Contributi e Opinioni 17 Dicembre 2019 11:59

«Neanche quest’anno Babbo Natale ci porta una legge contro le aggressioni a medici e infermieri»

«Mancano pochi giorni a Natale ma anche quest’anno Santa Claus non ci porterà in dono una legge che possa tutelare i medici e gli infermieri dalle aggressioni dando la certezza delle pene ed aggravando le stesse in maniera da avere almeno questo elemento come deterrente». È un comunicato dell’ufficio stampa della Cisl Medici Lazio ad […]

«Mancano pochi giorni a Natale ma anche quest’anno Santa Claus non ci porterà in dono una legge che possa tutelare i medici e gli infermieri dalle aggressioni dando la certezza delle pene ed aggravando le stesse in maniera da avere almeno questo elemento come deterrente».

È un comunicato dell’ufficio stampa della Cisl Medici Lazio ad elencare gli ultimi casi di violenza registrati in ospedali e strutture sanitarie di tutta Italia: «Nella notte tra il 14 ed il 15 dicembre un medico in servizio al Pronto soccorso dell’ospedale di Crotone è stato vittima di un’aggressione da parte di un uomo che pretendeva di vedere immediatamente misurata la pressione scavalcando le procedure di triage e i pazienti in attesa. È prontamente intervenuta la vigilanza giurata per allontanare il soggetto e subito dopo la pattuglia dei Carabinieri che ha denunciato l’uomo per interruzione di pubblico servizio e aggressione a pubblico ufficiale. Per il medico una prognosi di quindici giorni».

«Lunedì 9 dicembre – continua la nota – una infermiera era stata accoltellata da un paziente abituale presso il reparto del Centro di Salute Mentale di San Vito al Tagliamento in provincia di Pordenone. L’uomo, mentre era in attesa del suo turno, si è improvvisamente scagliato contro l’operatrice sanitaria ferendola gravemente all’emitorace sinistro con un coltello che si era portato da casa. È stato arrestato per tentato omicidio».

«L’Italia è unita in queste violenze da Nord a Sud – dichiarano Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario generale della Cisl Medici Roma Captale/Rieti, che da tempo denunciano una situazione ormai insostenibile -. Ormai le violenze a danno degli operatori sanitari non fanno più notizia e temiamo fortemente il momento in cui  l’esito di una aggressione finirà in prima pagina. Medici e sanitari del pronto soccorso sono ormai costretti a lavorare in un clima di guerra».

«Queste azioni devono essere represse con decisione visto che sembra impossibile prevenirle. Basta con l’ipocrisia del buonismo e della comprensione», conclude il sindacato.

LEGGI ANCHE: SICUREZZA OPERATORI SANITARI, APPROVATO IN SENATO IL DDL ANTI-AGGRESSIONI

Articoli correlati
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
Napoli, ancora violenza al Cardarelli. Il direttore del PS: «Aggressioni si ripercuotono sull’assistenza ai pazienti»
«A seguito del decesso di una paziente, otto familiari hanno aggredito con particolare veemenza il personale in servizio costretto a rifugiarsi nelle stanze e ad interrompere momentaneamente la normale attività»
Medici pensionati, Cisl medici Lazio: «È inaccettabile affrontare emergenze in carenza di personale»
di Luciano Cifaldi e Benedetto Magliozzi
di Luciano Cifaldi e Benedetto Magliozzi
Lazio, firmato accordo per il rafforzamento del servizio sanitario regionale e il potenziamento del capitale umano
«Tra i punti dell’accordo - dichiara Luciano Cifaldi, firmatario dell’accordo per la Cisl Medici - la proroga al 31 dicembre dei contratti in scadenza e la piena corresponsione ai lavoratori di quanto concordato con l’accordo relativo alla premialità Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM