Contributi e Opinioni 18 Settembre 2017

Malaria e Chikungunya, ecco come sconfiggerle…

I recenti episodi di malaria,  Chikungunya e West Nile nel nostro paese hanno riproposto la necessità di contrastare la presenza di agenti vettori, zanzare in primis, al fine di prevenire l’insorgenza di episodi, epidemici e no, di patologie virali, batteriche e parassitarie da loro veicolate. Ma la lotta alle zanzare non è affatto semplice né […]

di Vitantonio Perrone – Vicepresidente SIMeVeP

I recenti episodi di malaria,  Chikungunya e West Nile nel nostro paese hanno riproposto la necessità di contrastare la presenza di agenti vettori, zanzare in primis, al fine di prevenire l’insorgenza di episodi, epidemici e no, di patologie virali, batteriche e parassitarie da loro veicolate.

Ma la lotta alle zanzare non è affatto semplice né può limitarsi a interventi di disinfestazione in ambito urbano che, se necessari all’insorgere delle epidemie, non possono risultare risolutivi e si deve ricorrere a interventi combinati in cui il contrasto sia rivolto soprattutto all’eliminazione delle zanzare allo stato larvale. La ricerca di metodi sempre più efficaci per la lotta alle zanzare è da tempo oggetto di studio e gli sforzi si sono moltiplicati con la comparsa della zanzara tigre (Aedes albopictus) che, anche grazie alla sottovalutazione alla sua comparsa a Genova nel 1990, ha reso il nostro è “the most heavily infested country in Europe”.

Le zanzare hanno circa 100 milioni di anni di evoluzione, vivono in ogni ambiente con una biodiversità molto evidente e dall’epoca della scoperta della connessione tra Anopheles e malaria hanno causato la morte di almeno 200 milioni di persone ma nessuna delle oltre 3.500 specie di zanzare è stata eliminata. L’emergenza (o la riemergenza) di zoonosi è da ascrivere alla combinazione di un insieme di cause tra le quali maggiore importanza rivestono i cambiamenti ambientali e climatici e la ricadute della globalizzazione. Diventa quindi sempre più importante il monitoraggio e il controllo dei vettori nonchè la formazione dei medici e dei veterinari anche su queste patologie tradizionalmente, ma ormai non più, confinate ai Paesi tropicali. Come detto non esiste una soluzione univoca, ma piuttosto una serie di procedure da utilizzare in maniera combinata per ottenere qualche risultato concreto e tra queste possiamo annoverare:

– gestione dell’ambiente, attraverso il controllo delle aree urbane ed extra-urbane che costituiscono ricettacolo dei Culicidi, coinvolgendo le comunità attraverso un corretto approccio educativo da parte delle autorità competenti;

– controllo genetico, con l’inserimento nell’ambiente di individui sterili;

– protezione personale della popolazione, con adeguate azioni educative e ambientali.

Uno dei cardini della lotta alle zanzare è costituito dal “controllo biologico integrato”, ovvero la riduzione ottenuta attraverso l’uso di loro predatori (invertebrati e vertebrati), parassiti, patogeni o tossine da microorganismi. I primi esperimenti in questo senso risalgono al 19° secolo con l’introduzione di predatori naturali come le libellule. Il controllo biologico mira a ridurre la popolazione di insetti fino a un livello accettabile, evitando contemporaneamente effetti avversi nei confronti dell’ecosistema e degli esseri umani. L’impiego del Bacillus thuringiensis israelensis (BTI) è molto efficace sulle larve di zanzara e innocuo per la fauna non bersaglio anche se si è dimostrato avere effetti negativi sul successo riproduttivo degli uccelli. È noto da tempo che i copepodi sono predatori importanti delle larve di zanzare e il loro uso nella lotta biologica si sta diffondendo anche in Italia. Recentemente è stata riscontrata l’efficacia come larvicida di un insetticida biologico, la spinosina A, che ha ottenuto risultati anche migliori rispetto a quelli del BTI. Metodologie genetiche per il contrasto di popolazioni di vettori sono ritenute valide alternative alle misure di controllo tradizionali a causa dei potenziali vantaggi in termini di efficienza e di selettività specifica, portando allo sviluppo di zanzare geneticamente modificate resistenti alla malaria.

Il controllo chimico con l’uso di insetticidi va perdendo progressivamente rilievo a causa di una crescente resistenza degli insetti e come prima  conseguenza è più utile indirizzare l’attenzione alla disponibilità degli habitat larvali (usando larvicidi) senza trascurare il controllo ambientale, piuttosto che semplicemente prendere di mira gli adulti (come avviene invece nell’approccio tradizionale con insetticidi). Per ultimo, ma non per importanza va ricordato il ruolo che possono svolgere i pipistrelli dato che loro colonie consistenti contribuiscono a ridurre sensibilmente il numero di zanzare (notturne ma anche diurne come la zanzara tigre) non solo perché ne consumano grandi quantità ma anche perché molte di esse evitano le aree dove percepiscono la loro presenza.

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati
Il più grande finanziamento start-up del biotech italiano: l’EU Malaria Fund finanzia AchilleS Vaccines
AchilleS Vaccines, scale-up italiana incubata presso Toscana Life Sciences, si aggiudica il finanziamento di ben tre progetti di ricerca sulla malaria e altre malattie infettive, e di uno relativo al Covid-19. Il polo di ricerca senese si conferma propulsore di innovazione in area life sciences e attrattore di investimenti
Latina, attivati i controlli per i casi di West Nile sui cavalli
Il virus della febbre del Nilo si trasmette di animale in animale principalmente tramite le zanzare. «In merito ai casi di West Nile a Cisterna di Latina riscontrati su tre cavalli sono immediatamente scattate le procedure del protocollo indicato dal Piano nazionale integrato di sorveglianza. La situazione è sotto controllo e costantemente monitorata dalla Asl […]
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Virus West Nile, parla l’esperto: «Erano 10 anni che non avevamo casi in Italia di questo virus»
Il Professor Massimo Galli, Presidente SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali) è intervenuto questa mattina nel corso del programma “Genetica Oggi” su Radio Cusano Campus in relazione ai casi di infezione da West Nile Virus.  «È da almeno 10 anni che non avevamo casi di West Nile nel nostro paese, capitò appunto nel 2008 con […]
Simit: «Occorre nuovo piano nazionale per combattere zanzare e zecche portatrici di malattie vettoriali»
In merito ai recenti casi di West Nile,  Chikungunya e Zika, il commento del Professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali. L’estate 2018 è iniziata con un aumento delle segnalazioni di punture di zecche. Nel bellunese i casi di infezioni da virus dell’encefalite da zecche riportati a luglio avevano superato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare