Contributi e Opinioni 1 Febbraio 2021 16:38

«L’obbligo formativo, sempre più attuale, sempre più rilevante»

di Avv. Marco Croce

di Avv. Marco Croce

L’obbligo formativo del professionista sanitario costituisce un vincolo normativo sin dall’istituzione della disciplina sull’ECM – Educazione Continua in Medicina.

Si è a lungo dibattuto circa le conseguenze dell’assenza di sanzioni direttamente ricollegate all’inadempimento dell’obbligo formativo.

È possibile, in proposito, fare qualche passo in avanti, in base alla progressiva introduzione degli elementi giuridici e amministrativi concernenti la configurazione dei contratti assicurativi dei professionisti sanitari, in conformità alle previsioni della legge n. 24 del 2017.

Proprio in relazione agli scenari correlati alle novità apportate dalla legge Gelli-Bianco, la vigenza e l’operatività dell’obbligo formativo risulta ulteriormente rafforzata.

Sebbene ogni obbligo di legge meriti di essere condiviso interiormente dai destinatari della norma per le sue finalità (in un’ottica, quindi, “teleologica”) la centralità dell’obbligo formativo per ogni operatore della salute si ricava oggi – tra l’altro – dalle implicazioni pratiche che un mancato aggiornamento professionale può determinare: non soltanto in ambito deontologico e disciplinare, ma anche in occasione dell’inauspicato coinvolgimento del professionista sanitario in una controversia promossa da un paziente che deduca di essere stato leso nella propria integrità psicofisica per malpractice.

Ebbene, in tale contesto, laddove un medico o altro professionista sanitario sia in grado di dimostrare che il proprio dossier formativo e il proprio aggiornamento professionale sono in linea con la disciplina sui crediti da conseguire in ciascun periodo e consentano di constatare la sua preparazione, nonché il suo costante ancoraggio ai mutamenti della “scienza ed esperienza” del tempo, sarà più agevole resistere alle pretese della parte attorea e, nel contempo, l’organo giudicante sarà più cauto nel valutare la sussistenza di una sua concreta imprudenza, negligenza o imperizia; del pari, nella medesima ipotesi sopra formulata, la compagnia assicuratrice del professionista sarà indotta a nutrire una maggiore solidarietà con il proprio assicurato.

Tutt’al contrario, l’assenza di evidenze circa il possesso di un adeguato bagaglio di conoscenze e di un percorso formativo comprovato in capo a una persona esercente un’attività sanitaria, nel contesto di una ipotetica controversia per responsabilità ai sensi della legge n. 24 del 2017, potrà generare uno squilibrio a vantaggio della persona offesa, contribuendo a rendere più complesso l’operato del difensore del sanitario medesimo.

Peraltro, amare la propria professione comporta il desiderio di conoscerla sempre di più e sempre meglio; ne discende un adempimento libero, consapevole e propositivo dello stesso obbligo formativo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La frequenza di un evento all’estero non accreditato in Italia dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»
Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
ECM, De Pascale (CoGeAPS): «2021 ultima chance per mettersi in regola con trienni formativi precedenti»
Il Presidente del Consorzio annuncia a Sanità Informazione che l’aggiornamento delle posizioni ECM di medici e professionisti sanitari è stato completato. E auspica la rapida approvazione dei decreti attuativi della legge Gelli: «Abbiamo aspettato abbastanza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 179.601.602 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.891.974 i decessi. Ad oggi, oltre 2,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM