Federfarma 18 Luglio 2017

Calcio e solidarietà, quando lo sport “ha a cuore la vita”. Federfarma Roma regala 15 defibrillatori a società sportive della capitale

Martedì 18 luglio il Comitato provinciale romano del Centro Sportivo Italiano concluderà la stagione associativa con una partita di calcio a 5 tra la nazionale femminile delle parlamentari e la rappresentativa delle giornaliste

di Federfarma Roma

“Lo sport che ha a cuore la vita”. Questo è il nome dell’evento benefico durante il quale Federfarma Roma donerà 15 defibrillatori a società e gruppi sportivi della Capitale, da anni impegnate attraverso lo sport nell’educazione di bambini e adolescenti. Un regalo, quello dei farmacisti romani, tanto più prezioso adesso che è entrato in vigore anche per lo sport dilettantistico l’obbligo di dotarsi di defibrillatori e del relativo personale atto ad utilizzarli. L’occasione è rappresentata dalla serata speciale con cui martedì 18 luglio il Comitato provinciale romano del Centro Sportivo Italiano concluderà, a partire dalle ore 20, la stagione associativa presso la sede di Lungotevere Flaminio 55. Saranno presenti anche Marco Cossolo, Presidente di Federfarma Nazionale, e Vittorio Contarina, Presidente di Federfarma Roma e Vicepresidente di Federfarma Nazionale.

All’appello hanno risposto con entusiasmo anche la nazionale femminile di calcio delle parlamentari e la rappresentativa delle giornaliste, che per il secondo anno si affronteranno per contendersi il trofeo “Estate CSI – Memorial Jo Cox”. La squadra delle parlamentari, allenate da Katia Serra, scenderà in campo con Veronica Tentoni, Anna Ascani, Caterina Bini, Lorenza Bonaccorsi, Lia Quartapelle, Chiara Gribaudo, Valentina Paris, Laura Coccia e Lara Comi. Enrico Varriale, mister della squadra delle giornaliste, potrà invece contare su Isabella Di Chio, Cristiana Caricato, Francesca Cantini, Ilaria Chimenti, Letizia Davoli, Mara Pannone, Costanza Miriano, Annachiara Valle e Sara Meini.

«I farmacisti romani – spiega il Presidente Contarina – si confrontano quotidianamente con la sofferenza e i bisogni delle comunità in cui vivono e lavorano. I 15 defibrillatori sono stati finanziati grazie alle donazioni ricevute durante “Farma & Friends”, l’evento benefico annuale che nella sua ultima edizione ha visto la partecipazione di oltre 1500 farmacisti, al di sopra di ogni aspettativa. Anche la cifra raggiunta è stata enorme: in totale, le donazioni hanno superato gli 85mila euro. Questi soldi sono stati destinati a diverse iniziative benefiche, tra cui, per l’appunto, l’acquisto dei defibrillatori, con i quali abbiamo voluto dare un premio ad alcune realtà della città di Roma che si impegnano quotidianamente nel formare alla vita i nostri bambini e ragazzi».

«Noi farmacisti – dichiara Felice Restaino, Presidente della Commissione “Iniziative Sociali” di Federfarma Roma –, sia come singoli professionisti che come organizzazione sindacale, cerchiamo sempre di fare qualcosa di concreto per chi ne ha più bisogno. Lo abbiamo fatto, ad esempio, con le due edizioni di “Farma & Friends”: i soldi raccolti durante l’ultima edizione sono stati destinati all’acquisto, oltre che dei defibrillatori, di un gastroscopio e di una colonna laparoscopica in favore dell’Ospedale “San Camillo”. L’anno scorso, invece, abbiamo regalato al “Policlinico Umberto I” una culla termica per il trasporto neonatale in eliambulanza, con la quale sono state già salvate sei piccole vite. A ciò vanno aggiunti – conclude Restaino – il supporto che abbiamo dato ai farmacisti del Centro Italia distrutto dai terremoti e il “Progetto Mimosa”, con il quale cerchiamo di fare la nostra parte anche nella lotta alla violenza sulle donne.

Articoli correlati
Defibrillatori, ok Camera a obbligo per Pa dal 2025. Passa Odg sui ‘droni salvavita’
Il testo unico sancisce l’obbligo per le Pubbliche amministrazioni presso ciascuna sede in cui siano impiegati almeno quindici dipendenti e che abbia servizi aperti al pubblico, di defibrillatori semiautomatici ed automatici esterni (DAE) e di personale formato. «Droni permetteranno di salvare molte persone» sottolinea il medico e deputato M5S Manuel Tuzi
Federfarma Roma contro le multe alle farmacie per crisi rifiuti: «Situazione grottesca»
“È inammissibile che i farmacisti debbano pagare multe salate, a causa dei disservizi di Ama e quindi del Comune”: il presidente di Federfarma Roma, Vittorio Contarina, non è più disposto a tollerare l’emergenza rifiuti nella Capitale, problematica che sta interessando non solo i cittadini ma anche i farmacisti e tanti esercenti. Dopo il caso della […]
Farma&Friends, alla quinta edizione raccolti 65mila euro. Contarina (Federfarma Roma): «Regaleremo strumentazione ad ospedale oftalmico»
In tre anni raccolti oltre 405mila euro. Cossolo: «Diventi manifestazione nazionale”. Zingaretti: «Serata benefica in ricordo di Osvaldo Moltedo»
di Diana Romersi e Arnaldo Iodice
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
Un defibrillatore salva la vita, cardiologi-musicisti sul palco per la prevenzione cardiaca
Al Teatro Ghione in scena la serata “Il cuore della musica”: obiettivo raccogliere fondi per l’acquisto di defibrillatori da destinare a strutture pubbliche e private per la lotta alla morte cardiaca improvvisa. Rebecchi (Tre cuori per la musica): «La morte cardiaca improvvisa rappresenta una problematica molto attuale quindi è nostro dovere sforzarci il più possibile per coprire il nostro territorio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone