Contributi e Opinioni 14 Maggio 2020

Specialistica ambulatoriale, la Regione convochi ai tavoli tutte le organizzazioni sindacali

di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio

di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio

La Cisl Medici Lazio apprende dagli organi di stampa che l’11 maggio si è riunito in Regione un tavolo tecnico che ha visto tra i partecipanti il segretario di una organizzazione sindacale rappresentativa dei medici specialisti ambulatoriali. Un solo sindacato. Chiediamo pertanto all’Assessore alla Sanità del Lazio se il rappresentante di questa organizzazione sindacale ha partecipato ai lavori del tavolo tecnico nella sua qualità di segretario della stessa oppure di presidente pro tempore dell’Ordine dei Medici di Roma e Provincia.

LEGGI ANCHE: SPECIALISTICA, MAGI (SUMAI): «IL 25 MAGGIO CONTIAMO DI RIAPRIRE GLI AMBULATORI»

La partecipazione come presidente pro tempore dell’Ordine è atto dovuto in veste istituzionale almeno finché si ricopre questa carica che è su base elettiva.

La partecipazione invece in qualità di segretario di un sindacato fa sorgere alcuni quesiti.

Perché non sono state invitate le altre organizzazioni sindacali firmatarie dell’Accordo Collettivo Nazionale della Specialistica?

Perché, visto che apprendiamo che si è ipotizzata la riapertura il prossimo 25 maggio delle attività ambulatoriali territoriali e ospedaliere, non sono state invitate, almeno in questa occasione, le organizzazioni sindacali della dirigenza medica firmatarie del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro?

È stata definita anche la contestuale ripresa della attività intramoenia bloccata anche questa in corso di emergenza Covid?

Perché nonostante ripetute sollecitazioni formali, datate sin da ottobre 2019, l’assessorato alla sanità del Lazio continua a privilegiare il confronto sempre ed esclusivamente con un’unica organizzazione sindacale che è pur vero essere maggioritaria nella specialistica ambulatoriale ma non rappresenta i dirigenti medici dipendenti?

Perché anche questa volta noi della Cisl Medici siamo sicuri di vincere scommettendo che non riceveremo risposte concrete ma al più una stizzita dichiarazione che il confronto c’è (c’è stato e ci sarà sempre ma esclusivamente con i soliti noti)?

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Soldi ai medici e ai dirigenti sanitari definiti eroi? Ma quando mai»
di Luciano Cifaldi (segretario della Cisl Medici Lazio) e Benedetto Magliozzi (segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti)
di Luciano Cifaldi (segretario Cisl Medici Lazio) & Benedetto Magliozzi (segretario Cisl Medici Roma/Rieti)
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Covid-19, perché la letalità è così alta in Italia (specialmente per gli anziani)? Intervista all’esperto
Le risposte del dott. Nicola Buonaiuto, specialista ambulatoriale e Geriatria, delegato Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer
Medici bersagli di studi legali, l’avvocato Spangaro: «Drastico calo della deontologia»
L'avvocato fiduciario di Cisl Medici Lazio: «Ci sono troppi legali e non c'è lavoro per tutti, quindi prendono in giro i malati»
di Vanessa Seffer
Asl Roma 2, i dirigenti sanitari vicini allo sciopero per il taglio dei 10 minuti di pausa
Magliozzi (Cisl Medici Roma Capitale/Rieti): «Sono 5 anni che lottiamo con i colleghi del Sant'Eugenio, ora si sono uniti quelli del Pertini» 
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...