Contributi e Opinioni 21 Marzo 2022 15:37

“Se il futuro è una minaccia”. Come reagiremo alla guerra?

di Maria Silvana Patti, membro del Comitato scientifico della Casa della Psicologia dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia

di Maria Silvana Patti, membro del Comitato scientifico della Casa della Psicologia dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia
“Se il futuro è una minaccia”. Come reagiremo alla guerra?

L’orrore della guerra in Ucraina, che ripropone l’orrore di qualsiasi guerra, e che ci sveglia dal torpore dell’indifferenza verso altri conflitti passati e ancora presenti nel mondo, scardina le nostre illusioni di essere al riparo, da questa parte del mondo, da simili accadimenti, facendo vacillare quella fiducia nel futuro che si stava ricominciando a costruire dopo due anni di pandemia.

La situazione attuale è indubbiamente traumatizzante: gli avvenimenti suscitano, infatti, emozioni soverchianti, inducendo un assetto di sopravvivenza, in cui non c’è spazio per altro che non sia la difesa della minaccia, con tutto ciò che questo comporta per chi è direttamente esposto e profondamente toccato dalla devastazione e dal dolore e, in tono minore, per chi ne subisce l’impatto in modo vicario, attraverso l’esposizione mediatica, con l’innescarsi, a seconda dei casi, di una mobilizzazione empatica, di una spinta a fare qualcosa, di una presa di distanza evitante e dissociata,  di stati confusivi, di un vero e proprio blocco, figlio dell’impotenza e della paura.

Tutto ciò induce a riflettere sugli effetti del susseguirsi di eventi drammatici e violenti sulla salute psicologica di bambini e adolescenti.

Sappiamo bene, infatti, che, pur con le dovute differenze relative all’età, la neroplasticità cerebrale, cioè la possibilità del cervello di cambiare a seconda delle esperienze, è massima in infanzia e in adolescenza, rappresentando senz’altro una grande opportunità evolutiva,  ma anche un rischio, nei termini in cui lo sviluppo tende verso derive patologiche, se le esperienze vissute sono genericamente sfavorevoli (sfiducianti, ansiogene, deprivanti, mortificanti ecc.) e/o francamente traumatiche.

Le derive psicopatologiche, di cui sopra, possono comprendere disturbi dell’umore, disturbi d’ansia, sindromi da stress post-traumatico, l’aumento di fobie, come, ad esempio la fobia scolastica, disturbi da dipendenza di sostanze e del comportamento alimentare, tendenze al ritiro sociale, con rinunce pervasive alla relazionalità.

Tutte queste manifestazioni psicopatologiche, che emergono dalle distorsioni del processo evolutivo, hanno in comune la dis-regolazione emotiva, la mancanza di fiducia nelle altre persone, la sensazione di non avere efficacia sulle proprie emozioni e, in generale, sulla propria esistenza.

Quanto detto è, inoltre, fortemente esacerbato dalla perdita di una certa routinarietà: una delle conseguenze più evidenti di eventi cumulativi tragici e imprevisti, è l’alterazione dei ritmi della quotidianità, di cui tutti gli esseri umani hanno bisogno: è a partire da questa illusoria prevedibilità, infatti, che riusciamo a spingerci al di là delle nostre zone di comfort, il tanto che basta per apprendere qualcosa di nuovo su noi stessi e sul mondo, per poi ritornare alla tranquillizzante abitudinarietà, che ci ricarica per intraprendere, in una sorta di circolo virtuoso, ancora nuove vie.

In questo senso, ogni sconvolgimento duraturo di questi ritmi crea danni importanti alla capacità di concentrazione, alla creatività, alla possibilità di giocare e di stare con gli altri: i fondamenti di una vita piena, soddisfacente e orientata al proprio progetto nel futuro.

A fronte di ciò, il compito dei genitori, degli insegnanti, delle figure di cura, degli adulti in generale, si rivela, nell’attualità, molto arduo: sono, infatti, chiamati a proteggere i bambini e i ragazzi, garantendo loro quella ‘base sicura’, dalla quale esplorare e iniziare a costruire la loro capacità di dare senso alla propria esistenza nel mondo, trovandosi essi stessi in balìa dell’ansia, della paura e della sfiducia nella possibilità di un avvenire migliore.

Gli adulti fanno fatica ad esercitare il proprio ruolo rassicurante, contenente e di accompagnamento alla crescita di bambini e ragazzi, perché, a loro volta, in preda alla paura, a vissuti depressivi e all’angoscia di dover fronteggiare un trauma (diretto o vicario) in corso.

Quali le vie percorribili? Una cosa è certa: è necessario il supporto, l’aiuto degli altri, il confronto, il sostegno professionale per poter ripristinare un minimo senso di sicurezza interno, che non è funzionale a negare la realtà, ma a creare – semmai – le condizioni per affrontarla e leggerla, fornendo a bambini e adolescenti, con le dovute differenze tra le fasce evolutive, gli strumenti per includere nella loro visione delle cose e nel loro modo di ‘sentire’, la fragilità, l’incertezza, i conflitti emotivi, di opinione e relazionali, imparando a contrattare – per crescere-  con sé stessi e con gli altri.

Tutto ciò è molto importante soprattutto in un momento storico come questo in cui il futuro, come dice Benasayag, non è più una promessa ma una minaccia e, quindi, con probabilità di traumatizzazione molto elevate, implicanti dinamiche di sopravvivenza, che defraudano dei ritmi, della quotidianità, della creatività, delle relazioni, della bellezza, riducendo gli esseri umani a cose e “le cose, come si sa, non amano “(P. Freire).

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali