Contributi e Opinioni 1 Febbraio 2021 16:38

«L’obbligo formativo, sempre più attuale, sempre più rilevante»

di Avv. Marco Croce

di Avv. Marco Croce

L’obbligo formativo del professionista sanitario costituisce un vincolo normativo sin dall’istituzione della disciplina sull’ECM – Educazione Continua in Medicina.

Si è a lungo dibattuto circa le conseguenze dell’assenza di sanzioni direttamente ricollegate all’inadempimento dell’obbligo formativo.

È possibile, in proposito, fare qualche passo in avanti, in base alla progressiva introduzione degli elementi giuridici e amministrativi concernenti la configurazione dei contratti assicurativi dei professionisti sanitari, in conformità alle previsioni della legge n. 24 del 2017.

Proprio in relazione agli scenari correlati alle novità apportate dalla legge Gelli-Bianco, la vigenza e l’operatività dell’obbligo formativo risulta ulteriormente rafforzata.

Sebbene ogni obbligo di legge meriti di essere condiviso interiormente dai destinatari della norma per le sue finalità (in un’ottica, quindi, “teleologica”) la centralità dell’obbligo formativo per ogni operatore della salute si ricava oggi – tra l’altro – dalle implicazioni pratiche che un mancato aggiornamento professionale può determinare: non soltanto in ambito deontologico e disciplinare, ma anche in occasione dell’inauspicato coinvolgimento del professionista sanitario in una controversia promossa da un paziente che deduca di essere stato leso nella propria integrità psicofisica per malpractice.

Ebbene, in tale contesto, laddove un medico o altro professionista sanitario sia in grado di dimostrare che il proprio dossier formativo e il proprio aggiornamento professionale sono in linea con la disciplina sui crediti da conseguire in ciascun periodo e consentano di constatare la sua preparazione, nonché il suo costante ancoraggio ai mutamenti della “scienza ed esperienza” del tempo, sarà più agevole resistere alle pretese della parte attorea e, nel contempo, l’organo giudicante sarà più cauto nel valutare la sussistenza di una sua concreta imprudenza, negligenza o imperizia; del pari, nella medesima ipotesi sopra formulata, la compagnia assicuratrice del professionista sarà indotta a nutrire una maggiore solidarietà con il proprio assicurato.

Tutt’al contrario, l’assenza di evidenze circa il possesso di un adeguato bagaglio di conoscenze e di un percorso formativo comprovato in capo a una persona esercente un’attività sanitaria, nel contesto di una ipotetica controversia per responsabilità ai sensi della legge n. 24 del 2017, potrà generare uno squilibrio a vantaggio della persona offesa, contribuendo a rendere più complesso l’operato del difensore del sanitario medesimo.

Peraltro, amare la propria professione comporta il desiderio di conoscerla sempre di più e sempre meglio; ne discende un adempimento libero, consapevole e propositivo dello stesso obbligo formativo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale