Formazione 10 marzo 2014

Con il Dossier formativo l’ECM porta il Ssn in Europa

Il ministro Lorenzin pronto a presentare il progetto in Senato: riguarderà circa un milione di professionisti

Immagine articolo

Il progetto Ecm si prepara a superare uno step tanto importante quanto delicato. Il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin sta infatti per presentare in Senato il “Dossier formativo” che, unito alla riforma degli ordini professionali, rappresenteranno le due grandi novità ma anche le vere e proprie sfide, per circa un milione di operatori della Sanità.

Per il momento si tratta di due questioni separate ma, nei programmi del Ministro, c’è la volontà di farle muovere in sinergia. Ordini, Collegi e Associazioni saranno infatti coinvolti nella certificazione e nell’attestazione dei crediti ECM. Proprio in questa ottica avrà un ruolo strategico il “Dossier formativo”. Tutti i professionisti si ritroveranno in una grande banca dati delle professioni sanitarie, gestita dal CoGeaps, il consorzio di gestione dell’anagrafe delle professioni sanitarie.

L’Educazione Continua in Medicina (ECM) ha già permesso di valorizzare il percorso formativo dei camici bianchi che, con i progressi della tecnologia, grazie soprattutto alla formazione a distanza, hanno trovato la strada in discesa per il raggiungimento dei crediti obbligatori. Provider come Sanità-In Formazione – accreditato A.Ge.Nas. – la piattaforma con il maggior numero di corsi in Italia, offre la possibilità di soddisfare il “fabbisogno triennale” di crediti con semplicità e facilità di fruizione. Il passaggio successivo sarà appunto il Dossier formativo. Si tratta di uno strumento dinamico che accompagnerà i professionisti  in tutta la loro carriera, permetterà di verificare i loro aggiornamenti e consentirà al nostro Paese di cominciare ad adeguarsi alla direttiva europea che, entro il 2016, permetterà la libera circolazione dei professionisti anche sanitari.

“Il Dossier formativo rappresenta un’innovazione – ha dichiarato il presidente del Conaps (Coordinamento Nazionale Professioni Sanitarie), Antonio Bortone – perché prevede la stesura oggettiva di un curriculum professionale; risponde a un processo di sistematizzazione dell’educazione continua in medicina e permette a chi lo consulta di avere un’immagine reale, concreta e facilmente intellegibile del percorso formativo e delle competenze di un professionista”.

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila