Contributi e Opinioni 30 Maggio 2021 11:59

Perché non introdurre un’ora settimanale di educazione alla salute nelle scuole?

Di Annika Barone, studentessa in Odontoiatria e Protesi dentaria

di Annika Barone, studentessa in Odontoiatria e Protesi dentaria
Perché non introdurre un’ora settimanale di educazione alla salute nelle scuole?

Perché non inserire un’ora settimanale di educazione alla salute/prevenzione nelle scuole? La proposta nasce dalle esigenze che abbiamo avuto in questi ultimi anni di adottare comportamenti virtuosi a carattere preventivo, al fine di contenere la diffusione del Covid-19. La pandemia ha fatto sì che semplici comportamenti della vita quotidiana, come il corretto e frequente lavaggio delle mani, risultino fondamentali.

È importante divulgare in modo semplice ma scientifico tutte le informazioni utili per incrementare il benessere psico-fisico del bambino/ragazzo in crescita. Per questo penso che sia necessario dare una formazione a partire dalla scuola materna fino alla secondaria di secondo grado, e tale opportunità ce la dà la legge del 28 marzo 2003 n.53 e in particolare il decreto legislativo n.59 del 19 feb 2004 (attuativo per le scuole di infanzia e primo ciclo), che hanno conferito nuovi strumenti di flessibilità in termini di piani di offerta formativa alle scuole (i cosiddetti POF da programmarsi annualmente grazie all’autonomia scolastica).

Per la mia esperienza (da studentessa all’ultimo anno di laurea magistrale in Odontoiatria e Protesi dentaria), mi piacerebbe che in tali offerte formative rientrasse anche la prevenzione odontoiatrica che ritengo sia un’esigenza primaria per assicurare il benessere a 360° del bambino in crescita. Inoltre, sensibilizzare e informare nella scuola significa non avere barriere sociali perché si possono intercettare anche le fasce deboli che difficilmente si recano dal dentista. Parlare di prevenzione odontoiatrica e in particolare della prevenzione delle carie, significa anche parlare di educazione alimentare e di educazione allo sport (il consumo frequente di zuccheri-carboidrati è associato a un maggiore sviluppo di carie), e in questo senso non posso non ricordare che in Campania, Regione in cui vivo, circa il 40% dei bambini è in sovrappeso, mentre la metà di questi è obeso. L’obesità infantile deve essere necessariamente combattuta con un corretto stile di vita, con lo sport e un’alimentazione sana ed equilibrata.

La frequenza con cui i carboidrati vengono assunti, più che la dose complessivamente assunta, sembra essere l’elemento più importante nella genesi della carie.

Le linee guida ministeriali ci dicono che il problema carie è ancora pressante nei bambini italiani: è emersa, infatti, una prevalenza di circa il 22% di patologia a 4 anni e di circa il 44% a 12 anni. In Italia, la quasi totale assenza sul territorio di Servizi Odontoiatrici di Comunità rende ancora più difficile l’attuazione di programmi di prevenzione puntuali ed efficaci.

Le scuole si dovrebbero avvalere di figure inserite professionalmente nell’ambito sanitario per fare formazione sia ai ragazzi/bambini che ai loro genitori quando possibile, con la sinergia delle ASL di competenza e il comune.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»
Il decreto fisco-lavoro è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. La FNO TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro «esprimono sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica»
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani
Recenti ricerche universitarie mostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?