Contributi e Opinioni 6 Febbraio 2020

«Le Aziende si costituiscano parte civile contro le aggressioni»

Gentile Direttore, è di queste ore la notizia della aggressione al vice sindaco di Villa Latina, in provincia di Frosinone, colpita mentre stava partecipando ad un incontro in Comune con alcuni cittadini. Accompagnata al pronto soccorso di Cassino, le hanno riscontrato delle ecchimosi al volto ed un occhio tumefatto. L’autrice dell’aggressione risulta sia stata denunciata […]

di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

è di queste ore la notizia della aggressione al vice sindaco di Villa Latina, in provincia di Frosinone, colpita mentre stava partecipando ad un incontro in Comune con alcuni cittadini.

Accompagnata al pronto soccorso di Cassino, le hanno riscontrato delle ecchimosi al volto ed un occhio tumefatto.

L’autrice dell’aggressione risulta sia stata denunciata per lesioni e minacce.

Al vice sindaco, con un pizzico di triste ironia, la Cisl Medici Lazio da il benvenuto in un club ormai non più esclusivo, quello di chi ha subito aggressioni nell’espletamento del proprio dovere al pari di medici, infermieri, autisti dei mezzi pubblici, arbitri di calcio, agenti della polizia di stato.

Il comunicato emanato dal Sindaco per esprimere vicinanza e solidarietà alla consigliera aggredita fa riflettere. Differenziando le circostanze rimangono tuttavia chiari quei concetti, stupore e sensazione di impotenza, che possono essere applicati anche alla fenomenologia aggressiva verso gli operatori sanitari. Scrive infatti il sindaco che la sua vice è stata “vittima di un’aggressione ad opera di una cittadina, colpita con pugni e percosse tanto da dover ricorrere a cure mediche presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cassino”.

E prosegue come sia “comprensibile lo sconforto e lo stato di ansia provocato da un’azione sconsiderata e fuori luogo, sicuramente ingiustificata ed ingiusta nei confronti di chi si dedica alla causa pubblica con abnegazione e continuità. Tutto ciò assume forte rilevanza se si riconduce al clima di odio ed alle spaccature che si sono generate nel paese, che certamente non giovano ad un sereno svolgimento della vita amministrativa”.

LEGGI ANCHE: «SERVE UNA CAMPAGNA DI INFORMAZIONE PER FAR CONOSCERE AI CITTADINI I PREGI DEL NOSTRO SSN»

Come Cisl Medici Lazio, in attesa di registrare la prossima aggressione al personale medico ed infermieristico, ricordiamo come l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio aveva nell’agosto 2019 rappresentato l’ipotesi di un daspo urbano per chi compie atti reiterati di violenza ai danni degli operatori sanitari.

Il ripristino dei posti di pubblica sicurezza all’interno degli ospedali era stata la seconda valida proposta dell’assessore. Era agosto dell’anno scorso e le aggressioni sono continuate senza sosta.

Avere la certezza che l’Azienda Sanitaria e la Regione, ovvero i datori di lavoro degli operatori della sanità regionale, si costituiscono parte civile nel procedimento penale verso gli aggressori darebbe vigore al senso di appartenenza che ormai è da praticamente nullo.

Le chiediamo Assessore D’Amato, alla luce di quanto ormai noto all’opinione pubblica sulle aggressioni ai medici ed agli infermieri, se darà mai indicazioni alle aziende di costituirsi parte civile contro gli aggressori?

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ortopedia e ricerca, il futuro è nella Medicina Rigenerativa?
Il 10% degli over 65 soffre di artrosi. Causata dall’invecchiamento o dallo stress dovuto ad intensa attività sportiva, da microlesioni o fratture, ma anche dalla genetica, in questi ultimi anni si è affacciata una nuova possibilità per impedirne l’ulteriore deterioramento e favorire l’autorigenerazione dei tessuti. Parliamo della Medicina Rigenerativa, l’ultima frontiera terapeutica contro le malattie cronico-degenerative della […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
SSN e odontoiatria, Pergola (Cisl Medici Lazio): «Avvilente non poter dare la dentiera ad anziani con basso reddito»
«Nel pubblico è prevista un'esenzione completa per le cure e per le estrazioni, però quando si arriva alle protesi il costo medio si aggira sugli 800 euro. Purtroppo esistono pazienti con 500 euro di pensione. Non sono previsti bonus o rateizzazioni, non c'è modo per aiutarli»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Covid-19, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Servono misure eccezionali per far fronte alla situazione»
«Quello che sta accadendo è la prova provata che non si sta investendo nella medicina territoriale e neanche nei dipartimenti di prevenzione cioè quelli che si occupano di igiene pubblica» dichiara in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Vorremmo che qualcuno ci spiegasse a cosa serve fare migliaia di tamponi se […]
«Ammirazione per il medico di Aosta che ha violato la quarantena per salvare una vita»
di Luciano Cifaldi, primario oncologo, segretario generale della Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
«Che fine hanno fatto le altre malattie?»
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...