Formazione 4 agosto 2015

«Continuare ad investire nella formazione per essere preparati alle emergenze»

Il prof. Ippolito (“Spallanzani”) sottolinea l’importanza della «capacità di risposta» dopo il monito del Premier Renzi

Immagine articolo

Dobbiamo prepararci alla gestione di situazioni di emergenza». Il monito, lanciato durante la “XI Conferenza degli Ambasciatori” alla Farnesina, del Premier Matteo Renzi sembra aver colto nel segno.


Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha chiesto alla comunità internazionale di rispondere all’allarme epidemie, tema sempre al centro dei principali vertici internazionali, a partire dal G7. Al pari anche del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, gli operatori sanitari sottolineano da tempo l’esigenza di una strategia d’intervento internazionale. Un messaggio, emerso anche dalla Tavola Rotonda istituzionale “The e-bola lesson” – tenutasi al Ministero della Salute – in occasione della presentazione di “e-bola”, il primo film al mondo formativo ed informativo per il personale sanitario.

Una questione affrontata da uno dei massimi esperti del settore, come il professor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’INMI “L. Spallanzani” di Roma, istituto confermatosi autentica eccellenza italiana nella gestione dei casi di Ebola con i risultati raggiunti prima con il “paziente zero”, ovvero il medico siciliano Fabrizio Pulvirenti e poi con l’infermiere sardo Fabrizio Marongiu, anche lui contagiatosi in Sierra Leone durante una missione umanitaria di Emergency.

«Le infezioni di certo continuano ad arrivare – afferma il prof. Ippolito – mentre di pandemie speriamo ce ne siano sempre il meno possibile. Le esperienze pregresse ci hanno, comunque, insegnato che non bisogna mai fermarsi nella preparazione. Viceversa vanno mantenuti attivi i sistemi di: identificazione rapida, diagnostica, controllo a livello territoriale ospedaliero e delle adeguate strutture di isolamento per il paziente. L’Italia ha fatto molto in questi anni ed ha una eccellente rete per le malattie infettive. C’è inoltre una capacità di diagnostica per tutti gli agenti infettivi proprio allo “Spallanzani” con la capacità di diagnosi differenziale e sul piano di intervento coordinato soprattutto con alcune aree regionali per quanto riguarda le emergenze».

Tornando all’intervento del Presidente del Consiglio dei Ministri, sempre Renzi ha posto in evidenza la qualità dimostrata dall’istituto “Spallanzani” nella gestione dei casi di Ebola, sottolineando la necessità di essere formati. Proprio la formazione, insieme all’informazione, del personale sanitario e dei cittadini rappresentano i cardini del piano internazionale per fronteggiare le emergenze sanitarie. Questo è stato detto chiaramente, dallo stesso Ippolito, durante la Tavola Rotonda “The ebola lesson”.  «Per affrontare un’epidemia – conclude il direttore scientifico dell’INMI “L. Spallanzani” –  ci vuole capacità di risposta. E la capacità di risposta è data da uomini, mezzi, strutture diagnostiche e  di trasporto. Ma anche da catene di comando e controllo. L’Italia ha fatto molto in questo senso e l’investimento fatto ai fini della preparazione è sempre rilevante».

Articoli correlati
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Pazienti ‘esperti’, al via 1° corso EUPATI in italiano. Buccella (Accademia Pazienti): «Al servizio società per migliorare approcci terapeutici»
«Io ho un figlio con distrofia di Duchenne e mi sono serviti 25 anni per apprendere le nozioni di cui avevo bisogno per assisterlo al meglio. Con il corso è necessario solo un anno per una formazione completa». Così Filippo Buccella, Presidente dell’Accademia
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
Come formare pazienti “esperti”? Ecco il corso promosso dall’Accademia dei Pazienti Onlus -EUPATI Italia
Dominique Van Doorne (Vice presidente Accademia Pazienti Onlus): «Il paziente , oggi, diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche nelle politiche sanitarie. È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...