Formazione 6 Dicembre 2016 12:20

ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»

Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»

Il 31 dicembre finisce il triennio formativo per la formazione obbligatoria dei medici. Tante le incertezze sulle inevitabili conseguenze per chi non ha rispettato gli obblighi formativi. A fare chiarezza il CoGeAPS che gestisce i crediti formativi di tutte le 30 professioni mediche. A spiegare nel dettaglio le conseguenze del mancato aggiornamento e le novità in arrivo per il nuovo triennio interviene Salvatore De Franco, Consigliere CoGeAPS e Direttore del Servizio Formazione.

Sta per terminare il triennio per la formazione medica, in cosa incorre chi non ha concluso la formazione obbligatoria?

«Le sanzioni sono quelle previste dai codici disciplinari, per il prossimo triennio rimane l’obbligo della formazione che però si svilupperà in un modo più flessibile, più organizzato e soprattutto più vicino alle esigenze del professionista. Quindi si passa da attività di tipo convegnistico a attività che vanno a maturare competenze e specifiche capacità dei singoli professionisti, quindi attraverso la formazione sul campo e a distanza. La cosa più importante è dare all’ECM un valore positivo, ovvero un sistema che offre al professionista la possibilità di prepararsi e quindi adeguarsi soprattutto alle nuove prestazioni sanitarie»

Nello specifico, cosa succederà dopo il 31 dicembre?

«Nel momento in cui gli organi competenti andranno a valutare un professionista, prenderanno in considerazione ovviamente anche il suo percorso formativo e di aggiornamento. Dunque non mi sento di escludere dei casi in cui, come già si sta facendo in alcuni concorsi, si chieda ai partecipanti la certificazione dell’assolvimento dei crediti ECM, stessa cosa per chi vuole andare a lavorare in strutture sanitarie accreditate e convenzionate. Dunque l’aggiornamento è importante non solo nell’esercizio della professione ma anche come “presentazione” del professionista. Torna quindi il concetto che già prima ho espresso: non conta un ECM svolto solo per paura della pena, ma un ECM che valorizzi, perché la formazione potenzia le conoscenze e rende il professionista più preparato. Parliamo di una qualifica ulteriore rispetto a quella di base, il professionista oggi non può pensare di non rivedere il suo patrimonio culturale, le innovazioni sono tante e occorre continuare a studiare».

Articoli correlati
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Covid: con pandemia aumentano allergie da ‘interni’
Gli acari i principali nemici. I rimedi degli esperti per rimuoverli
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Da Nassirya a Roma in tempo reale: con la video chirurgia a distanza è possibile entrare nelle sale operatorie di tutto il mondo
Durante il webinar di Emergenza Sorrisi, organizzato dal provider ECM Sanità In-Formazione spa, è stato trasmesso in diretta web dall’Iraq, attraverso un caschetto dotato di videocamera ad altissima risoluzione, un intervento di labioschisi ad un bimbo di 2 anni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...