo
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali