Federfarma 18 Luglio 2017 09:21

Calcio e solidarietà, quando lo sport “ha a cuore la vita”. Federfarma Roma regala 15 defibrillatori a società sportive della capitale

Martedì 18 luglio il Comitato provinciale romano del Centro Sportivo Italiano concluderà la stagione associativa con una partita di calcio a 5 tra la nazionale femminile delle parlamentari e la rappresentativa delle giornaliste

di Federfarma Roma

“Lo sport che ha a cuore la vita”. Questo è il nome dell’evento benefico durante il quale Federfarma Roma donerà 15 defibrillatori a società e gruppi sportivi della Capitale, da anni impegnate attraverso lo sport nell’educazione di bambini e adolescenti. Un regalo, quello dei farmacisti romani, tanto più prezioso adesso che è entrato in vigore anche per lo sport dilettantistico l’obbligo di dotarsi di defibrillatori e del relativo personale atto ad utilizzarli. L’occasione è rappresentata dalla serata speciale con cui martedì 18 luglio il Comitato provinciale romano del Centro Sportivo Italiano concluderà, a partire dalle ore 20, la stagione associativa presso la sede di Lungotevere Flaminio 55. Saranno presenti anche Marco Cossolo, Presidente di Federfarma Nazionale, e Vittorio Contarina, Presidente di Federfarma Roma e Vicepresidente di Federfarma Nazionale.

All’appello hanno risposto con entusiasmo anche la nazionale femminile di calcio delle parlamentari e la rappresentativa delle giornaliste, che per il secondo anno si affronteranno per contendersi il trofeo “Estate CSI – Memorial Jo Cox”. La squadra delle parlamentari, allenate da Katia Serra, scenderà in campo con Veronica Tentoni, Anna Ascani, Caterina Bini, Lorenza Bonaccorsi, Lia Quartapelle, Chiara Gribaudo, Valentina Paris, Laura Coccia e Lara Comi. Enrico Varriale, mister della squadra delle giornaliste, potrà invece contare su Isabella Di Chio, Cristiana Caricato, Francesca Cantini, Ilaria Chimenti, Letizia Davoli, Mara Pannone, Costanza Miriano, Annachiara Valle e Sara Meini.

«I farmacisti romani – spiega il Presidente Contarina – si confrontano quotidianamente con la sofferenza e i bisogni delle comunità in cui vivono e lavorano. I 15 defibrillatori sono stati finanziati grazie alle donazioni ricevute durante “Farma & Friends”, l’evento benefico annuale che nella sua ultima edizione ha visto la partecipazione di oltre 1500 farmacisti, al di sopra di ogni aspettativa. Anche la cifra raggiunta è stata enorme: in totale, le donazioni hanno superato gli 85mila euro. Questi soldi sono stati destinati a diverse iniziative benefiche, tra cui, per l’appunto, l’acquisto dei defibrillatori, con i quali abbiamo voluto dare un premio ad alcune realtà della città di Roma che si impegnano quotidianamente nel formare alla vita i nostri bambini e ragazzi».

«Noi farmacisti – dichiara Felice Restaino, Presidente della Commissione “Iniziative Sociali” di Federfarma Roma –, sia come singoli professionisti che come organizzazione sindacale, cerchiamo sempre di fare qualcosa di concreto per chi ne ha più bisogno. Lo abbiamo fatto, ad esempio, con le due edizioni di “Farma & Friends”: i soldi raccolti durante l’ultima edizione sono stati destinati all’acquisto, oltre che dei defibrillatori, di un gastroscopio e di una colonna laparoscopica in favore dell’Ospedale “San Camillo”. L’anno scorso, invece, abbiamo regalato al “Policlinico Umberto I” una culla termica per il trasporto neonatale in eliambulanza, con la quale sono state già salvate sei piccole vite. A ciò vanno aggiunti – conclude Restaino – il supporto che abbiamo dato ai farmacisti del Centro Italia distrutto dai terremoti e il “Progetto Mimosa”, con il quale cerchiamo di fare la nostra parte anche nella lotta alla violenza sulle donne.

Articoli correlati
Scoperta la causa dell’amnesia dopo un trauma cranico, ora i ricercatori sanno come curarla
L'amnesia che si verifica nelle persone che subiscono ripetuti traumi alla testa, come ad esempio gli atleti, è una condizione che potrebbe potenzialmente essere invertita. Almeno questo è quanto ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Georgetown University Medical Center, in collaborazione con il Trinity College di Dublino, Irlanda, in uno studio sui topi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Neuroscience
Morte cardiaca improvvisa, per la prima volta in Italia impiantati defibrillatori di ultima generazione
Per la prima volta in Italia sono stati impiantati defibrillatori extravascolari di ultima generazione. Si tratta di dispositivi unici nel loro genere in cui l’elettrocatetere viene posizionato sotto lo sterno, all’esterno del cuore e delle vene per prevenire i rischi di infezione e occlusione
Tre minuti per salvare una vita con il defibrillatore automatico esterno
La legge sul primo soccorso c’è, ma mancano alcuni decreti attuativi. L’appello di Andrea Scapigliati Vicepresidente di IRC (Italian Resuscitation Council): «Serve più formazione sul primo soccorso e defibrillatori in centri sportivi, scuole, mezzi di trasporto e luoghi pubblici»
Vaccini in farmacia nel Lazio, da lunedì 7 marzo al via somministrazioni con Novavax
L’annuncio del Presidente di Federfarma Roma, Andrea Cicconetti: «Prenotazioni attive già da oggi. Farmacie di Roma e del Lazio ancora una volta in prima linea nel contrasto al Covid-19»
Primo soccorso, dopo la legge 28/2021 da gennaio formazione e App per geolocalizzare DAE semiautomatici
Sono 60 mila gli arresti cardiaci che si registrano in Italia ogni anno, oltre la metà dei quali non in ospedale. In quel caso la sopravvivenza è del 21, 2 percento. Per migliorare è necessario formare i cittadini al pronto intervento. Da IRC le linee guida e le novità della legge
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...