Formazione 16 maggio 2016

Accesso a Medicina: tanti no al “sistema francese”. Rettore Sapienza: «Garantire qualità formazione»

Fa discutere l’ipotesi del Miur di abolizione del numero chiuso. Anaao Giovani: «Così si rischiano ulteriori ricorsi. Già 11mila quelli accolti nel 2015». Il Magnifico: «L’esame d’accesso è una conquista, ma rivediamo i criteri»

Il sistema del numero programmato per determinare l’accesso alle facoltà di Medicina è «un punto di arrivo, una conquista dopo il caos dei decenni passati, quando l’enorme numero di matricole non aveva la possibilità di svolgere al meglio il training formativo indispensabile per la preparazione di un bravo medico».

Non ha dubbi il rettore de La Sapienza di Roma, Eugenio Gaudio. Dopo che il Miur ha fatto trapelare di essere al lavoro su una revisione del sistema e di guardare con particolare interesse al cosiddetto “sistema francese”, in cui la selezione viene fatta al termine del primo anno, il rettore Gaudio dichiara ai nostri microfoni: «Indubbiamente il sistema va corretto – afferma Gaudio –  ma non credo che la “strada francese” sia la soluzione: sarebbe solo un modo, e i francesi stessi se ne stanno accorgendo, di procrastinare una selezione che viene comunque fatta in un secondo momento, fermo restando un utilizzo di risorse (aule, professori, materiali didattici) che andranno poi “sprecate”».

«La programmazione è assolutamente necessaria – continua il rettore – per mantenere in equilibrio il turn over nel sistema sanitario. E’ altrettanto necessario, tuttavia, che venga fatta in maniera corretta, affinché si possa raggiungere il fine meritocratico. E allora si lavori a livello nazionale per eliminare sempre più quelle irregolarità che determinano ricorsi e quindi ammissioni in sovrannumero. Si dia più spazio, in sede di test, all’ambito attitudinale piuttosto che alle mere conoscenze tecniche. Ma non si perda mai di vista il fatto  – conclude il rettore Gaudio – che il numero programmato è l’unico a garantire una formazione di qualità e un’alta probabilità di immediato inserimento nel mondo del lavoro».

Fermamente contrario al “sistema francese” anche l’Anaao giovani. «Bisogna mantenere il numero programmato – afferma Domenico Montemurro, responsabile Anaao Giovani – tenendo anche in considerazione la necessità di assorbire gli oltre 11mila ricorrenti riammessi negli anni accademici 2013-2014 e 2014-2015, ai quali potrebbero aggiungersene altre svariate migliaia in relazione all’ultimo test di ammissione. Secondo le nostre proiezioni, sulla scorta di queste cifre, già con l’attuale situazione, tra il 2020 ed il 2021 avremo oltre 30mila medici senza specializzazione ed inoccupati. Necessario dunque che si resti sugli attuali circa 5mila accessi alla Facoltà di Medicina e si ragioni, invece, su una riforma a più ampio respiro, coinvolgendo in prima istanza le scuole di specializzazione».

Di diverso avviso è invece l’UDU (Unione degli Universitari): nonostante la consapevolezza che la strada verso l’abolizione del numero chiuso non sia così spianata, suggerisce già alcune proposte in ottica “sistema francese”: «Bisogna ragionare – osserva Jacopo Dioniso, coordinatore nazionale UDU – su come impostare gli esami del primo anno e come farli, eventualmente, farli valutare a chi non supera lo sbarramento del primo anno (il “super-esame” può essere ripetuto solo due volte, ndr), agevolando il passaggio ad altre facoltà affini come Professioni Sanitarie, Biologia, Ostetricia».

Articoli correlati
Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»
«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l'unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
“Università dei rifugiati”, la sfida per l’integrazione di UNINETTUNO. Il Rettore Maria Amato Garito: «Aiutarli significa aiutare noi stessi»
Tra i servizi offerti il riconoscimento dei titoli e uno sportello telematico per l’accesso al medico. Il primo iscritto un ragazzo siriano che vive in un campo profughi in Libano. Plauso all’iniziativa da Onu e Unesco. Quattro le lingue dei corsi: inglese, francese, arabo e italiano
Ricerca, il premio Young Pro Award va all’italiano Piero Papi
Il premio Young Pro Award come miglior ricercatore mondiale under 35 nel campo dei biomateriali in implantologia è stato consegnato al dottor Piero Papi. È la prima volta che un italiano vince il prestigioso premio. Coordinatore didattico del Master di II Livello in “Implantologia orale osseo-integrata: tecniche chirurgiche e protesiche” del Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche e Maxillo-Facciali dell’Università […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...