Formazione 9 Aprile 2019

Borse di studio, in Italia medici di famiglia penalizzati. Tutte le diseguaglianze spiegate dall’Uemo

In Italia, la formazione dello specialista fa riferimento all’università e al ministero dell’Istruzione, quella del medico di famiglia al ministero della salute ed alle Regioni che si affidano a intese.

Pesano le diseguaglianze fra medici specialisti e medici di medicina generale. La disparità di trattamento tra chi frequenta corsi di Medicina Generale e chi opta per i corsi di specializzazione medica, infatti, è evidente: i primi guadagnano 11mila euro all’anno (considerati fonte di reddito e quindi tassati), mentre la remunerazione dei secondi varia tra i 25mila e i 27mila euro (consistenti in borse di studio non tassate). Inoltre, i medici di Medicina Generale non godono delle tutele previste dai normali rapporti lavorativi (per esempio la gravidanza), mentre agli specializzandi spettano i contributi previdenziali e la stipula di un’assicurazione. Inoltre, in molti Paesi europei la Medicina Generale è riconosciuta come specialità, in Italia no. Per tutti questi motivi, i medici di Medicina Generale possono adire le vie legali per ottenere un risarcimento.

A fare chiarezza ci pensa Aldo Lupo, past president dell’Unione dei sindacati dei medici di famiglia europei Uemo, intervistato da Doctor33. «La vicenda è lunga – spiega Lupo – e per capirla dobbiamo raccontare due storie separate, una riguarda la Comunità europea e l’altra l’Italia». Partiamo dalla prima. «L’UE prevede la libera circolazione dei lavoratori e delle merci in pratica da sempre. Nel 1975 arrivano due direttive per il reciproco riconoscimento dei medici tra stati membri: la 362 detta i requisiti della formazione specialistica post-laurea, la 363 del pre-laurea. Di medicina generale non si parla. Solo nel 1986 si riconosce che per la libera circolazione dei medici di famiglia è necessario un corso post-laurea di 2 anni, formalizzato nella direttiva 457 che anche in Italia attuiamo rapidamente istituendo le borse. Seguono le direttive 16 del ’93 e la 19/2001 che porta a tre gli anni di formazione, quindi la direttiva 36/2005 e la 55/2013 che entro il 2023 andrà rivista. Dunque, anche Bruxelles separa i percorsi di medicina di famiglia e specialistica; la prima disciplina ha un percorso di 3 anni in tutti e 27 gli stati membri ciascuno dei quali poi esprime eventuali equipollenze, che per noi consistono nei laureati ante 1995».

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO: LA CAMPAGNA DI CONSULCESI PER I MEDICI DI BASE FA TAPPA AD ALESSANDRIA

Nelle singole nazioni, invece, le cose vanno in maniera diversa: «In alcune la medicina generale – spiega ancora Lupo – è specialità, in altre no. Italia, Regno Unito, Austria e Belgio ad esempio non hanno riconosciuto la specialità, una ventina di altri paesi sì e questo crea problemi».

In Italia, la formazione dello specialista fa riferimento all’università e al ministero dell’Istruzione, quella del medico di famiglia al ministero della salute ed alle Regioni che si affidano a intese (con ordini, società scientifiche, sindacati). «Siamo lontani dalla chance di diventare specialità universitaria – si può leggere ancora su Doctor33 – né ci sono mmg direttori di cattedra universitaria. Ma il medico di famiglia sa molto e costa poco in relazione a quanto sa».

Il distacco dall’ateneo genera una conseguenza ai fini dell’entità della borsa del tirocinante. «Mentre lo specializzando in ospedale lavora- visita, referta, assiste ai letti -e ha una corrispettiva responsabilità, in certi casi senza di lui l’ospedale chiude, in Medicina Generale la frequenza dei tirocinanti prevede una posizione di tipo prevalentemente didattico-pedagogico: si va per vedere, si frequenta un anno dei tre (o due semestri distinti) dal medico di famiglia e poi si gira per reparti dove non si svolge il lavoro in ospedale. Anche se si fa presenza non si è responsabili del processo assistenziale e ciò determina la differenza tra i due contratti. E’ antipatico a dirsi, ed è confutabile nella misura in cui il tirocinante dal collega tutor svolge dei lavori, sui quali però gravano evidenti limitazioni. Lo stesso mmg tende a farsi sostituire poco; ma se si facesse sostituire realmente, in una materia non normata, come potrebbe offrire un corrispettivo? Sarebbe ottimale riconoscere un periodo di pratica ben pagato, un anno in cui si svolgono lavori in studio, supervisionati da tutor, magari allungando il percorso formativo».

Articoli correlati
Coronavirus, sale a 30 il numero dei medici morti. Scotti (Fimmg): «17 erano medici di famiglia. Il tempo sta finendo»
«Ogni giorno mi chiedo se potevo fare, pensare o agire qualcosa di più. Voglio sperare che questa stessa condizione riguardi tutti quelli che hanno più di me responsabilità direzionali e di governance e che soprattutto valutino se ognuno di loro ha fatto tutto quello che poteva per tutti gli attori della nostra sanità perché, se non fosse così, saremmo di fronte ad una strage di Stato»
Coronavirus, D’Amato: «Parte la nuova app ‘Lazio Doctor Covid’»
La nuova app nasce in collaborazione con i medici di medicina generale e permetterà il rapido monitoraggio delle persone in sorveglianza domiciliare per Covid-19 nel Lazio
COVID-19, AIFA e Gilead: «Italia tra i Paesi che testeranno l’antivirale remdesivir»
Si tratta di due studi di fase 3 che coinvolgeranno i centri con maggior numero di pazienti in Italia: l'Ospedale Sacco di Milano, il Policlinico di Pavia, l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
Coronavirus, il vademecum di SIMG, ISS e OMS per trattare i pazienti positivi a domicilio
La Società Italiana di Medicina Generale pubblica un vademecum dettagliato condiviso con ISS e OMS su come debba essere seguita l’assistenza domiciliare per i pazienti infetti da SARS-CoV-2. «Con l’aumentare della diffusione di Covid-19 si assisterà ad una crescita dei pazienti con pochi sintomi che potranno essere curati a casa. Seguiremo a distanza tutti i pazienti» assicura il Presidente SIMG Claudio Cricelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 marzo, sono 723.740 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 34.018 i decessi e 152.042 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...