Contributi e Opinioni 6 Febbraio 2020

«Le Aziende si costituiscano parte civile contro le aggressioni»

Gentile Direttore, è di queste ore la notizia della aggressione al vice sindaco di Villa Latina, in provincia di Frosinone, colpita mentre stava partecipando ad un incontro in Comune con alcuni cittadini. Accompagnata al pronto soccorso di Cassino, le hanno riscontrato delle ecchimosi al volto ed un occhio tumefatto. L’autrice dell’aggressione risulta sia stata denunciata […]

di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

è di queste ore la notizia della aggressione al vice sindaco di Villa Latina, in provincia di Frosinone, colpita mentre stava partecipando ad un incontro in Comune con alcuni cittadini.

Accompagnata al pronto soccorso di Cassino, le hanno riscontrato delle ecchimosi al volto ed un occhio tumefatto.

L’autrice dell’aggressione risulta sia stata denunciata per lesioni e minacce.

Al vice sindaco, con un pizzico di triste ironia, la Cisl Medici Lazio da il benvenuto in un club ormai non più esclusivo, quello di chi ha subito aggressioni nell’espletamento del proprio dovere al pari di medici, infermieri, autisti dei mezzi pubblici, arbitri di calcio, agenti della polizia di stato.

Il comunicato emanato dal Sindaco per esprimere vicinanza e solidarietà alla consigliera aggredita fa riflettere. Differenziando le circostanze rimangono tuttavia chiari quei concetti, stupore e sensazione di impotenza, che possono essere applicati anche alla fenomenologia aggressiva verso gli operatori sanitari. Scrive infatti il sindaco che la sua vice è stata “vittima di un’aggressione ad opera di una cittadina, colpita con pugni e percosse tanto da dover ricorrere a cure mediche presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cassino”.

E prosegue come sia “comprensibile lo sconforto e lo stato di ansia provocato da un’azione sconsiderata e fuori luogo, sicuramente ingiustificata ed ingiusta nei confronti di chi si dedica alla causa pubblica con abnegazione e continuità. Tutto ciò assume forte rilevanza se si riconduce al clima di odio ed alle spaccature che si sono generate nel paese, che certamente non giovano ad un sereno svolgimento della vita amministrativa”.

LEGGI ANCHE: «SERVE UNA CAMPAGNA DI INFORMAZIONE PER FAR CONOSCERE AI CITTADINI I PREGI DEL NOSTRO SSN»

Come Cisl Medici Lazio, in attesa di registrare la prossima aggressione al personale medico ed infermieristico, ricordiamo come l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio aveva nell’agosto 2019 rappresentato l’ipotesi di un daspo urbano per chi compie atti reiterati di violenza ai danni degli operatori sanitari.

Il ripristino dei posti di pubblica sicurezza all’interno degli ospedali era stata la seconda valida proposta dell’assessore. Era agosto dell’anno scorso e le aggressioni sono continuate senza sosta.

Avere la certezza che l’Azienda Sanitaria e la Regione, ovvero i datori di lavoro degli operatori della sanità regionale, si costituiscono parte civile nel procedimento penale verso gli aggressori darebbe vigore al senso di appartenenza che ormai è da praticamente nullo.

Le chiediamo Assessore D’Amato, alla luce di quanto ormai noto all’opinione pubblica sulle aggressioni ai medici ed agli infermieri, se darà mai indicazioni alle aziende di costituirsi parte civile contro gli aggressori?

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Urgenti chiarimenti e rispetto obblighi di legge». Cisl Medici Lazio scrive lettera alla Regione Lazio
Luciano Cifaldi, segretario generale del sindacato Cisl Medici Lazio, richiede urgenti chiarimenti e l’invito ad ottemperare agli obblighi derivanti dal D.Lgs. 81/2008 comprensivi dell’atto di diffida  alla Regione Lazio. Di seguito, il testo. LEGGI LA LETTERA ALLA REGIONE «La Cisl medici Lazio – si legge nella lettera – chiede di verificare se presso tutte le […]
«Buona fortuna a tutti noi, medici e operatori sanitari»
Buona fortuna a tutti noi che continuiamo a stare in prima linea e non abbiamo più tempo per noi stessi e per i nostri cari, figuriamoci per vedere i meme sul telefonino
di Luciano Cifaldi, Segretario Cisl Medici Lazio
«Mancano mascherine FFP2 e FFP3». Cisl Medici Lazio diffida l’assessore alla Sanità e il Direttore regionale Salute
Il segretario generale Luciano Cifaldi: «Sia attentamente valutata l'opportunità di effettuare tamponi a tutti coloro che siano stati in contatto con pazienti Covid-19 positivi indipendentemente dal fatto che siano sintomatici o meno»
Coronavirus, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Subiamo le conseguenze di scellerati piani di rientro. Ora se ne accorgono tutti, poi si dovrà cambiare»
«Fino al 31/12/2019 gli economisti capeggiati dal MEF sostenevano che il DM70 era il Vangelo e che i letti di terapia intensiva ed infettivi erano sovrabbondanti rispetto ai bisogni»
Cisl Medici Lazio, Cifaldi: «Nominare Commissario ad acta temporaneo per emergenza coronavirus»
«La diffusione ogni giorno incrementale ed ubiquitaria della patologia collegata al coronavirus impone una seria riflessione su come la si sta affrontando nelle strutture sanitarie italiane. Sono giorni e giorni che abbiamo lanciato l’allarme che i posti letto nelle terapie intensive non sono sufficienti ed allora tutti, partendo dagli assessori competenti per finire al management delle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...