Contributi e Opinioni 20 Luglio 2021 11:28

Ritardo del medico nell’attivazione, il punto della Cassazione

Una sentenza della Cassazione fa il punto sul nesso eziologico tra il ritardo del medico e il danno subito dal paziente

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Ritardo del medico nell’attivazione, il punto della Cassazione

Lo scorso 17 aprile 2020 la Sezione Quarta Penale della Corte di Cassazione ha stabilito alcuni criteri fondamentali di valutazione in relazione al nesso eziologico tra la mancata attivazione o ritardo del medico e il danno subito dal paziente. La Sentenza n.12353 ha infatti stabilito che per condannare penalmente un medico per omicidio colposo dovuto ad una ritardata o mancata attivazione è necessaria una prova logica di tipo controfattuale, e non la mera probabilità statistica.

Il fatto

La vicenda vede come protagonista un medico di guardia, presso l’Unità Operativa di Neurochirurgia di un determinato Ospedale Civico. All’arrivo di una paziente in gravi condizioni, affetta da idrocefalo triventricolare, ossia da un incremento di liquidi in alcune cavità cerebrali, problematica attestata da una TAC eseguita qualche ora prima, il medico non interviene tempestivamente, facendo fuoriuscire il liquido per ridurre la pressione intracranica. La paziente muore entro breve tempo, per un peggioramento sempre più intenso delle proprie condizioni di salute.

La sentenza di primo grado

I giudici di primo grado condannano il medico di guardia, dichiarandolo responsabile di omicidio colposo. Il ritardo del medico, la sua non tempestiva attivazione volta a ridurre la pressione intracranica della paziente, avrebbe contribuito a determinarne un progressivo peggioramento, sino al decesso. Si ravvisa, cioè, un nesso causale diretto tra la mancata attivazione e il danno al paziente.

La decisione della Corte di appello

Gli aspetti più controversi del giudizio di merito emergono con la sentenza di appello. Viene infatti in tale occasione nominato – al fine di chiarire ed accertare il nesso eziologico posto dal primo grado – un collegio di periti. Il parere peritale fa emergere un dato probabilistico importante. Dall’esame degli esiti della TAC risultava sì la necessità di un intervento immediato da parte del medico anche se, eseguita l’operazione, all’80-90% la paziente non si sarebbe comunque salvata. Come si evince facilmente, il nesso causale diretto tra il mancato intervento e il decesso della paziente sembrerebbe venir meno. Ciononostante, al medico di guardia viene confermata la condanna per omicidio colposo.

Il parere della Cassazione

Riportiamo direttamente quanto scritto nella sentenza della Sezione Quarta Penale della Cassazione: “I giudici di merito hanno […] preteso di desumere dalla condotta colposa del [medico] la responsabilità del decesso della [paziente], senza esaminare con rigore la configurabilità del nesso condizionante fra l’omissione addebitata e l’evento morte […]”. In altre parole, è stato trascurato un principio fondamentale della teoria della causalità, così come viene accolta dal nostro codice. Si tratta del cosiddetto “giudizio di tipo controfattuale”. Ciò che si sarebbero dovuti chiedere in appello è: si sarebbe verificato il decesso se il ritardo del medico, la sua mancata attivazione, venisse eliminato dal processo causale? Inoltre anche il quadro clinico della paziente pare rafforzare la validità del controfattuale. Le condizioni della paziente risultano infatti non variare dal momento della TAC sino a sera, quando viene eseguita una Risonanza Magnetica.

Conclusioni

La conclusione di principio che emerge da quanto stabilito in sentenza dalla Corte di Cassazione è che non è affatto sufficiente constatare la colpa del medico – ritardo o mancata attivazione che sia – per procedere alla condanna. Occorre piuttosto verificare controfattualmente che l’azione omessa dal sanitario avrebbe realmente cambiato la sorte della paziente.

Da tutto ciò è possibile trarre una importante lezione: affidarsi ad un buon team di difesa penale – magari approfittando delle soluzioni di tutela legale che il mercato assicurativo ci offre – può risultare determinante nel chiudere in tempi brevi e in modo soddisfacente pendenze giudiziarie lunghe ed onerose. Nel caso in questione, la sentenza di primo grado è stata ribaltata in Cassazione dopo quasi dieci anni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il contagio da Sars-CoV-2 è malattia o infortunio? ANIA: «Il Covid-19 non è coperto dalle polizze private»
Interpellata da Sanità Informazione, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici spiega perché le assicurazioni private considerano il contagio da Covid-19 malattia e non infortunio
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Operatori sanitari contagiati dal Covid-19, a chi spetta l’indennizzo e a chi no? Risponde l’esperto
L’avvocato Francesco Cecconi dello Studio Legale FCA parla di «intollerabile disparità di trattamento tra gli operatori sanitari dipendenti e i libero professionisti»
Dalle Case di Comunità 4.0 all’indagine su italiani e professionisti sanitari, le attività della Fondazione Italia in Salute
La Fondazione presieduta da Federico Gelli sta lavorando all’aggiornamento del manuale sulla legge 24/17 sulla responsabilità professionale. Il terzo “Quaderno” della collana sarà dedicato al tema dell’innovazione digitale in sanità
L’assicurazione si sfila e quella dell’Azienda è in liquidazione. Medico deve pagare oltre 100mila euro
La storia surreale di un professionista sanitario a cui ogni mese vengono sottratti 730 euro dalla busta paga. «Non sapevo che l’Azienda non avesse copertura assicurativa, mentre la mia ha trovato un cavillo e non ha pagato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva