Formazione 1 Marzo 2016 17:13

ECM, dal Parlamento arriva l’appello al rigore: «Sanare la propria situazione o scatteranno sanzioni»

Il senatore Lucio Romano (Democrazia Solidale): «L’aggiornamento sia sostanziale e non formale»

ECM, dal Parlamento arriva l’appello al rigore: «Sanare la propria situazione o scatteranno sanzioni»

Ben venga il rigore, ma non sia formale. Ci si avvalga, invece, di percorsi seri, controllati, monitorati, attentamente seguiti dal ministero». È l’appello del senatore Lucio Romano (Democrazia Solidale), attento alla questione della formazione ECM già prima dell’attività parlamentare.


«Già da docente universitario e da medico – spiega – ho sempre ritenuto che la formazione ECM sia un tema fondamentale per l’aggiornamento. Questo non solo nell’ambito della medicina, ma anche per garantire un continuo approfondimento sulle tematiche dell’attività assistenziale e non solo».

Fermamente convinto che «la dimensione dell’Ecm richieda un’apertura mentale ed un’organizzazione rigorosa e puntuale», il senatore Romano entra anche nel merito della recente proroga di sei mesi concessa dal ministero della Salute ai medici competenti per mettersi in regola con i crediti Ecm. Alla Camera, rispondendo all’interrogazione del deputato Federico Fauttilli (DES-CD), il ministro Beatrice Lorenzin ha di recente ribadito che «l’obbligo va rispettato», confermando che i medici depennati avranno comunque tempo fino a giugno per recuperare.

«Ho grandissime perplessità sulle sanatorie – afferma il senatore Romano – a meno che non ci sia realmente la possibilità di sanare con percorsi di Ecm per riguadagnare quell’aggiornamento doveroso nell’interesse dei pazienti. Ci sono stati troppi Ecm formali che sul profilo dei contenuti lasciano a desiderare. L’aggiornamento deve essere fatto in maniera rigorosa».

Completare l’aggiornamento ECM, obbligatorio per legge, resta fondamentale per evitare sanzioni o, ancora peggio, come accaduto ai medici competenti non in regola, perdere il lavoro. Per evitarlo i medici possono sfruttare la tecnologia ed in particolare la Formazione a distanza (FAD) via web, secondo gli ultimi dati in netta crescita. «Anche se l’attività didattica frontale ha il suo peso e la sua importanza, le nuove tecnologie possono, senza dubbio, facilitare l’aggiornamento. Ognuno, comunque, in ragione delle proprie possibilità, può giovarsi dei vari sistemi messi a disposizione per l’aggiornamento obbligatorio».

Articoli correlati
Come posso controllare i miei crediti?
L’anagrafe dei crediti di ogni professionista sanitario è gestita dal Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti ECM. È possibile iscriversi all’anagrafe Co.Ge.A.P.S. tramite il portale http://wp.cogeaps.it/ .
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Sanità e regioni, Rasi: «Pandemia ha mostrato debolezza di un sistema frammentato. Puntare su formazione»
L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco: «Auspico incentivi a formazione ECM del personale sanitario». E sulla gestione dell’emergenza da parte delle Regioni: «Sulla salute serve maggiore centralizzazione»
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco