Contributi e Opinioni 20 Luglio 2021 11:28

Ritardo del medico nell’attivazione, il punto della Cassazione

Una sentenza della Cassazione fa il punto sul nesso eziologico tra il ritardo del medico e il danno subito dal paziente

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Ritardo del medico nell’attivazione, il punto della Cassazione

Lo scorso 17 aprile 2020 la Sezione Quarta Penale della Corte di Cassazione ha stabilito alcuni criteri fondamentali di valutazione in relazione al nesso eziologico tra la mancata attivazione o ritardo del medico e il danno subito dal paziente. La Sentenza n.12353 ha infatti stabilito che per condannare penalmente un medico per omicidio colposo dovuto ad una ritardata o mancata attivazione è necessaria una prova logica di tipo controfattuale, e non la mera probabilità statistica.

Il fatto

La vicenda vede come protagonista un medico di guardia, presso l’Unità Operativa di Neurochirurgia di un determinato Ospedale Civico. All’arrivo di una paziente in gravi condizioni, affetta da idrocefalo triventricolare, ossia da un incremento di liquidi in alcune cavità cerebrali, problematica attestata da una TAC eseguita qualche ora prima, il medico non interviene tempestivamente, facendo fuoriuscire il liquido per ridurre la pressione intracranica. La paziente muore entro breve tempo, per un peggioramento sempre più intenso delle proprie condizioni di salute.

La sentenza di primo grado

I giudici di primo grado condannano il medico di guardia, dichiarandolo responsabile di omicidio colposo. Il ritardo del medico, la sua non tempestiva attivazione volta a ridurre la pressione intracranica della paziente, avrebbe contribuito a determinarne un progressivo peggioramento, sino al decesso. Si ravvisa, cioè, un nesso causale diretto tra la mancata attivazione e il danno al paziente.

La decisione della Corte di appello

Gli aspetti più controversi del giudizio di merito emergono con la sentenza di appello. Viene infatti in tale occasione nominato – al fine di chiarire ed accertare il nesso eziologico posto dal primo grado – un collegio di periti. Il parere peritale fa emergere un dato probabilistico importante. Dall’esame degli esiti della TAC risultava sì la necessità di un intervento immediato da parte del medico anche se, eseguita l’operazione, all’80-90% la paziente non si sarebbe comunque salvata. Come si evince facilmente, il nesso causale diretto tra il mancato intervento e il decesso della paziente sembrerebbe venir meno. Ciononostante, al medico di guardia viene confermata la condanna per omicidio colposo.

Il parere della Cassazione

Riportiamo direttamente quanto scritto nella sentenza della Sezione Quarta Penale della Cassazione: “I giudici di merito hanno […] preteso di desumere dalla condotta colposa del [medico] la responsabilità del decesso della [paziente], senza esaminare con rigore la configurabilità del nesso condizionante fra l’omissione addebitata e l’evento morte […]”. In altre parole, è stato trascurato un principio fondamentale della teoria della causalità, così come viene accolta dal nostro codice. Si tratta del cosiddetto “giudizio di tipo controfattuale”. Ciò che si sarebbero dovuti chiedere in appello è: si sarebbe verificato il decesso se il ritardo del medico, la sua mancata attivazione, venisse eliminato dal processo causale? Inoltre anche il quadro clinico della paziente pare rafforzare la validità del controfattuale. Le condizioni della paziente risultano infatti non variare dal momento della TAC sino a sera, quando viene eseguita una Risonanza Magnetica.

Conclusioni

La conclusione di principio che emerge da quanto stabilito in sentenza dalla Corte di Cassazione è che non è affatto sufficiente constatare la colpa del medico – ritardo o mancata attivazione che sia – per procedere alla condanna. Occorre piuttosto verificare controfattualmente che l’azione omessa dal sanitario avrebbe realmente cambiato la sorte della paziente.

Da tutto ciò è possibile trarre una importante lezione: affidarsi ad un buon team di difesa penale – magari approfittando delle soluzioni di tutela legale che il mercato assicurativo ci offre – può risultare determinante nel chiudere in tempi brevi e in modo soddisfacente pendenze giudiziarie lunghe ed onerose. Nel caso in questione, la sentenza di primo grado è stata ribaltata in Cassazione dopo quasi dieci anni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nascita indesiderata e responsabilità medica
Quando si ha responsabilità medica in una nascita indesiderata? Cosa sostiene la Cassazione in una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
La responsabilità del medico specialista
Ci occupiamo di un caso di responsabilità del medico specialista. Per la Cassazione questi non può considerarsi un mero esecutore
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Violazione del segreto professionale del medico
Violazione del segreto professionale del medico. Cosa si rischia e come viene gestito dalle coperture assicurative di RC professionale
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi