Contributi e Opinioni 17 Dicembre 2019

«Neanche quest’anno Babbo Natale ci porta una legge contro le aggressioni a medici e infermieri»

«Mancano pochi giorni a Natale ma anche quest’anno Santa Claus non ci porterà in dono una legge che possa tutelare i medici e gli infermieri dalle aggressioni dando la certezza delle pene ed aggravando le stesse in maniera da avere almeno questo elemento come deterrente». È un comunicato dell’ufficio stampa della Cisl Medici Lazio ad […]

«Mancano pochi giorni a Natale ma anche quest’anno Santa Claus non ci porterà in dono una legge che possa tutelare i medici e gli infermieri dalle aggressioni dando la certezza delle pene ed aggravando le stesse in maniera da avere almeno questo elemento come deterrente».

È un comunicato dell’ufficio stampa della Cisl Medici Lazio ad elencare gli ultimi casi di violenza registrati in ospedali e strutture sanitarie di tutta Italia: «Nella notte tra il 14 ed il 15 dicembre un medico in servizio al Pronto soccorso dell’ospedale di Crotone è stato vittima di un’aggressione da parte di un uomo che pretendeva di vedere immediatamente misurata la pressione scavalcando le procedure di triage e i pazienti in attesa. È prontamente intervenuta la vigilanza giurata per allontanare il soggetto e subito dopo la pattuglia dei Carabinieri che ha denunciato l’uomo per interruzione di pubblico servizio e aggressione a pubblico ufficiale. Per il medico una prognosi di quindici giorni».

«Lunedì 9 dicembre – continua la nota – una infermiera era stata accoltellata da un paziente abituale presso il reparto del Centro di Salute Mentale di San Vito al Tagliamento in provincia di Pordenone. L’uomo, mentre era in attesa del suo turno, si è improvvisamente scagliato contro l’operatrice sanitaria ferendola gravemente all’emitorace sinistro con un coltello che si era portato da casa. È stato arrestato per tentato omicidio».

«L’Italia è unita in queste violenze da Nord a Sud – dichiarano Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario generale della Cisl Medici Roma Captale/Rieti, che da tempo denunciano una situazione ormai insostenibile -. Ormai le violenze a danno degli operatori sanitari non fanno più notizia e temiamo fortemente il momento in cui  l’esito di una aggressione finirà in prima pagina. Medici e sanitari del pronto soccorso sono ormai costretti a lavorare in un clima di guerra».

«Queste azioni devono essere represse con decisione visto che sembra impossibile prevenirle. Basta con l’ipocrisia del buonismo e della comprensione», conclude il sindacato.

LEGGI ANCHE: SICUREZZA OPERATORI SANITARI, APPROVATO IN SENATO IL DDL ANTI-AGGRESSIONI

Articoli correlati
«Soldi ai medici e ai dirigenti sanitari definiti eroi? Ma quando mai»
di Luciano Cifaldi (segretario della Cisl Medici Lazio) e Benedetto Magliozzi (segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti)
di Luciano Cifaldi (segretario Cisl Medici Lazio) & Benedetto Magliozzi (segretario Cisl Medici Roma/Rieti)
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Dottoressa aggredita con mozzarelle, Fnomceo: «La legge non è sufficiente»
Familiare di un paziente lamentava attesa lunga e ha scagliato contenitore di mozzarelle contro il medico, solidarietà dal presidente Anelli. Scotti (presidente OdM Napoli): «Temo per ottobre, pandemia e crisi sociale potrebbero fare del medico un capro espiatorio»
Covid-19, perché la letalità è così alta in Italia (specialmente per gli anziani)? Intervista all’esperto
Le risposte del dott. Nicola Buonaiuto, specialista ambulatoriale e Geriatria, delegato Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer
Medici bersagli di studi legali, l’avvocato Spangaro: «Drastico calo della deontologia»
L'avvocato fiduciario di Cisl Medici Lazio: «Ci sono troppi legali e non c'è lavoro per tutti, quindi prendono in giro i malati»
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...