Formazione 22 giugno 2016

Aggiornamento ECM, anche Nicolas Vaporidis nel “Netflix” dei medici: «È un’idea vincente»

Avviata la collaborazione tra la Drive Production e Sanità in-Formazione. L’attore: «Il cinema può raccontare al medico le emozioni che ci sono dietro la malattia. È questo il grande valore dei “Film Formazione”»

Formazione ed emozioni. È ciò che viene proposto ai medici tramite i “Film Formazione”, che da oggi possono contare su un nuovo protagonista: Nicolas Vaporidis. L’attore romano annuncia la collaborazione tra “Drive”, la sua casa di produzione, e Sanità in-Formazione, il provider accreditato Agenas che distribuisce il genere dei film formativi per medici.

Si tratta di una modalità innovativa di effettuare l’Educazione Continua in Medicina, in maniera da adempiere all’obbligo formativo e restare sempre aggiornati sui progressi relativi alla ricerca medica, alle pratiche e alle innovazioni tecnologiche in ambito sanitario. Il tutto attraverso pellicole cinematografiche che rendono più piacevole e interessante la fruizione. Ai nostri microfoni Vaporidis spiega i motivi per cui ha abbracciato con entusiasmo questo nuovo progetto.

«Sono più che convinto che questo progetto sia vincente. Il cinema, oltre ad essere un prodotto di intrattenimento è anche un prodotto che aiuta a creare delle coscienze quando è fatto in un certo modo. E creare coscienze permette a sua volta di contribuire, di crescere, di migliorarsi. Credo che l’entertainment al servizio della formazione medica e al servizio di qualunque altra formazione sia un ottimo connubio. Il medico vede attraverso il cinema una storia che il corpo non racconterebbe, la  racconta l’anima, va al di là dell’esperienza strettamente medica e scientifica; è raccontare il sentimento che nasce in una situazione di difficoltà medica che può provare una persona, una famiglia o una coppia. E attraverso quello poi si può costruire un percorso formativo molto tecnico e scientifico partendo però da un nuovo incipit, forse anche più divertente da un certo punto di vista e più incisivo sul lato umano e formativo».

Oggi siamo qui anche per annunciare una collaborazione tra la sua società, la Drive Production e Consulcesi, proprio per mettere insieme chi ha una grande competenza scientifica con chi ha una grande competenza sull’aspetto del cinema.

«Cerchiamo di unire le forze nell’ottica di far partire una formazione medico-scientifica ad hoc. Noi distribuiamo e creiamo contenuti che possano aiutare i medici ad avere sicuramente più voglia di migliorarsi, aggiornarsi e di fare formazione, e soprattutto di farlo in un modo diverso da come è stato fatto fino ad ora. Noi siamo molto convinti che questo possa essere un in più, un aiuto, un incentivo oltre che una forma diversa di formazione, che è sicuramente più divertente anche per noi. Lo spunto per poi far nascere il percorso formativo è una cosa non semplicissima ma è una bellissima sfida. Quindi siamo tutti contenti, noi, Drive sicuramente e Consulcesi. Speriamo che sia l’inizio di una lunga collaborazione».

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
MMG in estinzione, Tortorella (Consulcesi): «Crisi di vocazione causata da disparità di trattamento inaccettabili»
Sulle pagine di Starbene il presidente della principale realtà di tutela del settore medico commenta il preoccupante avvenire della Medicina Generale italiana: «Entro 10 anni il 70% di loro andrà in pensione. Senza ricambio generazionale il numero totale rischia di assottigliarsi troppo»
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l’immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano