Formazione 6 dicembre 2016

ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»

Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»

Il 31 dicembre finisce il triennio formativo per la formazione obbligatoria dei medici. Tante le incertezze sulle inevitabili conseguenze per chi non ha rispettato gli obblighi formativi. A fare chiarezza il CoGeAPS che gestisce i crediti formativi di tutte le 30 professioni mediche. A spiegare nel dettaglio le conseguenze del mancato aggiornamento e le novità in arrivo per il nuovo triennio interviene Salvatore De Franco, Consigliere CoGeAPS e Direttore del Servizio Formazione.

Sta per terminare il triennio per la formazione medica, in cosa incorre chi non ha concluso la formazione obbligatoria?

«Le sanzioni sono quelle previste dai codici disciplinari, per il prossimo triennio rimane l’obbligo della formazione che però si svilupperà in un modo più flessibile, più organizzato e soprattutto più vicino alle esigenze del professionista. Quindi si passa da attività di tipo convegnistico a attività che vanno a maturare competenze e specifiche capacità dei singoli professionisti, quindi attraverso la formazione sul campo e a distanza. La cosa più importante è dare all’ECM un valore positivo, ovvero un sistema che offre al professionista la possibilità di prepararsi e quindi adeguarsi soprattutto alle nuove prestazioni sanitarie»

Nello specifico, cosa succederà dopo il 31 dicembre?

«Nel momento in cui gli organi competenti andranno a valutare un professionista, prenderanno in considerazione ovviamente anche il suo percorso formativo e di aggiornamento. Dunque non mi sento di escludere dei casi in cui, come già si sta facendo in alcuni concorsi, si chieda ai partecipanti la certificazione dell’assolvimento dei crediti ECM, stessa cosa per chi vuole andare a lavorare in strutture sanitarie accreditate e convenzionate. Dunque l’aggiornamento è importante non solo nell’esercizio della professione ma anche come “presentazione” del professionista. Torna quindi il concetto che già prima ho espresso: non conta un ECM svolto solo per paura della pena, ma un ECM che valorizzi, perché la formazione potenzia le conoscenze e rende il professionista più preparato. Parliamo di una qualifica ulteriore rispetto a quella di base, il professionista oggi non può pensare di non rivedere il suo patrimonio culturale, le innovazioni sono tante e occorre continuare a studiare».

Articoli correlati
Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»
Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Formazione continua in Medicina, al via l’Evento nazionale ECM, Bevere (AGENAS): “Introdotte novità determinanti”
Adesione record per l’evento organizzato dalla Commissione Nazionale Formazione Continua con il supporto di AGENAS. Coletto, Presidente AGENAS - «Formazione sempre più vissuta come fattore strategico e insostituibile per essere al passo con una sanità in continua evoluzione». Bevere, Dg AGENAS: «Questa due giorni va a concludere un triennio di innovazione e ammodernamento del settore dell’ECM»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «È un dovere deontologico ma è anche requisito fondamentale per concorsi e iscrizione ad albi»
Al Forum Risk Management di Firenze il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie è intervenuto alla sessione organizzata dalla Simedet. A breve la pubblicazione del nuovo Manuale per la formazione dei professionisti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...