Formazione 4 Agosto 2015 16:08

«Continuare ad investire nella formazione per essere preparati alle emergenze»

Il prof. Ippolito (“Spallanzani”) sottolinea l’importanza della «capacità di risposta» dopo il monito del Premier Renzi

«Continuare ad investire nella formazione per essere preparati alle emergenze»

Dobbiamo prepararci alla gestione di situazioni di emergenza». Il monito, lanciato durante la “XI Conferenza degli Ambasciatori” alla Farnesina, del Premier Matteo Renzi sembra aver colto nel segno.


Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha chiesto alla comunità internazionale di rispondere all’allarme epidemie, tema sempre al centro dei principali vertici internazionali, a partire dal G7. Al pari anche del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, gli operatori sanitari sottolineano da tempo l’esigenza di una strategia d’intervento internazionale. Un messaggio, emerso anche dalla Tavola Rotonda istituzionale “The e-bola lesson” – tenutasi al Ministero della Salute – in occasione della presentazione di “e-bola”, il primo film al mondo formativo ed informativo per il personale sanitario.

Una questione affrontata da uno dei massimi esperti del settore, come il professor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’INMI “L. Spallanzani” di Roma, istituto confermatosi autentica eccellenza italiana nella gestione dei casi di Ebola con i risultati raggiunti prima con il “paziente zero”, ovvero il medico siciliano Fabrizio Pulvirenti e poi con l’infermiere sardo Fabrizio Marongiu, anche lui contagiatosi in Sierra Leone durante una missione umanitaria di Emergency.

«Le infezioni di certo continuano ad arrivare – afferma il prof. Ippolito – mentre di pandemie speriamo ce ne siano sempre il meno possibile. Le esperienze pregresse ci hanno, comunque, insegnato che non bisogna mai fermarsi nella preparazione. Viceversa vanno mantenuti attivi i sistemi di: identificazione rapida, diagnostica, controllo a livello territoriale ospedaliero e delle adeguate strutture di isolamento per il paziente. L’Italia ha fatto molto in questi anni ed ha una eccellente rete per le malattie infettive. C’è inoltre una capacità di diagnostica per tutti gli agenti infettivi proprio allo “Spallanzani” con la capacità di diagnosi differenziale e sul piano di intervento coordinato soprattutto con alcune aree regionali per quanto riguarda le emergenze».

Tornando all’intervento del Presidente del Consiglio dei Ministri, sempre Renzi ha posto in evidenza la qualità dimostrata dall’istituto “Spallanzani” nella gestione dei casi di Ebola, sottolineando la necessità di essere formati. Proprio la formazione, insieme all’informazione, del personale sanitario e dei cittadini rappresentano i cardini del piano internazionale per fronteggiare le emergenze sanitarie. Questo è stato detto chiaramente, dallo stesso Ippolito, durante la Tavola Rotonda “The ebola lesson”.  «Per affrontare un’epidemia – conclude il direttore scientifico dell’INMI “L. Spallanzani” –  ci vuole capacità di risposta. E la capacità di risposta è data da uomini, mezzi, strutture diagnostiche e  di trasporto. Ma anche da catene di comando e controllo. L’Italia ha fatto molto in questo senso e l’investimento fatto ai fini della preparazione è sempre rilevante».

Articoli correlati
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...