Contributi e Opinioni 30 Maggio 2021 11:59

Perché non introdurre un’ora settimanale di educazione alla salute nelle scuole?

Di Annika Barone, studentessa in Odontoiatria e Protesi dentaria

di Annika Barone, studentessa in Odontoiatria e Protesi dentaria
Perché non introdurre un’ora settimanale di educazione alla salute nelle scuole?

Perché non inserire un’ora settimanale di educazione alla salute/prevenzione nelle scuole? La proposta nasce dalle esigenze che abbiamo avuto in questi ultimi anni di adottare comportamenti virtuosi a carattere preventivo, al fine di contenere la diffusione del Covid-19. La pandemia ha fatto sì che semplici comportamenti della vita quotidiana, come il corretto e frequente lavaggio delle mani, risultino fondamentali.

È importante divulgare in modo semplice ma scientifico tutte le informazioni utili per incrementare il benessere psico-fisico del bambino/ragazzo in crescita. Per questo penso che sia necessario dare una formazione a partire dalla scuola materna fino alla secondaria di secondo grado, e tale opportunità ce la dà la legge del 28 marzo 2003 n.53 e in particolare il decreto legislativo n.59 del 19 feb 2004 (attuativo per le scuole di infanzia e primo ciclo), che hanno conferito nuovi strumenti di flessibilità in termini di piani di offerta formativa alle scuole (i cosiddetti POF da programmarsi annualmente grazie all’autonomia scolastica).

Per la mia esperienza (da studentessa all’ultimo anno di laurea magistrale in Odontoiatria e Protesi dentaria), mi piacerebbe che in tali offerte formative rientrasse anche la prevenzione odontoiatrica che ritengo sia un’esigenza primaria per assicurare il benessere a 360° del bambino in crescita. Inoltre, sensibilizzare e informare nella scuola significa non avere barriere sociali perché si possono intercettare anche le fasce deboli che difficilmente si recano dal dentista. Parlare di prevenzione odontoiatrica e in particolare della prevenzione delle carie, significa anche parlare di educazione alimentare e di educazione allo sport (il consumo frequente di zuccheri-carboidrati è associato a un maggiore sviluppo di carie), e in questo senso non posso non ricordare che in Campania, Regione in cui vivo, circa il 40% dei bambini è in sovrappeso, mentre la metà di questi è obeso. L’obesità infantile deve essere necessariamente combattuta con un corretto stile di vita, con lo sport e un’alimentazione sana ed equilibrata.

La frequenza con cui i carboidrati vengono assunti, più che la dose complessivamente assunta, sembra essere l’elemento più importante nella genesi della carie.

Le linee guida ministeriali ci dicono che il problema carie è ancora pressante nei bambini italiani: è emersa, infatti, una prevalenza di circa il 22% di patologia a 4 anni e di circa il 44% a 12 anni. In Italia, la quasi totale assenza sul territorio di Servizi Odontoiatrici di Comunità rende ancora più difficile l’attuazione di programmi di prevenzione puntuali ed efficaci.

Le scuole si dovrebbero avvalere di figure inserite professionalmente nell’ambito sanitario per fare formazione sia ai ragazzi/bambini che ai loro genitori quando possibile, con la sinergia delle ASL di competenza e il comune.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quando il viaggio è terapia: guida rapida per aumentare i benefici e gestire gli imprevisti
Aumenta le endorfine e abbassa il cortisolo. Ma le aspettative troppo alte e una mancata predisposizione potrebbero vanificare i vantaggi
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
A Padova il nuovo centro regionale per la terapia cellulare del diabete
Investiti da Regione Veneto un milione e 296 mila euro. Il centro unico nel nord est permette di eseguire su pazienti affetti da diabete di tipo 1 il trapianto di insule pancreatiche in modo da rimpiazzare le cellule distrutte dal sistema immunitario e riavviare la produzione di insulina
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...