Contributi e Opinioni 6 Febbraio 2020

«Le Aziende si costituiscano parte civile contro le aggressioni»

Gentile Direttore, è di queste ore la notizia della aggressione al vice sindaco di Villa Latina, in provincia di Frosinone, colpita mentre stava partecipando ad un incontro in Comune con alcuni cittadini. Accompagnata al pronto soccorso di Cassino, le hanno riscontrato delle ecchimosi al volto ed un occhio tumefatto. L’autrice dell’aggressione risulta sia stata denunciata […]

di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

è di queste ore la notizia della aggressione al vice sindaco di Villa Latina, in provincia di Frosinone, colpita mentre stava partecipando ad un incontro in Comune con alcuni cittadini.

Accompagnata al pronto soccorso di Cassino, le hanno riscontrato delle ecchimosi al volto ed un occhio tumefatto.

L’autrice dell’aggressione risulta sia stata denunciata per lesioni e minacce.

Al vice sindaco, con un pizzico di triste ironia, la Cisl Medici Lazio da il benvenuto in un club ormai non più esclusivo, quello di chi ha subito aggressioni nell’espletamento del proprio dovere al pari di medici, infermieri, autisti dei mezzi pubblici, arbitri di calcio, agenti della polizia di stato.

Il comunicato emanato dal Sindaco per esprimere vicinanza e solidarietà alla consigliera aggredita fa riflettere. Differenziando le circostanze rimangono tuttavia chiari quei concetti, stupore e sensazione di impotenza, che possono essere applicati anche alla fenomenologia aggressiva verso gli operatori sanitari. Scrive infatti il sindaco che la sua vice è stata “vittima di un’aggressione ad opera di una cittadina, colpita con pugni e percosse tanto da dover ricorrere a cure mediche presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cassino”.

E prosegue come sia “comprensibile lo sconforto e lo stato di ansia provocato da un’azione sconsiderata e fuori luogo, sicuramente ingiustificata ed ingiusta nei confronti di chi si dedica alla causa pubblica con abnegazione e continuità. Tutto ciò assume forte rilevanza se si riconduce al clima di odio ed alle spaccature che si sono generate nel paese, che certamente non giovano ad un sereno svolgimento della vita amministrativa”.

LEGGI ANCHE: «SERVE UNA CAMPAGNA DI INFORMAZIONE PER FAR CONOSCERE AI CITTADINI I PREGI DEL NOSTRO SSN»

Come Cisl Medici Lazio, in attesa di registrare la prossima aggressione al personale medico ed infermieristico, ricordiamo come l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio aveva nell’agosto 2019 rappresentato l’ipotesi di un daspo urbano per chi compie atti reiterati di violenza ai danni degli operatori sanitari.

Il ripristino dei posti di pubblica sicurezza all’interno degli ospedali era stata la seconda valida proposta dell’assessore. Era agosto dell’anno scorso e le aggressioni sono continuate senza sosta.

Avere la certezza che l’Azienda Sanitaria e la Regione, ovvero i datori di lavoro degli operatori della sanità regionale, si costituiscono parte civile nel procedimento penale verso gli aggressori darebbe vigore al senso di appartenenza che ormai è da praticamente nullo.

Le chiediamo Assessore D’Amato, alla luce di quanto ormai noto all’opinione pubblica sulle aggressioni ai medici ed agli infermieri, se darà mai indicazioni alle aziende di costituirsi parte civile contro gli aggressori?

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Aggressioni in corsia, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Fondamentale che le Aziende si costituiscano parte civile al fianco dei medici»
Il Segretario del sindacato spiega quanto fatto fino ad ora per contrastare un fenomeno pericoloso e in aumento. E aggiunge: «Un bene che non ci venga riconosciuto lo status di pubblico ufficiale»
Ddl aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Possiamo ritenerci soddisfatti, accolte le nostre proposte»
«Ringraziamo quanti hanno creduto nella nostra battaglia di civiltà» scrivono in una nota Luciano Cifaldi, Segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti
«Serve una campagna di informazione per fare conoscere ai cittadini i pregi del nostro sistema sanitario»
Gentile Direttore, leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in […]
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio
La guerra a senso unico contro medici e infermieri
Gentile Direttore, auguri al nuovo prefetto di Napoli, dr. Marco Valentini che incontrando i giornalisti durante la conferenza stampa di insediamento ha dichiarato che è al vaglio l’implementazione delle misure di sicurezza sul fenomeno delle aggressioni ai medici e agli altri operatori della sanità. L’indimenticabile Renato Carosone cantava “Vuó’ ‘o cuppetto o vuó’ ‘o spumone? Chello ca costa ‘e cchiù“. […]
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Cisl Medici Lazio: «Nuova aggressione al Dea di Tivoli. Continueremo battaglia di civiltà»
«Senza giri di parole, senza bisogno di tentare ulteriori analisi del fenomeno. Ennesima aggressione presso il DEA di Tivoli». A denunciare l’accaduto è la Cisl Funzione Pubblica della Asl Roma 5 nella persona del segretario aziendale Dimitri Cecchinelli. «Solidarietà al lavoratore aggredito, vicinanza agli amici della Cisl FP e l’impegno a non mollare in questa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano