Formazione 12 luglio 2016

Arriva il primo simulatore multimediale per migliorare il rapporto medico-paziente

Il “Paziente Virtuale” è il primo corso FAD che aiuta il professionista sanitario ad interfacciarsi al meglio con l’assistito. Vale 12 crediti ECM, utili per assolvere all’obbligo formativo in scadenza ed evitare il rischio sanzioni

La durata media di una visita non supera i nove minuti, ma il tempo che i medici “concedono” al paziente affinché descriva i propri sintomi non supera i venti secondi. Questo è quanto rilevato da autorevoli indagini scientifiche presentate in occasione del Congresso nazionale della società italiana di medicina interna.

Le capacità di ascolto dei camici bianchi italiani, talvolta esigue, sono stabilmente al centro del dibattito medico italiano e vengono ritenute all’origine dei sempre più ricorrenti casi di burnout del medico o di denuncia per malpractice. Al contrario, da un migliore rapporto con il paziente deriva un innalzamento del livello qualitativo delle cure e una sensibile riduzione del numero di ricoveri, con evidenti ricadute positive sulla soddisfazione degli assistiti e sui conti pubblici.

I medici possono però migliorare le proprie attitudini, assolvendo allo stesso tempo all’obbligo formativo ECM, grazie alla FAD e alle nuove tecnologie. È il caso del “Paziente Virtuale”, simulatore web che si propone di allenare il professionista ad interfacciarsi con l’assistito in maniera efficace. Lo strumento simula una vera e propria visita medica: il paziente lamenta dei sintomi specifici, mentre il professionista interagisce attraverso le opzioni proposte dal menu chiedendo informazioni sul suo stile di vita, modificando le sue abitudini, prescrivendo farmaci, terapie ed esami per indagare la patologia o ottenerne la guarigione.

Il corso “Paziente Virtuale” nelle versioni polmonite, artrite reumatoide, asma, ematologia, diabete mellito di tipo II (che è quello che ha riscontrato, al momento, il maggior successo), insonnia da ansia, dolore severo cronico non oncologico è disponibile gratuitamente per i prossimi nove mesi sulla piattaforma www.corsi-ecm-fad.it, insieme a tutti i servizi  esclusivi di Consulcesi Club, e consente l’acquisizione di 12 crediti ECM, utili per assolvere all’obbligo formativo in scadenza il 31 dicembre 2016 ed evitare il rischio di sanzioni.

«Recependo gli input degli oltre 80mila medici che tuteliamo e rappresentiamo – spiega il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – attraverso il provider Sanità in-Formazione offriamo ai medici la possibilità di mettersi in regola con la scadenza del triennio formativo ECM, aggiornandosi con la velocità e la maggiore fruibilità che garantisce il web, mantenendo una elevata qualità dei contenuti grazie alla professionalità e alla competenza dei professionisti, delle associazioni e delle società scientifiche coinvolte. I medici vogliono aggiornarsi, ma per farlo chiedono modalità innovative, più coinvolgenti e al passo con i tempi. Ecco allora l’importanza di poter sperimentare le conoscenze nozionistiche con il “Paziente Virtuale” o ancora poter scegliere tra i tanti “Film Formazione” del nostro “Netflix” della sanità, in grado in un breve lasso di tempo di  attirare l’attenzione di istituzioni e media e di creare interesse anche nel mondo delle Università. Per informazioni sul corso è possibile contattare il numero verde 800.122.777 o consultare il sito www.consulcesi.it».

Articoli correlati
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...