Formazione 20 Luglio 2022 11:15

Detenuti sex offender: al via una formazione ad hoc per i sanitari

Lucanìa (SIMSPe): «Abbiamo messo a punto un nuovo modello di trattamento per diminuire le recidive di reati a sfondo sessuale. I detenuti sex offender, spesso, hanno subito abusi emotivi durante la loro vita. Per questo, una pena detentiva che non preveda interventi mirati alla cura di eventuali disturbi psicologici o psichiatrici, non può scongiurare il rischio di recidiva»

Costruire un nuovo modello di trattamento dei detenuti sex offender e di formazione degli operatori sanitari in grado di diminuire la percentuale di recidive dei reati a sfondo sessuale. È questo l’obiettivo del progetto di ricerca e di intervento sui detenuti per reato a sfondo sessuale PR.O.T.E.C.T. (PreventiOn, assessment and Treatment of sex offenders), finanziato dall’Unione Europea nell’ambito dei progetti tematici sulla Giustizia. L’iniziativa è stata avviata su proposta della Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria SIMSPe Onlus, attiva da oltre un ventennio negli Istituti Penitenziari italiani, in partnership con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria-DAP, l’Università Sapienza di Roma, l’Università di Braga (Portogallo) e l’Associazione non Governativa croata Healthy City.

L’identikit del detenuti sex offender

Prima di mettere a punto il protocollo d’intervento sono stati valutati 96 detenuti sex offender, di cui 64 italiani e 32 portoghesi, reclusi presso gli istituti penitenziari di Arghillà (Reggio Calabria), Carinola (Caserta), Terni, Velletri (Roma) e Viterbo.

«Da questa analisi è emerso che circa il 14% degli autori di reati sessuali ha riportato un livello di devianza moderato-grave di convinzioni distorte relative ai bambini – spiega Luciano Lucanìa, presidente SIMSPe -. Il 28% del campione totale (ma il 53% degli italiani) ha segnalato un livello di devianza moderato-grave legato a distorsioni cognitive sull’agito sessuale. I risultati hanno anche mostrato come gli autori di reati sessuali che hanno subito abusi emotivi durante la loro vita riportano livelli più elevati di empatia emotiva, depressione, ansia, ideazione paranoica e psicotismo, rispetto a coloro che non ne hanno subito. Ed è per questo che fargli scontare la pena detentiva senza intervenire su questi disturbi psicologici o psichiatrici non può scongiurare il rischio di recidiva una volta tornati in libertà».

Il corso di formazione

Affinché gli autori di reati a sfondo sessuale possano essere preparati ad affrontare nel migliore dei modi il momento del loro reintegro in società è necessario che siano seguiti da un’equipe multidisciplinare. «Il progetto non prevede solo la formazione di professionisti sanitari e medici, in particolar modo di psicologi, psicoterapeuti e psichiatri, ma anche del personale del comparto ministeriale e della polizia penitenziaria. Il progetto ha permesso di formare finora 120 operatori, attraverso due diversi corsi. «Il primo – spiega il presidente SIMSPe –  è stato finalizzato alla presentazione dei risultati del protocollo sperimentale, e in particolare ha riguardato la mappatura dello stato dell’arte a livello europeo sui sex offender, lo scambio di buone pratiche europee e nazionali, la formazione per lo sviluppo e l’implementazione di un protocollo di assessment diagnostico-terapeutico per un’approfondita conoscenza della personalità del reo e successiva possibile pianificazione personalizzata dell’intervento, la valutazione del rischio di recidiva. Il secondo corso, focalizzato sui processi di etichettamento, marginalizzazione e gli stereotipi nei confronti dei sex offender, ha avuto come obiettivo quello di sviluppare la capacità di gestire i sentimenti di riprovazione e pregiudizio, al fine di ridurre lo stigma che si può generare nei confronti dei sex offender», aggiunge Lucanìa.

Gli istituiti penitenziari coinvolti

Il percorso formativo è stato proposto in primis agli Istituti nei quali è stata svolta la fase di ricerca (Viterbo, Velletri, Terni, Carinola, Reggio Calabria plesso “Arghillà”) e poi allargato anche agli operatori in servizio presso gli Istituti di Napoli Poggioreale, Benevento, Chieti, Palermo Pagliarelli, Palermo Ucciardone, Augusta, Sassari, Matera e Altamura. «Il progetto può essere replicato non solo in tutti gli altri Istituti penitenziari, ma può essere riprodotto anche per altre tipologie di reato – aggiunge Lucanìa -. Poiché i reati a sfondo sessuale non sono gli unici in cui problematiche personali, sociali, culturali e ambientali pregresse svolgono un ruolo cruciale. Affievolire questi disagi, spesso trasformatisi in vere e proprie patologie – conclude il presidente SIMSPe – significa poter automaticamente abbassare il rischio di recidiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Scuole e università per orfani di medici, il supporto di Enpam
Dalle medie agli atenei passando per i collegi Onaosi, una panoramica dei sussidi offerti ai figli dei colleghi deceduti
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...