Formazione 4 Agosto 2015

«Continuare ad investire nella formazione per essere preparati alle emergenze»

Il prof. Ippolito (“Spallanzani”) sottolinea l’importanza della «capacità di risposta» dopo il monito del Premier Renzi

«Continuare ad investire nella formazione per essere preparati alle emergenze»

Dobbiamo prepararci alla gestione di situazioni di emergenza». Il monito, lanciato durante la “XI Conferenza degli Ambasciatori” alla Farnesina, del Premier Matteo Renzi sembra aver colto nel segno.


Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha chiesto alla comunità internazionale di rispondere all’allarme epidemie, tema sempre al centro dei principali vertici internazionali, a partire dal G7. Al pari anche del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, gli operatori sanitari sottolineano da tempo l’esigenza di una strategia d’intervento internazionale. Un messaggio, emerso anche dalla Tavola Rotonda istituzionale “The e-bola lesson” – tenutasi al Ministero della Salute – in occasione della presentazione di “e-bola”, il primo film al mondo formativo ed informativo per il personale sanitario.

Una questione affrontata da uno dei massimi esperti del settore, come il professor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’INMI “L. Spallanzani” di Roma, istituto confermatosi autentica eccellenza italiana nella gestione dei casi di Ebola con i risultati raggiunti prima con il “paziente zero”, ovvero il medico siciliano Fabrizio Pulvirenti e poi con l’infermiere sardo Fabrizio Marongiu, anche lui contagiatosi in Sierra Leone durante una missione umanitaria di Emergency.

«Le infezioni di certo continuano ad arrivare – afferma il prof. Ippolito – mentre di pandemie speriamo ce ne siano sempre il meno possibile. Le esperienze pregresse ci hanno, comunque, insegnato che non bisogna mai fermarsi nella preparazione. Viceversa vanno mantenuti attivi i sistemi di: identificazione rapida, diagnostica, controllo a livello territoriale ospedaliero e delle adeguate strutture di isolamento per il paziente. L’Italia ha fatto molto in questi anni ed ha una eccellente rete per le malattie infettive. C’è inoltre una capacità di diagnostica per tutti gli agenti infettivi proprio allo “Spallanzani” con la capacità di diagnosi differenziale e sul piano di intervento coordinato soprattutto con alcune aree regionali per quanto riguarda le emergenze».

Tornando all’intervento del Presidente del Consiglio dei Ministri, sempre Renzi ha posto in evidenza la qualità dimostrata dall’istituto “Spallanzani” nella gestione dei casi di Ebola, sottolineando la necessità di essere formati. Proprio la formazione, insieme all’informazione, del personale sanitario e dei cittadini rappresentano i cardini del piano internazionale per fronteggiare le emergenze sanitarie. Questo è stato detto chiaramente, dallo stesso Ippolito, durante la Tavola Rotonda “The ebola lesson”.  «Per affrontare un’epidemia – conclude il direttore scientifico dell’INMI “L. Spallanzani” –  ci vuole capacità di risposta. E la capacità di risposta è data da uomini, mezzi, strutture diagnostiche e  di trasporto. Ma anche da catene di comando e controllo. L’Italia ha fatto molto in questo senso e l’investimento fatto ai fini della preparazione è sempre rilevante».

Articoli correlati
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Il 21 novembre 2020 è la Giornata dell’assistente sanitario
Un professionista di grande importanza nel mondo sanitario: in possesso della laurea in Assistenza sanitaria (L/SNT/4) abilitante all'esercizio della professione di Assistente sanitario, e dell’iscrizione all’albo presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM e PSTRP). Rappresenta una delle prime figure professionali che si incontra in ambito della prevenzione fin dai primi giorni di vita, per le vaccinazioni dell'infanzia
Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»
Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»
di Isabella Faggiano
I provider ECM incontrano Mantoan (Agenas). Colombati (Formazione nella Sanità): «Siamo esclusi dal Decreto Ristori»
L’associazione denuncia gravi perdite nel 2020: «Saltati 2 eventi formativi su 3: calo annuale del 67%». Altri temi a confronto: tavolo tecnico, programmazione, diversa rendicontazione e nuove tecnologie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli